Logo stampa
15 anni
TUTTI I COMUNICATI
Condividi
10/05/2018

Il CdA Hera approva i risultati del primo trimestre 2018

La relazione trimestrale consolidata al 31 marzo evidenzia una crescita di tutti gli indicatori economico-finanziari e il positivo contributo delle principali aree di business, con un ulteriore miglioramento della posizione finanziaria netta.

Highlight finanziari

  • Ricavi a 1.741,3 milioni di euro (+10,4%)
  • Margine operativo lordo (MOL) a 322,7 milioni (+5,2%)
  • Utile netto per gli Azionisti a 120,5 milioni (+9,6%)
  • Posizione finanziaria netta in miglioramento a 2.502,1 milioni

Highlight operativi

  • Buon contributo alla crescita da parte dei principali business, con particolare riferimento al settore gas
  • Solida base clienti nei settori energetici, in aumento a circa 2,4 milioni di clienti
  • Gestione improntata all’estrazione di efficienze ed espansione
 

Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Hera ha approvato oggi all’unanimità i risultati economici consolidati del primo trimestre 2018, che confermano il trend positivo con tutti i principali valori in crescita.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie all’ormai consolidata strategia multibusiness, bilanciata tra attività regolamentate e a libera concorrenza. Un modello perseguito calibrando crescita organica e opportunità offerte dal mercato attraverso lo sviluppo per linee esterne. Nel primo trimestre, in particolare, si sono registrate variazioni di perimetro dovute al consolidamento del Gruppo Aliplast e di Verducci Servizi, alla cessione di Medea a Italgas e all’uscita dal perimetro delle attività di raccolta rifiuti e spazzamento nel forlivese; mentre le attività di M&A si sono concentrate soprattutto nell’area energy con le acquisizioni di Blu Ranton e del 49% di Sangroservizi, alle quali si aggiunge il subentro nella fornitura ai 13.000 clienti a maggior tutela del comune di Gorizia attraverso EnergiaBaseTrieste.

Ricavi per circa 1,74 miliardi di euro

Nel primo trimestre 2018, i ricavi sono stati pari a 1.741,3 milioni di euro, in crescita rispetto ai 1.577,8 milioni dell’analogo periodo del 2017. A questo risultato hanno contribuito principalmente le maggiori attività di trading e i maggiori ricavi provenienti dalla vendita di gas ed energia elettrica, oltre che dall’area ambiente e dai titoli di efficienza energetica.

Margine operativo lordo (MOL) in aumento a 322,7 milioni di euro

Il margine operativo lordo passa da 306,8 milioni di euro dei primi tre mesi del 2017 ai 322,7 milioni al 31 marzo 2018, registrando un incremento di quasi 16 milioni (+5,2%). La crescita è da attribuire alle buone performance delle principali aree del Gruppo, ma in particolare del settore gas, per effetto dei maggiori volumi venduti e dell’incremento della marginalità delle attività di trading.

Risultato operativo e utile ante-imposte in crescita, migliora la gestione finanziaria

L’utile operativo al 31 marzo 2018 è di 197,6 milioni di euro, in crescita rispetto ai 187,3 milioni dell’analogo periodo del 2017 (+5,5%). Migliora di 5,6 milioni di euro la gestione finanziaria, pari a 17,5 milioni al termine del primo trimestre, grazie all’efficienza sui tassi e ai maggiori proventi per interessi derivanti dai clienti in salvaguardia. Alla luce di questa situazione, l’utile prima delle imposte passa dai 164,2 milioni dei primi tre mesi del 2017 ai 180,1 milioni dell’analogo periodo del 2018, evidenziando un incremento nel tasso di crescita a +9,7%.

Utile netto per gli Azionisti in crescita a 120,5 milioni (+9,6%)

L’utile netto al 31 marzo 2018 sale a 125,9 milioni di euro, in aumento rispetto ai 115,3 milioni del 2017. È di 120,5 milioni di euro, invece, l’utile di pertinenza degli Azionisti del Gruppo, in crescita di 10,6 milioni dai 109,9 milioni dello stesso periodo del 2017. Risultati che, a fronte di un tax rate del 30,1%, si devono anche al continuo impegno del Gruppo nel cogliere le opportunità riconosciute dalla legge in materia di ammortamenti dei consistenti investimenti effettuati in chiave Utility 4.0, oltre che al credito d’imposta per ricerca e sviluppo e alla consuntivazione di benefici già acquisiti.

Circa 85 milioni di investimenti e posizione finanziaria netta in leggero miglioramento

Nei primi 3 mesi del 2018 gli investimenti del Gruppo ammontano a 84,6 milioni di euro, comprensivi delle acquisizioni nelle società Blu Ranton e Sangroservizi. Gli investimenti operativi, in crescita del 5,9%, hanno riguardato principalmente interventi su impianti, reti ed infrastrutture, a cui si aggiungono gli investimenti per la sostituzione massiva dei contatori e nell’ambito depurativo e fognario.

Per il terzo trimestre consecutivo la posizione finanziaria netta, pari a 2.502,1 milioni di euro, risulta in miglioramento (rispetto ai 2.523,0 milioni al 31 dicembre 2017), grazie alla positiva e crescente generazione di cassa che ha consentito, tra l’altro, di finanziare anche le recenti acquisizioni. Il rapporto PFN/MOL su base rolling 12 mesi è si è attestato a 2,5 volte, evidenziando un ulteriore miglioramento della solidità finanziaria.

Area gas

Il MOL dell’area gas, che comprende i servizi di distribuzione e vendita gas metano e GPL, teleriscaldamento e gestione calore, nel primo trimestre 2018 si attesta a 148,2 milioni di euro, in crescita rispetto ai 135,6 milioni del 31 marzo 2017 (+9,3%), grazie ai maggiori volumi di gas venduti, alla crescita dei volumi di trading e al maggior perimetro di attività del servizio svolto. Il numero di clienti gas sale a 1,4 milioni di unità, in aumento dell’1,1%, rispetto all’analogo periodo del 2017 grazie alle azioni commerciali.

Il contributo dell’area gas al MOL di Gruppo è pari al 45,9%.

Area ciclo idrico

Il MOL dell’area ciclo idrico integrato, che comprende i servizi di acquedotto, depurazione e fognatura, passa dai 53,3 milioni di euro dei primi tre mesi del 2017 ai 55,6 milioni del primo trimestre 2018 (+4,3%), grazie in particolare ai maggiori ricavi da somministrazione. Ha contribuito ai risultati anche il premio per la qualità del servizio, riconosciuto dalle autorità regolatorie in base al metodo tariffario vigente.

Il contributo dell’area ciclo idrico integrato al MOL di Gruppo è pari al 17,2%.

Area ambiente

Il MOL dell’area ambiente, che include i servizi di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti, passa dai 64,0 milioni di euro del primo trimestre 2017 ai 66,5 milioni al 31 marzo 2018 (+3,9%). Tale andamento è dovuto principalmente ai risultati positivi conseguiti nell’area del trattamento rifiuti, che segue i positivi trend del mercato.

Buoni i risultati anche sul fronte della raccolta differenziata che sale a quota 59,5%, rispetto al 57,5% dei primi tre mesi del 2017, grazie ai molteplici progetti messi in campo in tutti i territori.

Il contributo dell’area ambiente al MOL di Gruppo è pari al 20,6%.

Area energia elettrica

Il MOL dell’area energia elettrica, che comprende i servizi di produzione, distribuzione e vendita di energia elettrica, si registra in lieve calo passando dai 48,4 milioni di euro del primo trimestre 2017 ai 45,3 milioni al 31 marzo 2018, a causa di temporanei fermi di alcuni impianti per manutenzioni programmate. Ciononostante il settore ha fatto registrare per la prima volta il traguardo di 1 milione di clienti, in aumento del 10,6% rispetto al primo trimestre del 2017, nonché un aumento complessivo del 23,7% nei volumi venduti, con incrementi sostanziali sia sul mercato libero sia sul mercato della salvaguardia. Un risultato di rilievo che si deve al rafforzamento continuo dell’azione commerciale e all’ampliamento della base clienti.

Il contributo dell’area energia elettrica al MOL di Gruppo è pari al 14%.

 Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Luca Moroni, dichiara, ai sensi dell’articolo 154-bis, 2°comma del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

Il resoconto trimestrale di gestione e la relativa documentazione sono  a disposizione del pubblico presso la Sede Sociale e sul sito internet www.gruppohera.it.

Si allegano i prospetti contabili, estratti dal Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2018, non soggetti a revisione contabile.

 
Conto economico
(mln €)
mar-18Inc%mar-17Inc.%Var. Ass.Var. %
Ricavi1.741,3 1.577,8 +163,5+10,4%
Altri ricavi operativi95,35,5%89,85,7%+5,5+6,1%
Materie prime e materiali(831,4)-47,7%(732,2)-46,4%+99,2+13,5%
Costi per servizi(538,5)-30,9%(488,8)-31,0%+49,7+10,2%
Altre spese operative(12,7)-0,7%(12,0)-0,8%+0,7+5,8%
Costi del personale(140,0)-8,0%(137,2)-8,7%+2,8+2,0%
Costi capitalizzati8,70,5%9,40,6%-0,7-7,5%
Margine operativo lordo322,718,5%306,819,4%+15,9+5,2%
Amm.ti e Acc.ti(125,0)-7,2%(119,6)-7,6%+5,4+4,5%
Margine operativo netto197,611,3%187,311,9%+10,3+5,5%
Gestione Finanziaria(17,5)-1,0%(23,1)-1,5%-5,6-24,3%
Risultato prima delle imposte180,110,3%164,210,4%+15,9+9,7%
Imposte(54,2)-3,1%(48,9)-3,1%+5,3+10,8%
Utile netto dell'esercizio125,97,2%115,37,3%+10,6+9,2%
Attribuibile a:      
Azionisti della Controllante120,56,9%109,97,0%+10,6+9,6%
Azionisti di minoranza5,40,3%5,40,3%-0,0-0,1%

 

Stato patrimoniale (mln €)31/03/2018Inc.%31/12/2017Inc.%Var. Ass.Var.%
Attività immobilizzate nette5.792,4109,1%5.780,6110,5%+11,8+0,2%
Capitale circolante netto92,31,7%23,20,4%+69,1+297,8%
(Fondi diversi)(576,7)(10,8%)(574,9)(10,9%)(1,9)+0,3%
Capitale investito netto5.308,0100,0%5.229,0100,0%+79,0+1,5%
Patrimonio netto complessivo2.805,952,9%2.706,051,7%+99,9+3,7%
Indebitamento netto a lungo2.739,951,6%2.735,452,4%+4,5+0,2%
Posizione netta a breve(237,8)(4,5%)(212,4)(4,1%)(25,4)+12,0%
Indebitamento finanziario netto2.502,147,1%2.523,048,3%(20,9)(0,8)%
Fonti di finanziamento5.308,0100,0%5.229,0100,0%+79,0+1,5%
 
Online dal 10-05-2018 alle 11:30
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera
 
 
Hera scorre da 15 anni
 
Un'Hera che scorre da 15 anni
 
 
Valore condiviso
 
Un bilancio di sostenibilità a valore condiviso 2016