Logo stampa
 

Domande e risposte sulla qualità dell'acqua

Il canale dell'acqua torna alla home page
 
Domande e risposte sulla qualità dell'acqua - parliamone in chat martedì 2 ottobre dalle 16.30 alle 18.30
 



Oltre 150 messaggi dai cittadini nella chat sulla qualità dell'acqua Hera
Domande e risposte rimarranno consultabili on line

Due ore di chat per dialogare in tempo reale con cittadini e clienti, ricevendo oltre 150 messaggi e fornendo altrettante risposte, con oltre 100 utenti collegati. Sono questi i numeri della chat dello scorso 2 ottobre dedicata all'acqua Hera, per confrontarsi sulla sua qualità e sulla quarta edizione del Report "In buone acque".

Le domande sono arrivate direttamente dai cittadini ma anche dalla Gazzetta di Modena che ha dato voce a nove suoi lettori. Le risposte sono state fornite da un pool di dirigenti e tecnici dell'azienda riuniti ad hoc e da tre esperti esterni, ovvero Renata Caudarella (professoressa specialista in malattie del metabolismo e del ricambio), Leonella Rossi (Responsabile di Area Attività Laboratoristiche di Arpa Emilia-Romagna), Cecilia Bergamini (Responsabile di Area Chimica Acque e Contaminanti organici di Arpa Emilia-Romagna). Tutte le domande e gli interventi arrivati sono stati pubblicati e il confronto si è sviluppato in maniera costruttiva.

Tra i temi che hanno destato maggiore interesse, i parametri medi e la qualità dell'acqua distribuita da Hera, lo stato delle tubature e il report "In buone acque".

É la terza esperienza di chat del Gruppo, dopo la sperimentazione del 2011 e dello scorso aprile (sempre per il Bilancio di Sostenibilità), con una buona partecipazione, segno che questo canale di ascolto, se aperto, viene percepito positivamente e utilizzato per confrontarsi con l'azienda.

Di seguito è possibile consultare in versione integrale i contenuti della chat sulla qualità dell'acqua.

 
Le vostre domande
Per visualizzare il contenuto è necessario accettare i cookie
Per visualizzare il contenuto è necessario accettare i cookie
Hera Risponde
Per visualizzare il contenuto è necessario accettare i cookie
Per visualizzare il contenuto è necessario accettare i cookie