15 anni
92%
valore delle gare pubbliche
con offerta economicamente più vantaggiosa
67,4%
degli affidamenti totali
con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa
25/100
punteggio medio
assegnato alla sostenibilità nel totale degli affidamenti

L’approvvigionamento di materie prime

Nel 2017, il gas naturale venduto dalle società del Gruppo controllate da Hera Comm è stato acquistato per circa il 12% da Eni Gas & Power, per circa il 46% da Edison, per circa il 6% da Enel Trade e per il 36% tramite Hera Trading (la quale a sua volta ha acquistato gas con contratti spot sui principali hub europei e al punto di scambio virtuale).

Per quanto riguarda il mercato dell’energia elettrica la vendita a clienti finali su libero mercato e salvaguardia è stata coperta per un 40% con acquisti bilaterali da altri operatori e per un 60% tramite acquisti in borsa. Le modalità di scambio dell’energia elettrica, sia nel caso dell’acquisto in borsa sia, in particolare, nella contrattazione bilaterale, non consentono di mantenere tracciata la provenienza fisica dell’energia per poter risalire con certezza alla tipologia di produzione a monte.

La composizione del mix energetico utilizzato per la produzione dell’energia elettrica venduta da Hera Comm nel 2016 è calcolata secondo quanto stabilito dal decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 31 luglio 2009 e vede una quota di fonti rinnovabili pari al 19% (dal 30% dell’anno precedente) per i clienti del mercato libero e al 17% (dal 27% dell’anno precedente)  per i clienti del mercato vincolato. Il calo di tale percentuale dipende dalla modifica del mix complementare nazionale, che è passato per le fonti rinnovabili dal 26,8% del 2015 al 16% del 2016.

 

Qualificazione, selezione e valutazione dei fornitori