Logo stampa
 

Investitore privato

Hera desidera comunicare con gli investitori privati in maniera tempestiva e trasparente.

Questa sezione è stata appositamente creata per soddisfare le esigenze informative delle circa 20.000 persone fisiche che, acquistando il titolo Hera, dimostrano la loro fiducia nel raggiungimento degli obiettivi di crescita previsti dal Gruppo.

Lo strumento trimestrale idoneo a fornire a tutti gli investitori un'informazione semplice ma completa relativa agli eventi e ai risultati rilevanti del Gruppo è la Newsletter.

 
 
 
Notizie da Market Insight

Format 2.0 specializzato sui mercati finanziari e sulle società quotate in Borsa. Uno spazio che mette a disposizione degli investitori un'informazione basata sui fondamentali puntuale, precisa e sempre aggiornata.

Market Daily News
Macroscenario di riferimento, notizie del settore, Hera in Borsa, grafici e tabelle
  • 22/03/2019 MACRO SCENARIO DI RIFERIMENTO EUROZONA – La prima lettura di marzo dell’indice di fiducia dei consumatori, stilato dalla Commissione europea, si attesta a -7,2 punti, poco al di sotto dei -7,1 punti del consensus  e superiore alla rilevazione di febbraio (-7,4 punti). USA – (1) A marzo l’indice di fiducia[…]

22/03/2019

MACRO SCENARIO DI RIFERIMENTO

  • EUROZONA – La prima lettura di marzo dell’indice di fiducia dei consumatori, stilato dalla Commissione europea, si attesta a -7,2 punti, poco al di sotto dei -7,1 punti del consensus  e superiore alla rilevazione di febbraio (-7,4 punti).
  • USA – (1) A marzo l’indice di fiducia commerciale dei produttori del distretto di Philadelphia è balzato a 13,7 punti dai -4,1 punti del mese precedente. Il dato si è rivelato nettamente sopra il consensus pari a 4,8  punti; (2) Nella settimana che si è conclusa il 16 marzo le richieste di sussidi di disoccupazione sono state pari a 221mila unità, inferiori al consensus (225mila unità) e alle 230mila unità della settimana precedente (riviste di poco al rialzo dalle 229mila unità prima indicate). Il numero totale di persone richiedenti l’indennità di disoccupazione nella settimana terminata il 9 marzo è stato pari a 1,750 milioni, al di sotto delle stime degli analisti (1,770 milioni) e dei 1,777 milioni precedenti (rivisti leggermente al rialzo dagli 1,776 milioni comunicati in precedenza); (3) A febbraio il Leading Index del Conference Board statunitense ha guadagnato lo 0,2%(consensus +0,1%), dopo il +0% di gennaio (dato rivisto da -0,1%).

NOTIZIE DEL SETTORE

  • ENEL – A mercati chiusi ha pubblicato i risultati consolidati relativi all’esercizio 2018, da cui emerge che l’Ebitda è aumentato del 4,5% a 16,4 miliardi e l’utile netto di pertinenza dei soci ha registrato un balzo del 26,7% a 4,8 miliardi. Il dividendo complessivo proposto per l’intero esercizio 2018 pari a 0,28 euro per azione (di cui 0,14 euro per azione già corrisposto quale acconto a gennaio 2019).
  • TERNA – (1) Nel 2018 ha registrato un Ebitda consolidato salito del 2,9% a 1,6 miliardi, principalmente grazie al contributo del business regolato Italia. L’utile netto di competenza del gruppo si attesta a 706,6 milioni, in aumento del 2,7%. Il Cda proporrà all’assemblea degli azionisti l’approvazione di un dividendo per azione a valere sul 2018 pari a 23,32 centesimi di euro e la distribuzione, al netto dell’acconto su tale cedola pari a 7,87 centesimi già pagato lo scorso 21 novembre 2018, dei rimanenti 15,45 centesimi, da mettere in pagamento il prossimo 26 giugno (data stacco cedola il 24 giugno); (2) Ha presentato il piano strategico 2019-2023, in base al quale Terna intende focalizzarsi sullo sviluppo e integrazione in rete delle fonti di energia rinnovabile e sull’efficienza energetica complessiva del sistema elettrico. Di rilievo, gli oltre 6 miliardi di investimenti destinati a tutti i business e il dividend payout del 75% per gli anni 2022 e 2023, con una cedola minima comunque garantita pari a quella di competenza dell’esercizio 2021.

UTILITY IN BORSA (del 21 marzo 2019)

Ieri il Ftse Italia Servizi Pubblici ha chiuso in rialzo dello 0,6%, sovraperformando l’indice Ftse Mib (+0,2%), ma facendo peggio dell’indice europeo Euro Stoxx 600 Utilities (+0,8%).

Nel comparto obbligazionario il tasso sul Treasury decennale si è avvicinato ai minimi da oltre un anno al 2,51%, con un appiattimento generale della curva e lo spread con il biennale in calo a soli 12 punti base. Rendimenti in calo anche tra i bond europei, fra cui il Btp decennale in diminuzione al 2,47%, con uno spread dal Bund poco mosso in area 242 punti base.

Le azioni Hera hanno guadagnato lo 0,9 per cento.

MERCATI DELL’ENERGIA – Petrolio, gas ed energia elettrica

Principali indici italiani ed europei (performance giornaliere e settimanali)

Indici settoriali dello STOXX Europe 600 vs. Ftse Italia Servizi Pubblici (performance giornaliere)

Hera: quotazioni e volumi giornalieri negli ultimi 12 mesi

Multi-utility italiane (performance giornaliere e settimanali)

Multi-utility europee (performance giornaliere e settimanali)

Utility regolate europee (performance giornaliere e settimanali)

Altre utility europee (performance giornaliere e settimanali)

TABELLE

 
 
Al fine di offrire agli investitori privati un'informazione finanziaria trasparente, oggettiva e in tempo reale Hera mette a loro disposizione, in collaborazione con la testata giornalistica on line leader del settore, un flusso di notizie economicho-finanziarie relative al macro scenario di riferimento e un'analisi della performance giornaliera del proprio titolo.
  • 22/03/2019

    Di seguito gli appuntamenti macroeconomici in programma per la prossima settimana. Italia: Francia: Germania: Eurozona: Regno Unito: Usa: Giappone:

  • 22/03/2019

    Le viti ad alta resistenza sono uno dei tre prodotti di punta di Vimi Fasteners, in grado di generare circa il 10% del fatturato consolidato grazie alle loro applicazioni in molteplici settori. Un prodotto in continua evoluzione grazie alla costante attività di ricerca e sviluppo e innovazione tecnologica, così come[…]

  • 22/03/2019

    Nella tabella qui di seguito proponiamo l’aggiornamento al 22 marzo delle posizioni short comunicate alla Consob dagli operatori finanziari. Le posizioni vengono rilevate soltanto se superiori allo 0,5 per cento. La tabella mostra, in ordine decrescente, la classifica dei titoli in base alla quota di capitale su cui sono aperte[…]

  • 22/03/2019

    Prosegue in rosso la giornata dei listini europei, che hanno invertito la rotta in mattinata dopo i dati sotto le attese sull’attività manifatturiera tedesca di marzo. Intorno alle 15:20 il Ftse Mib cede l’1% in area 21.160 punti, negativo come il Dax di Francoforte (-0,8%), il Cac 40 di Parigi[…]

  • 22/03/2019

    Il 20 e 21 marzo Giglio Group ha partecipato alla Star Conference di Borsa Italiana, un evento per presentare a investitori istituzionali internazionali e nazionali i risultati conseguiti e le potenzialità di sviluppo del business. “Questo è stato il vero e proprio debutto alla Star Conference”, esordisce così a Market[…]

  • 22/03/2019

    A gennaio le scorte all’ingrosso statunitensi sono aumentate dell’1,2%, dopo il +1,1% di dicembre, contro un consensus che indicava invece un incremento dello 0,1 per cento.

  • 22/03/2019

    Apertura negativa a Wall Street che si accoda all’andamento dei listini europei, appesantiti da dati sotto le attese per quanto riguarda l’attività manifatturiera di marzo in Germania. Dopo pochi minuti di scambi Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq cedono infatti lo 0,8 per cento. Secondo la lettura preliminare di Markit,[…]

  • 22/03/2019

    A marzo il dato preliminare dell’indice Pmi Manifatturiero, stilato da Markit, si è attestato a 52,5 punti, al di sotto del consensus (53,5 punti) e del precedente (53 punti). Il Pmi Servizi è pari a 54,8 punti, dopo i 56 punti di febbraio e a fronte del consensus pari a[…]

  • 22/03/2019

    I futures sull’azionario Usa scambiano in ribasso dello 0,5-0,7%, preannunciando un’apertura negativa a Wall Street in scia all’andamento dei listini europei, in rosso dopo la pubblicazione della stima preliminare del Pmi manifatturiero tedesco sotto le attese. Ieri i principali indici americani hanno chiuso in rialzo, con Nasdaq a +1,4%, S&P 500[…]

  • 22/03/2019

    Dopo un avvio positivo le borse europee hanno invertito la rotta, condizionate dai dati sotto le attese sull’attività manifatturiera di marzo in Germania. Intorno alle 12:20 il Ftse Mib cede l’1,11% in area 21.140 punti, sottoperformando il Dax di Francoforte (-0,5%), il Cac 40 di Parigi (-0,9%), l’Ibex 35 di[…]

 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera
 
 
BS 2017: il Valore condiviso
 
Valore condiviso al centro del bilancio di sostenibilità 2017
 
 
Lo sviluppo sostenibile
 
Un'Hera che scorre da 15 anni