62,5%
raccolta differenziata
in un territorio di 3,1 milioni
di abitanti
93%
di rifiuti recuperati
la quota della raccolta differenziata
recuperata a favore dell’economia
circolare
150
mila tonnellate di CO2 evitate
con la plastica riciclata di Aliplast

I risultati del sistema di gestione integrata dei rifiuti di Hera

Il Gruppo Hera ricopre un ruolo primario nelle gestione dei rifiuti urbani, servendo 174 comuni in quattro regioni per una popolazione complessiva di 3,1 milioni di abitanti. In Emilia-Romagna Hera Spa gestisce il servizio di igiene urbana in sei province per un totale di 119 comuni. Nel 2018 Forlì e altri 12 comuni della provincia di Forlì-Cesena hanno costituito una società in house e sono usciti dalla gestione in affidamento a Hera Spa (i comuni serviti nel 2017 in Emilia-Romagna erano infatti 132). Oltre a questi comuni Hera Spa ne gestisce altri tre nella provincia di Firenze. Inoltre, tramite Marche Multiservizi, serve 40 comuni nella provincia di Pesaro-Urbino e altri sei comuni nei territori limitrofi delle Marche. Dal 2013, tramite AcegasApsAmga, serve sei comuni delle province di Padova e Trieste.

Rifiuti urbani totali raccolti per area territoriale
migliaia di t 2016 2017 2018
Hera 1.632,4 1.617,1 1.554,7
AcegasApsAmga 247,3 246,8 252,8
Marche Multiservizi 167,1 175,2 172,8
Totale 2.046,8 2.039,0 1.980,3
Chilogrammi per abitante 619 616 632

L’analisi dei dati relativi ai rifiuti raccolti deve tenere conto della variazione di perimetro data  dal passaggio dei 13 comuni del forlivese alla gestione in house. A parità di perimetro territoriale il trend nel biennio 2017-2018 mostra un aumento dei quantitativi raccolti in Emilia-Romagna (+4,6% rispetto al 2017), nel Triveneto (+2,4%) e un leggero calo nelle Marche (-1,3%).

Il territorio servito da Hera è caratterizzato da un elevato livello di assimilazione che determina una produzione annua pro capite di rifiuti tra le più alte in Italia: 632 chilogrammi per abitante (650 chilogrammi per abitante in Emilia-Romagna, 645 nelle Marche e 538 nel Triveneto) a fronte di una media nazionale di 489 kg nel 2017 (Fonte: Ispra, Rapporto Rifiuti Urbani 2018). Il dato è complessivamente in aumento rispetto al 2017, in particolare in Emilia-Romagna e nel Triveneto.

Il territorio gestito dal Gruppo Hera presenta un sistema di raccolta molto articolato, che consente di intercettare un’amplissima gamma di rifiuti urbani da avviare prioritariamente al recupero di materia coniugando le esigenze dei comuni con l’efficienza e l’efficacia della gestione.

Il Sistema di Gestione dei Rifiuti (SGR) di Hera è caratterizzato da tre servizi principali:

  • raccolte territoriali: sono raccolte diffuse capillarmente nel territorio e sono rivolte ad utenze familiari e piccole utenze non domestiche e possono essere effettuate mediante:
    • contenitori stradali, con una dislocazione orientata secondo il modello Isole Ecologiche di Base (IEB) che prevede la concentrazione delle principali filiere di raccolta raggruppate in singole postazioni; negli ultimi anni si stanno diffondendo sempre più in abbinamento ai contenitori stradali sistemi di tracciabilità elettronica per il controllo dei conferimenti (es. modello “calotta” nell’indifferenziato o lock per le filiere di raccolta differenziata);
    • raccolte porta a porta, effettuata presso l’utenza, dove il cittadino espone i rifiuti in giorni e orari prefissati per la raccolta.
  • raccolte domiciliari presso utenze “target”: sono rivolte ad utenze non domestiche produttrici di specifici rifiuti assimilati agli urbani, come ad esempio cartone nei negozi, vetro o lattine nei bar, organico in mense e ristoranti;
  • Centri di Raccolta Differenziata: noti anche come Stazioni Ecologiche, sono infrastrutture presenti in quasi tutti i comuni Hera che completano l’offerta di servizio al cittadino per il conferimento differenziato dei rifiuti urbani. L’utilizzo dei centri di raccolta sta diventando una vera abitudine per il cittadino: può essere conferita in sicurezza una vastissima gamma di categorie di rifiuto urbano (anche determinati rifiuti pericolosi) oltre che il conferimento di rifiuti voluminosi e pesanti. In molti territori, inoltre, esiste un sistema di scontistica che premia il conferimento di varie categorie di rifiuti differenziati.

Il sistema è inoltre integrato dalla raccolta domiciliare dei rifiuti ingombranti (gratuita mediante chiamata o appuntamento), dalle raccolte di rifiuti verdi, da quelle di alcune tipologie di rifiuti pericolosi come pile e farmaci, presso specifici esercizi. Per ultimo si sta progressivamente diffondendo la raccolta stradale o presso centri commerciali dei RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) e degli oli vegetali esausti.

Per aumentare l’efficacia, i servizi di raccolta vengono differenziati per area territoriale omogenea (centri storici, aree residenziali, aree turistiche, aree extraurbane, zone industriali). Per ogni territorio viene individuato il sistema di raccolta che meglio si integra con le caratteristiche urbanistiche, ambientali e territoriali. Lo scopo è massimizzare la percentuale di raccolta differenziata e la sua qualità tramite un servizio tecnicamente ed economicamente sostenibile.

 

Scopri anche le iniziative di Hera per la prevenzione dei rifiuti e le raccolte differenziate minori.