Logo stampa
 

Chi decide il costo dell'acqua?

Le tariffe del servizio idrico integrato sono stabilite da un’Agenzia territoriale, costituita dai Comuni della tua provincia, in linea con la normativa definita da Stato e Regione.

Le tariffe del servizio idrico integrato (acquedotto, fognatura e depurazione) in vigore attualmente (anno 2012) nel territorio servito da Hera sono state stabilite dalle Autorità di Ambito Territoriale Ottimale nota glossario Autorità di Ambito Territoriale Ottimale competenti per territorio, costituite dai Comuni di ciascuna provincia, nel dicembre 2011.

La Legge regionale n.23 del 23 dicembre 2011 ha costituito l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti cui partecipano tutti i Comuni, le Province e la Regione e che svolgerà tutte le funzioni prima svolte dalle Autorità di Ambito Territoriale Ottimale.

Le tariffe deliberate dalle Autorità di Ambito Territoriale Ottimale vengono determinate dal 2008 sulla base dei criteri stabiliti dalla Regione Emilia Romagna, contenuti nel “Metodo tariffario per la regolazione della determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in Emilia-Romagna” (Decreto del Presidente della Giunta Regionale 13 marzo 2006, n. 49). Tale metodo è peraltro coerente con la normativa nazionale in tema di tariffe idriche rappresentata dal “Metodo normalizzato per la definizione delle componenti di costo e la determinazione della tariffa di riferimento del servizio idrico integrato” previsto dall’articolo 154 del Decreto Legislativo 152/2006 (Decreto Ambiente) e definito nel Decreto del Ministro dei Lavori Pubblici 1 agosto 1996.

La normativa nazionale stabilisce che la tariffa rappresenta il corrispettivo del servizio idrico integrato e che deve essere determinata in modo da coprire tutti i costi di esercizio e quelli relativi agli investimenti. Il Decreto del Ministro dei Lavori Pubblici del 1996 ha definito quali sono le componenti di costo della tariffa e come devono essere determinate. L’Autorità di Ambito Territoriale Ottimale (dal 2012 l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti) quantifica la tariffa e ne decide l’articolazione tra le varie tipologie di clienti, tra le varie fasce di consumo e tra le tre componenti del servizio idrico integrato (acquedotto, fognatura e depurazione). La tariffa così definita viene applicata dal gestore.