6.502
lavoratori
l'indotto occupazionale generato da Hera nel 2017
78
milioni di euro
investimenti in innovazione e digitalizzazione e 13 progetti in smart city, economia circolare e utility 4.0
75%
di suolo riutilizzato
nelle progettazioni realizzate nel 2016 e 2017

Diffusione dell’innovazione e della digitalizzazione

L’innovazione nel Gruppo Hera

Il progetto customer experience per migliorare la relazione con il cliente
Sono in fase di conclusione le attività relative al progetto di customer experience, avviato nel 2015, che si pone l’obiettivo di ridurre il divario tra il servizio erogato dal Gruppo Hera e le aspettative dei clienti.

Anche nel 2017 si sono concretizzati alcuni importanti progetti, tra i principali si trovano:

  • implementazione della firma digitale allo sportello, a supporto della digitalizzazione della documentazione: gli sportelli di Ravenna e Ferrara hanno già la possibilità di sottoscrivere contratti tramite firma digitale su tablet, per il 2018 è prevista l’estensione agli altri sportelli;
  • completamento del progetto “nuovo linguaggio”, volto alla valorizzazione della relazione con il cliente, che ha coinvolto tutte le strutture di front end, sia interne che esterne all’azienda. Il progetto proseguirà nel 2018 attraverso il coinvolgimento delle strutture di back office e la rivisitazione dell’attuale strumento di knowledge management.
  • lanciata la nuova app “My Hera” per gestire le forniture in mobilità e rinnovati i Servizi On Line, oggi disponibili anche per il Triveneto. Per il 2018 è invece prevista l’integrazione dei sistemi informativi delle società acquisite in Abruzzo, che estenderà ulteriormente la platea dei clienti che potranno usufruirne;
  • implementata una funzionalità di invio sms che ricorda l’appuntamento al cliente, per i servizi gas, acqua ed energia elettrica.

Social innovation: Il progetto Heureka +
Heureka+, lanciata a fine 2016,  è una piattaforma di social innovation, in cui ciascun dipendente può presentare una propria proposta, oltre che sviluppare in modo congiunto un’idea insieme a colleghi, dare un contributo alle idee o votare le proposte di altri. La piattaforma Heureka+, in definitiva, consente un’interazione diretta ed immediata tra i dipendenti per contribuire allo sviluppo e all’innovazione del Gruppo.

Per ottenere una maggiore focalizzazione delle proposte, la piattaforma Heureka+ è stata organizzata per ambiti o “sfide”. Nel corso del 2017 sono state lanciate 3 sfide, per le quali sono state proposte 79 idee in totale:

  • la prima sfida iniziata nel 2016 e terminata nel 2017 ha riguardato la comunicazione/promozione del marchio Hera verso interlocutori esterni e dipendenti (36 idee);
  • la seconda sfida ha riguardato la riduzione dei consumi del gruppo hera attraverso iniziative di efficienza energetica (26 idee);
  • la terza sfida ha riguardato l’economia circolare (17 idee).

Complessivamente per le tre sfide si sono registrati 381 commenti ricevuti e 1.439 voti alle idee pervenute.

Alla data di approvazione del presente bilancio di sostenibilità, tra le idee della prima edizione di Heureka e la prima sfida del 2017, 6 proposte sono già state realizzate:

  • PattumiHerapop: trasformazione dei cassonetti portarifiuti in oggetti di “arredo urbano” attraverso decorazioni effettuate da artisti;
  • Il mercato in Hera: organizzazione di un mercato con bancarelle di produttori del nostro territorio (ospitato presso alcune sedi Hera);
  • È l’hera di andare a scuola: creazione di materiali didattici in materiale riciclato con logo ìHera da regalare alle scuole;
  • Skype: utilizzo di Skype per riunioni e condivisione documenti;
  • Busta paga elettronica: invio elettronico delle buste paga;
  • Hera social: nuovo profilo Hera social network.

Inoltre, altre 8 proposte risultano in fase di realizzazione:

  • Data steward: introduzione della figura del Data Steward per gestione dati;
  • App per clienti: realizzazione di una app per consentire al cliente di fotografare il contatore per l’autolettura;
  • Auto ibride: rinnovamento parco auto con auto ibride;
  • App per passaggi in auto: applicativo web simile a Blablacar per pubblicare o visualizzare i assaggi in auto tra sedi Hera;
  • Office 365 in cloud: installazione di Office 365 per gestire la posta elettronica in cloud;
  • Firma contratti: introdurre un sistema che permetta al cliente di firmare i contratti immediatamente;
  • Smart working: possibilità di lavorare presso altra sede rispetto a quella assegnata per un giorno a settimana;
  • Heracover: realizzare cover per i cellulari con materiali ecosostenibili.

Infine un’ulteriore idea risulta in fase di approfondimento o verifica di fattibilità:

  • Il cappotto per le utenze: ideazione, creazione di un cappotto termico con il quale rivestire il contatore dell’acqua per evitare le rotture da gelo.

Nel corso del 2018 saranno lanciate tre nuove sfide, tra cui una relativa alla salute e sicurezza.

I progetti innovativi nel servizio idrico integrato
Il progetto “Sistema di idrolisi ad ultrasuoni dei fanghi” nasce a valle di una ricerca, effettuata nel 2017, finalizzata ad individuare nuove tecnologie per l’ottimizzazione del ciclo idrico e lo smaltimento dei fanghi di depurazione delle acque reflue urbane.

Il sistema di idrolisi ad ultrasuoni dei fanghi prevede che una parte dei fanghi inspessiti, provenienti dal processo di depurazione (20-50%), sia sottoposta ad onde acustiche, le quali, a contatto con la matrice liquida da trattare,  per mezzo della cavitazione, generano una lisi cellulare che rende disponibile alla biodegradazione una quantità maggiore di solidi volatili, aumentando la produzione di biogas e riducendo la sostanza secca finale nei fanghi e quindi riducendone il volume da smaltire.

Nel corso del 2018 si vuole testare l’applicabilità della tecnologia in depuratori del Gruppo, già lanciata a febbraio 2018.

La digitalizzazione interna

Progetto Smart working
Nel corso del 2017, a seguito di un approfondito benchmark con altre aziende e all’emanazione della legge 81/2017 sul lavoro agile, è stato dato avvio al progetto “Smart Working”, che integra quatto dimensioni diverse: comportamenti e cultura organizzativa, tecnologie, tempi e spazi di lavoro. L’obiettivo del progetto è quello di  promuovere la produttività e l’efficacia lavorativa, utilizzare approcci lavorativi nuovi, ripensare le modalità collaborative e di lavoro in team, cogliere le opportunità che le tecnologie e la disposizione degli spazi possono offrire alle persone, trovando un maggiore bilanciamento tra lavoro e vita privata e privilegiando flessibilità, autonomia, fiducia e responsabilizzazione (delle persone e anche dei loro responsabili).

Il progetto si è focalizzato su diversi aspetti:

  • Remote Working;
  • lavorare anche fuori dall’abituale sede di lavoro (per i dipendenti in possesso dei requisiti);
  • ripensamento degli spazi lavorativi per renderli maggiormente fruibili e meglio rispondenti alle esigenze lavorative;
  • informazione e formazione diffusa sugli strumenti tecnologici in relazione alle attività da svolgere.

Nell’ambito del progetto, l’approccio scelto per implementare le iniziative di Remote Working, ha visto l’attivazione di 6 progetti pilota in diverse aree aziendali con l’obiettivo di monitorarne l’applicazione in vista di una successiva più ampia estensione.

La sperimentazione (da ottobre 2017 a marzo 2018), è stata avviata nelle seguenti aree:

  • Direzione Qualità, Sicurezza e Ambiente Hera SpA;
  • Direzione Commerciale e Marketing di Hera Comm;
  • Direzione Vendite in ambito Herambiente;
  • Direzione Sistemi informativi Hera SpA;
  • Sistemi informativi AcegasApsAmga;
  • Sistemi informativi MarcheMultiservizi.

All’avvio del progetto,  sono state effettuate diverse sessioni formative di approfondimento sui temi dello Smart Working che hanno avuto  l’obiettivo di sviluppare una corretta consapevolezza sul tema e presentare il modello e le modalità di applicazione che Hera ha scelto di adottare. Sono stati, inoltre, realizzati momenti formativi specifici sugli strumenti informatici, a partecipazione volontaria.

Nell’ambito dei progetti pilota è stata somministrata una survey ad avvio delle iniziative, che sarà riproposta nel primo trimestre del 2018, in modo da rilevare le differenze in termini di benefici attesi e di aspettative. Inoltre, nell’ambito delle iniziative di ascolto, nel mese di febbraio 2018 saranno organizzati specifici focus group (per responsabili e collaboratori) per rilevare indicazioni e buone pratiche a seguito dell’applicazione del Remote Working, avvenuta durante i mesi del pilota.

Il progetto ha favorito la riprogettazione “smart” di alcuni spazi disponibili all’interno delle  strutture del Gruppo, oltre che l’allestimento di temporary office sui principali territori.

Smart Hera

A partire dal 2015 alcuni dipendenti del Gruppo Hera effettuano riunioni periodiche per studiare e sviluppare piccole iniziative di innovazione, miglioramento ed efficientamento degli strumenti di lavoro. In quest’ambito rientrano una serie di attività già realizzate o in corso di realizzazione.

Tra le iniziative già realizzate nel 2017 si segnalano:

  • il completamento copertura wi-fi per tutte le principali sedi del Gruppo;
  • la realizzazione e il lancio di una app interna per i dipendenti per rendere più agevole l’utilizzo di una serie di servizi per i dipendenti (prenotazione sale riunioni, approvazione RdA, segnalazione mancati infortuni, richieste di telefonia ecc…).

Tra le iniziative in corso di realizzazione si segnalano:

  • le reception virtuali per la gestione degli accessi di visitatori nelle sedi Hera attraverso operatori collegati da remota;
  • l’implementazione di nuove tecnologie applicate ai badge aziendali;
  • l’introduzione di sistemi ad altissima affidabilità per garantire le comunicazioni operative in casi di emergenza con indisponibilità delle normali reti di trasmissione voce.

Her@futura

Con HER@futura, il Gruppo ha avviato un percorso volto a sviluppare una cultura favorevole al digitale ed un know-how diffuso su tali tematiche, rafforzando altresì competenze verticali e cross-funzionali.

La prima fase del progetto, ha previsto la realizzazione di una survey, basata su un percorso di gaming online e finalizzata ad esplorare il grado di propensione del Gruppo in merito alle dimensioni Digitale, Data Analytics, Smart Working e ICT.

Il grado di partecipazione all’iniziativa è stato pari a circa il 60% dell’intera popolazione aziendale, 76% considerando le risorse con mail aziendale. Dalle prime evidenze emerge entusiasmo e disponibilità nei confronti dell’innovazione digitale e dei benefici che porterà nel mondo lavorativo. Risulta diffusa, inoltre, la propensione a lavorare con flessibilità, agilità e capacità di adattamento, elementi indispensabili per favorire modalità di lavoro più smart.

I prossimi passi prevedono un programma di iniziative formative ed applicative differenziate per canale, target e contenuti, finalizzate a rafforzare le competenze di base e l’approccio manageriale, nonché a incrementare velocità ed efficacia dei progetti aziendali in ambito digitale.

Hera Iren e Smat insieme per migliorare il servizio idrico integrato

Nel 2014 è stato sottoscritto fra Hera, Iren e Smat un accordo di partnership di durata quinquennale per la ricerca applicata finalizzato allo sviluppo di progetti condivisi di ricerca, innovazione e formazione nei settori e nelle attività connesse al servizio idrico integrato.

Successivamente, sono state regolamentate le attività e sono stati individuati i primi progetti per il biennio 2015-2016 relativi alle seguenti aree tematiche:

  • processi di potabilizzazione e di depurazione;
  • analisi di laboratorio specialistiche, sistemi di misura on line, sensoristica innovativa;
  • sviluppo di sistemi di telecontrollo, sistemi esperti e modellistica.

Per ciascuna area sono stati definiti e sviluppati tre progetti, ciascuno dei quali coordinato da una delle tre società, ma sviluppati congiuntamente da tutte.

I progetti hanno avuto come comune denominatore lo sviluppo industriale di tecniche e di sistemi per ottimizzare l’efficienza di reti e impianti, al fine di ridurne i costi gestionali e/o aumentarne le performance operative.

Nel 2017 sono state completate le ultime attività relative a tali progetti. Sono stati inoltre definiti i temi d’interesse per i progetti del biennio 2017-2018 e dato loro avvio. I tre progetti riguardano:

  • rotture delle reti d’acquedotto: sistemi di analisi e supporto alle decisioni;
  • modellazione integrata ambientale per la valutazione dell’impatto di eventi meteo intensi a supporto della gestione delle reti di drenaggio urbano;
  • recupero di materia dal ciclo di depurazione delle acque reflue urbane: la struvite.

Oltre all’approfondimento dei temi specifici di ciascun progetto, la condivisione di esperienze e approcci diversi consente al Gruppo Hera di effettuare un’analisi critica in riferimento al proprio modus operandi e di strutturare una rete di relazioni – sia interne alle aziende sia con i reciproci partner esterni qualificati – di notevole utilità, anche successivamente alla chiusura dei progetti.

Sistema Servizi Ambientali: l’informatica per gestire i servizi ambientali

Nel 2017 il Sistema Hergo Ambiente è stato esteso anche sul territorio di AcegasApsAmga (Gennaio 2017) e Marche Multiservizi (Marzo 2017). Inoltre, sono state ulteriormente consolidate le sue funzionalità attraverso alcune evoluzioni di sistema richieste dal Gruppo, ed è proseguito il processo di miglioramento continuo in termini di utilizzo e qualità dei dati inseriti a sistema.

Nel corso dell’anno è stato implementato il progetto “Hergo CDR”, completando così il perimetro dei servizi gestiti a sistema in modo integrato, ed anticipando alcune funzionalità in ottica progetto “Tariffa Puntuale”. Si precisa che il roll-out sui 130 CDR gestiti da Hera SpA verrà completato entro il mese di aprile 2018.

Il progetto di Location Business Intelligence è stato industrializzato ed è ora disponibile per l’utilizzo da parte del Gruppo. Tale progetto, secondo le analisi condotte, evolverà ulteriormente nel 2018.

La digitalizzazione per i nostri clienti

Il Rifiutologo, una app per fare la raccolta differenziata e non solo: 95 mila cittadini la usano!
Il Rifiutologo è una app gratuita con diverse funzionalità, disponibile sia online sul sito di Hera che su App per smartphone e tablet. Al 31 dicembre 2017 ha totalizzato oltre 184.200 download e quasi 95.600 utenti attivi che hanno utilizzato l’applicazione, a dimostrazione dell’utilità dello strumento. Nel 2017 si è lavorato internamente per rendere il Rifiutologo uno strumento sempre più interattivo, in grado di fornire ai cittadini lo stato di fatto real time dei servizi ambientali, geolocalizzati per ciascuna area territoriale. È un grande cambiamento nelle informazioni di servizio che saranno rese disponibili ai cittadini tramite il nuovo sito clienti, oltre che con la nuova release dell’App, in previsione entro la primavera 2018. La parcellizzazione di ogni informazione di servizio all’interno del nuovo sistema dovrebbe permettere la visualizzazione dei singoli servizi offerti (es. ecomobili, colonnine per raccolta oli alimentari, posizione mini isole interrate…) e la consultazione dei calendari delle raccolte porta a porta, in modo da essere sempre aggiornati sui singoli servizi in tempo reale. Inoltre, dovrebbe essere ancora più fruibile la funzionalità “segnalazioni ambientali”, che rende possibile per il cittadino inviare un messaggio personalizzato o una foto in tempo reale e georeferenziata ai tecnici Hera per evidenziare un problema relativo ai servizi ambientali e/o richiedere un intervento operativo, lavori per i quali l’app comunica all’utente anche la data di avvenuta soluzione.

Nel 2017 le segnalazioni riguardanti lo svuotamento dei cassonetti, la pulizia delle strade e i rifiuti abbandonati sono state 29.840 (+51% rispetto al 2016); 5.660 i suggerimenti su nuove tipologie di rifiuti da inserire nel database (+34% rispetto al 2016). L’altra apprezzata funzionalità, la “scansione barcode”, che permette di riconoscere i materiali tramite il codice a barre stampato sui prodotti e indica come differenziare correttamente ciascun imballaggio, presenta al 31 dicembre 2017 un archivio di 1.300.000  barcode dei prodotti più diffusi. Nel caso di imballaggi composti da più materiali l’app è in grado di dare indicazioni sulla destinazione delle singole componenti. Se un codice non dovesse essere riconosciuto, oppure se mancasse un tipo di rifiuto, il cittadino può comunicarlo tramite il Rifiutologo affinché possa essere inserito nel sistema: nel 2017 le segnalazioni di codici a barre inviate dai cittadini per aggiornare il database sono state 7.529 contro le 11.850 del 2016, mentre le ricerche effettuate con la scansione del codice a barre registrano una crescita passando dalle 104.081 ricerche dell’anno 2016 alle 282.804 del 2017.

Con l’Acquologo tutto il servizio idrico a portata di smartphone
A luglio 2016 nasce l’Acquologo, applicazione gratuita dedicata al servizio idrico locale per i cittadini che vivono nei territori serviti da Hera. Numerose le funzionalità utili per l’utente, dall’autolettura del contatore alla possibilità di consultare i dati sulla qualità dell’acqua nel proprio comune, passando per il sistema di avviso di interruzioni idriche per lavori di manutenzione ordinaria e quello di segnalazione di rotture o fughe d’acqua sul suolo pubblico.

Nel corso del 2017 l’applicazione è stata scaricata 11.159 volte per un totale di 44.223 accessi. I cittadini con bolletta Hera possono utilizzare l’Acquologo per comunicare il consumo effettivo di acqua eseguendo velocemente l’autolettura del contatore e nel 2017 le letture trasmesse attraverso questo sistema sono state 5.420.

Hera gestisce il servizio idrico garantendo ai propri clienti un’acqua buona da bere nel rispetto dei requisiti normativi e con un’attenta sorveglianza lungo tutta la filiera di potabilizzazione. A conferma di ciò, l’Acquologo permette di consultare i principali dati (valori medi) sulla qualità dell’acqua erogata per ciascuno dei comuni serviti dalla multiutility confrontandoli con i limiti di legge. A questa funzionalità si aggiunge anche quella di valutazione del risparmio economico generato dal consumo di acqua del rubinetto al posto di quella in bottiglia. E per contattare gli esperti con domande e richieste sul servizio idrico locale o leggere le risposte alle domande più frequenti in questo ambito è possibile consultare la sezione “L’esperto risponde”. Nel corso del 2017 l’Acquologo ha registrato 58.823 accessi alle pagine relative alla qualità con 8.370 visualizzazioni dei dati specifici qualitativi e 23 richieste di approfondimenti attraverso il servizio “L’esperto risponde”.

In via sperimentale, a Bologna, la app può essere utilizzata anche per indicare perdite d’acqua importanti dovute a una rottura delle tubazioni sotto il manto stradale. Dopo aver scattato una foto e allegato un breve testo, è possibile trasmettere il guasto direttamente al Pronto Intervento Hera. Attraverso la geolocalizzazione, il sistema è capace di rilevare rapidamente il punto in cui è stata effettuata la segnalazione per indicarlo ai tecnici che dovranno arrivare sul posto. Nel corso del 2017 sono state registrate 190 segnalazioni attraverso l’app (fotosegnalazioni e chiamate al numero verde).

My Hera
My Hera è la nuova app, completamente gratuita, dedicata ai clienti residenziali che permette di gestire tutte le forniture, oltre che ad acquisire informazioni sui servizi offerti dall’azienda. My Hera è stata progettata per essere uno strumento di facile e immediato utilizzo per i clienti, che possono anche personalizzarne i contenuti decidendo a quali dare maggiore evidenza.

Dalla homepage di My Hera è possibile accedere a tutte le funzionalità:

  • pagare online le bollette e consultarne l’archivio;
  • effettuare l’autolettura;
  • controllare l’andamento e il dettaglio dei consumi;
  • visualizzare sulla mappa le stazioni ecologiche e i Punti Hera più vicini;
  • accedere alle app “Rifiutologo” ed “Acquologo”;
  • scoprire le offerte commerciali e le nuove iniziative;
  • richiedere l’invio elettronico delle bollette;
  • attivare la domiciliazione.

My Hera rappresenta anche un ulteriore canale di contatto con l’azienda in quanto i clienti possono:

  • ricevere l’assistenza su contratti, bollette e pagamenti;
  • attivare il servizio per il ritiro di rifiuti ingombranti;
  • effettuare segnalazioni di tipo ambientale;
  • avvisare il pronto intervento in caso di rotture della rete.

Digi e lode
Per il Gruppo Hera è importante dare priorità all’innovazione e alla digitalizzazione, a partire dai propri servizi: sviluppo dei Servizi On Line, realizzazione di app interattive per clienti e cittadini, e promozione di canali e servizi digitali dedicati.

Digi e Lode è il progetto che vede i clienti e l’azienda insieme per digitalizzare le scuole del territorio attraverso la promozione dei servizi digitali di Hera con il patrocinio dei Comuni. Si tratta di un contributo che il Gruppo vuole portare allo sviluppo del territorio, in continuità con le strategie aziendali che individuano proprio nell’innovazione uno dei punti cardine e in coerenza con gli obiettivi dettati dall’Agenda Globale dell’Onu al 2030.

Nello specifico, il progetto premia le scuole primarie e secondarie di 1°grado, pubbliche e paritarie, dei territori di Bologna, Modena, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini con 100.000€ da destinarsi alla loro digitalizzazione. Ogni volta che un cliente attiva uno dei servizi digitali offerti dal Gruppo Hera, dona 1 punto che può essere assegnato a una specifica scuola (in questo caso moltiplicato per 5) o ripartito tra le scuole del proprio Comune. Durante l’anno scolastico 2017/18 il Gruppo Hera premierà le 40 scuole (2.500€ a scuola) del territorio che avranno raggiunto il punteggio più alto.

I servizi digitali del Gruppo Hera che contribuiscono al progetto sono:

  • Servizi On Line, per gestire le forniture dal web;
  • App informative e a sostegno di comportamenti virtuosi (Acquologo e Rifiutologo);
  • App di servizio (My Hera) per una gestione facile e immediata delle proprie forniture;
  • Invio elettronico della bolletta, per riceverla in modo veloce ed ecologico;
  • Domiciliazione bancaria, per pagare le bollette in modo semplice e puntuale;
  • Autolettura digitale (dai Servizi On Line, da app, con SMS o al telefono con risponditore automatico);
  • Hera Fast Check Up, per essere supportati nella riduzione degli sprechi di luce e gas.

Con Hera l’evoluzione del contatore gas
L’innovazione proposta da Hera prevede un apparato per la rilevazione dei consumi delle utenze gas impiegabile su utenze residenziali, il cui funzionamento avviene secondo una logica di tipo innovativo. Gli apparati attuali, previsti dalla delibera Aeegsi 554/2015, consentono di interrompere l’erogazione del gas all’utenza, ma non hanno la possibilità di verificare se sussistano condizioni di pericolosità per l’erogazione del gas.

L’innovazione proposta da Hera è un apparato per la rilevazione dei consumi delle utenze gas che, oltre alla normale rilevazione dei consumi, consenta nel contempo di verificare anche le condizioni di esercizio dell’impianto di erogazione e di intervenire autonomamente in caso di anomalia, sia in maniera automatica sia su comando dell’utente. L’anomalia può derivare da un movimento tellurico piuttosto che da condizioni anomale di rete dell’impianto interno di utenza o dell’impianto di distribuzione cittadino.

L’apparato, verificando i dati di pressione di erogazione e portata, può intervenire intercettando il flusso di gas mediante l’elettrovalvola. A seguito dell’intervento di ripristino può eseguire un test dell’integrità dell’impianto di utenza.

Smart metering multiservizio: soluzioni di tele gestione al servizio dei clienti
Nel 2017 è terminata la sperimentazione smart metering multiservizio avviata da AEEGSI (ora ARERA, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) con la Delibera 393/2013/R/gas. Nella relativa graduatoria economico/qualitativa il progetto HERA si era classificato al primo posto tra quelli che si sono stati effettivamente concretizzati. A tal proposito il Gruppo ha realizzato un’infrastruttura di telelettura relativa di oltre 13.000 punti di fornitura dei servizi di distribuzione gas, acqua potabile, energia elettrica, teleriscaldamento e raccolta rifiuti nella città di Modena. Una particolare attenzione è rivolta al ruolo che hanno gli utenti, a cui è stato messo a disposizione un sito web, accessibile anche da dispositivi mobili, che consente di verificare giornalmente i propri consumi e, in caso di anomalia, di essere avvertiti mediante sms.

Le evidenze tecniche ottenute con questo progetto hanno consentito di acquisire il know-how necessario all’implementazione su larga scala di servizi a misurazione remota. Oltre alla telelettura del gas, le cui attività sono in pieno svolgimento nell’interezza del territorio del Gruppo Hera, le medesime tecnologie sono state impiegate nell’infrastrutturazione della nuova tariffa puntuale di raccolta rifiuti presso la città di Ferrara.