62,5%
raccolta differenziata
in un territorio di 3,1 milioni
di abitanti
93%
di rifiuti recuperati
la quota della raccolta differenziata
recuperata a favore dell’economia
circolare
150
mila tonnellate di CO2 evitate
con la plastica riciclata di Aliplast

Il rifiuto ingombrante è un rifiuto che per tipologia, dimensione o peso non può essere conferito nei contenitori per la raccolta dei rifiuti urbani. Attualmente Hera offre diverse opzioni per conferire ingombranti e elettrodomestici di grandi dimensioni, offrendo la possibilità destinare a riutilizzo gli oggetti in buone condizioni prevenendo la produzione di rifiuto o avviandoli al corretto flusso di recupero o smaltimento:

  • donare il bene alle Onlus del progetto «Cambia il finale»: se il bene è riutilizzabile, è possibile fare un gesto di solidarietà destinandolo al riuso tramite donazione a una delle Onlus aderenti. Le Onlus possono ritirare gratuitamente gli ingombranti, presso la propria sede e a domicilio, per dargli nuova vita e utilizzarli a scopo benefico. Dal 2018 sul territorio di Ferrara è possibile destinare i beni riutilizzabili alle Onlus anche presso una stazione ecologica, ponendoli all’interno dell’“Area del riuso”;
  • conferire presso le stazioni ecologiche (Centri di Raccolta Differenziata): se il bene ingombrante non è riutilizzabile, è possibile conferirlo alla stazione ecologica più vicina utilizzando la rete vasta e capillare di stazioni ecologiche attive sul territorio;
  • usufruire del servizio a domicilio da parte di Hera: se il bene non è riutilizzabile e non è possibile portarlo alla stazione ecologica, è possibile chiamare il call center per prenotare il ritiro gratuito a domicilio.

Nel 2018 queste tipologie di rifiuto hanno rappresentato il 3,2% del totale dei rifiuti raccolti e il 5,4% della raccolta differenziata, valori in linea con l’anno precedente. Nel territorio servito da Hera Spa sono state registrate 108.709 richieste di ritiro di rifiuti ingombranti, in crescita rispetto all’anno precedente (+11,3%). I quantitativi raccolti, contando anche quelli conferiti presso i Centri di Raccolta Differenziata e quelli abbandonati senza segnalazione, sono stati oltre 48.000 tonnellate. Il quantitativo totale risulta inferiore rispetto al 2017 principalmente per effetto del mancato apporto del territorio di Forlì, uscito dall’ambito di gestione. Le richieste di ritiro ingombranti presentano un trend in crescita, in linea con gli anni precedenti, legato ad un maggiore utilizzo dei servizi di raccolta dedicati e ad un maggior numero di segnalazioni relative a questa tipologia di rifiuti, in gran parte legati ad una migliore fruibilità dei canali di contatto Hera e ad un maggiore sensibilità al decoro urbano.

Anche nel territorio del Triveneto si è registrato nel 2018 un aumento delle prenotazioni per il ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti. A Padova l’incremento è pari al +31% mentre a Trieste corrisponde a +27%. Si segnala che su entrambi i territori viene erogato un servizio dedicato di raccolta ingombranti abbandonati. A Padova il numero degli ingombranti abbandonati e raccolti in strada è aumentato del +13,4%. A Trieste si è registrata una flessione nel numero di abbandonati raccolti pari a -5,7%.