6.502
lavoratori
l'indotto occupazionale generato da Hera nel 2017
78
milioni di euro
investimenti in innovazione e digitalizzazione e 13 progetti in smart city, economia circolare e utility 4.0
75%
di suolo riutilizzato
nelle progettazioni realizzate nel 2016 e 2017

La valutazione degli investimenti ambientali permette di quantificare in termini economici gli interventi effettuati per migliorare la sostenibilità ambientale del Gruppo e del territorio in cui esso opera, mettendo quindi in evidenza quanto delle attività svolte si traduce in un miglioramento ambientale.

È stata definita come investimento ambientale qualsiasi investimento collegato a interventi la cui realizzazione ha comportato un significativo beneficio ambientale. Tenendo conto delle attività gestite da Hera, sono state considerate anche alcune attività caratteristiche svolte dall’azienda come la raccolta differenziata dei rifiuti, il funzionamento degli impianti di compostaggio oppure il potenziamento degli impianti di depurazione.

È stata effettuata una ricognizione di tali investimenti per le seguenti società: Hera Spa, Herambiente, Hera Comm, Uniflotte, AcegasApsAmga, Hera Luce e Marche Multiservizi.

Investimenti ambientali
milioni di euro 2015 2016 2017
Servizi energetici 67,9 77,2 84,7
Servizio idrico integrato 106,5 107,3 111,0
Servizi ambientali 17,2 22,9 35,3
Struttura centrale 0,9 1,2 1,2
Totale 192,5 208,6 232,3

I dati si riferiscono alle società AcegasApsAmga, Hera Spa, Herambiente, Hera Comm, Hera Luce, Marche Multiservizi e Uniflotte

Per quanto riguarda gli investimenti, relativamente ai servizi energetici sono state considerate le attività finalizzate alla manutenzione straordinaria delle reti gas, alla realizzazione o manutenzione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili o assimilate e alla gestione delle reti e degli impianti di teleriscaldamento. Sono stati inoltre considerati gli investimenti relativi alla cogenerazione industriale e gli interventi di efficienza energetica nella pubblica illuminazione fatti da Hera Luce.

Per il servizio idrico sono stati considerati gli interventi finalizzati alla riduzione delle perdite delle reti idriche, le estensioni della rete fognaria, l’ampliamento d’impianti di depurazione e gli interventi per il miglioramento delle prestazioni ambientali dei depuratori stessi.

Per i servizi ambientali sono state considerate le attività collegate alla raccolta differenziata come per esempio gli investimenti in stazioni ecologiche attrezzate, alla realizzazione o manutenzione degli impianti di selezione, separazione, compostaggio dei rifiuti e produzione di biometano, alla riduzione delle emissioni in atmosfera dei termovalorizzatori, alla produzione di energia elettrica in impianti di termovalorizzazione. Sono stati inoltre considerati gli investimenti per lo smaltimento dei rifiuti prodotti dall’azienda (es. impianti di captazione percolato in discarica) e di contenitori per la raccolta differenziata.

Per quanto riguarda la struttura centrale, sono stati considerati gli investimenti per l’acquisto di automezzi a minore impatto ambientale (metano, gpl, ecc.) e cassonetti e campane dedicate alla raccolta differenziata.

Gli investimenti ambientali totali sono stati pari a 232,3 milioni di euro, in aumento dell’11% rispetto al 2016 e corrispondenti a circa 23 milioni di euro in più. Tale variazione risulta così composta:

  • aumento degli investimenti nei servizi energetici (+10% rispetto allo scorso anno corrispondente a circa 7,6 milioni di euro) in particolare sulle reti e impianti gas ed interventi efficienza energetica su impianti di illuminazione pubblica;
  • aumento degli investimenti nei servizi idrici (+4% rispetto allo scorso anno corrispondente a circa 4 milioni di euro) in particolare per invertenti su miglioramenti della rete acquedottistica e fognature;
  • in aumento gli investimenti nei servizi ambientali (+54% rispetto allo scorso anno corrispondenti a circa 12,4 milioni di euro) determinato prevalentemente dall’investimento nell’impianto di biometano di Sant’Agata Bolognese.

Gli investimenti ambientali sono stati pari al 53% degli investimenti operativi non finanziari.

 

Il contributo di Hera per l’inclusione sociale