Logo stampa
 
PREMI E RICONOSCIMENTI

Hera al top del web: per la prima volta sul podio con la comunicazione on line

Lo studio  H&H Webranking analizza la comunicazione istituzionale on line e la classifica, stilata ogni anno, ha visto da sempre i più grandi gruppi industriali italiani occupare saldamente i primi posti. Per l'edizione 2009 invece la graduatoria è stata scompaginata dal piazzamento al secondo posto del Gruppo Hera, che ha scavalcato colossi storicamente leader nella comunicazione “corporate”. Poco più di un punto separa peraltro Hera dalla prima classificata tra le top 100: l’azienda ha infatti totalizzato, un punteggio di 87.75, contro gli 89 di Eni.

Un risultato che stacca nettamente tutte le altre utility italiane e che conferma il crescente impegno profuso dall’azienda per elevare la qualità e la trasparenza della propria comunicazione, intesa sempre più come leva strategica. E' l'unica utility italiana ad avere raggiunto questo risultato nella storia del Webranking.

L’articolo pubblicato il 23 novembre sul Corriere sottolinea come “il Gruppo Hera è da anni all’avanguardia nella comunicazione con gli azionisti, grazie alla pubblicazione del bilancio interattivo in doppia lingua, italiano e inglese, prima dell’assemblea.” In effetti Hera già dal 2007 pubblica on line il proprio bilancio annuale il giorno stesso in cui è stato approvato dal CdA, con un mese di anticipo rispetto all’assemblea dei soci. Nel 2009 ha pubblicato anche il sito della Semestrale e il bilancio interattivo della Sostenibilità

 
Webranking 2009

Cos'è il Webranking

L’analisi Webranking, svolta ogni anno da Hallvarsson & Halvarsson in collaborazione con il Corriere della Sera, valuta la qualità della comunicazione on-line delle 100 società italiane a maggiore capitalizzazione quotate alla Borsa di Milano e, in questo campo, rappresenta la ricerca più approfondita a livello europeo. Oggetto dell’analisi sono le informazioni e le funzionalità finanziarie e istituzionali pubblicate nella versione in lingua inglese dei siti web.
Ogni anno, la ricerca trae origine da un’indagine preliminare che ha raccolto le richieste e le preferenze espresse da oltre 300 professionisti di tutta Europa (investitori, analisti e giornalisti economici). Su queste basi è stato definito il protocollo con i parametri di giudizio dei siti: quest’anno sono stati definiti 140 criteri, un terzo dei quali dedicato ai contenuti finanziari.

 
 
Valore condiviso nel bilancio di sostenibilità 2017
 
Valore condiviso al centro del bilancio di sostenibilità 2017
 
 
Lo sviluppo sostenibile
 
Sustainability in Hera Group
 
 
Risultati economici 2017
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera