+212%
rendimento totale
del titolo rispetto
alla quotazione
2003
1.281
milioni di euro
valore aggiunto distribuito
agli stakeholder del territorio
1.913
milioni di euro
valore economico distribuito
al territorio

La gestione della sostenibilità

Per integrare la responsabilità sociale e la sostenibilità nella pianificazione e gestione aziendale, nel maggio 2005 il Consiglio di amministrazione di Hera Spa ha costituito in staff all’Amministratore Delegato l’unità organizzativa Corporate social responsibility, divenuta dal 2010 una Direzione. Hera è stata così una delle prime aziende in Italia a dotarsi di una funzione dedicata alla responsabilità sociale. Dal 1° marzo 2019, in coerenza con il percorso evolutivo intrapreso negli ultimi anni, la Direzione Csr è stata ridenominata in Direzione Valore Condiviso e Sostenibilità. La Direzione ha la responsabilità di proporre e definire le linee guida aziendali sulla responsabilità sociale d’impresa e sulla creazione di valore condiviso nonché le politiche in materia di rendicontazione e di accountability sul valore condiviso e sulla sostenibilità; presidia il sistema balanced scorecard, redige la rendicontazione sulla sostenibilità e propone iniziative in ambito Csr/Csv ; collabora alle iniziative di stakeholder engagement ed è responsabile del periodico aggiornamento del Codice etico del Gruppo. Il Direttore Vcs è un membro del Comitato etico e sostenibilità del Gruppo.

In AcegasApsAmga è presente la Funzione Corporate social responsibility (Csr), che dipende dal Consigliere delegato e si raccorda con il Direttore generale, ed ha la responsabilità di coordinare, integrare e declinare nel contesto territoriale e societario gestito, le linee guida aziendali relative alla responsabilità sociale d’impresa, nonché le politiche in materia di rendicontazione e di accountability sulla sostenibilità e di garantire l’elaborazione di report specifici e KPI in materia di sostenibilità e Csr, assicurando l’informazione al top management sull’andamento delle tematiche di competenza.

Il Codice etico

Il Codice etico è il documento che contiene gli impegni e le responsabilità etiche che amministratori, lavoratori e collaboratori del Gruppo sono tenuti a mettere in pratica nella realizzazione degli obiettivi aziendali. Il Codice etico indirizza la gestione aziendale e i comportamenti individuali verso il rispetto dei valori etici e i principi del funzionamento di Hera che costituiscono, insieme alla missione, la base dei princìpi contenuti negli articoli che compongono il Codice.  La qualificazione dei fornitori richiede espressamente la condivisione del Codice e i contratti di fornitura predisposti dalle società del Gruppo contengono clausole risolutive in caso di mancato rispetto del Codice etico da parte dei fornitori.

Il Codice etico è stato approvato dal Consiglio di amministrazione nel 2007 e sottoposto a verifica e aggiornamento con periodicità triennale attraverso un percorso partecipativo che vede coinvolti tutti i lavoratori e le organizzazioni sindacali. L’attuale versione Codice etico (la quarta) è stata approvata dal Consiglio di amministrazione nel febbraio 2017; nel corso del 2019 si realizzerà il quarto percorso partecipato di verifica e di eventuale aggiornamento dello stesso.

Tutti i neoassunti e i nuovi dipendenti entrati nel Gruppo a seguito di acquisizioni societarie sono coinvolti in una sessione formativa di mezza giornata sui contenuti del Codice etico attraverso l’ethic game AlfabEtico. Inoltre, dal 2013 il Gruppo Hera ha intrapreso un intenso programma di sensibilizzazione sul Codice etico rivolto annualmente a 25-30 responsabili (impiegati direttivi, quadri e dirigenti) attraverso i seminari Responsabilità Sociale d’Impresa e Codice etico nella gestione corrente.

Il sistema di gestione qualità, sicurezza, ambiente e responsabilità sociale Sa 8000

Per il Gruppo Hera, il 2018 è stato caratterizzato dal passaggio a un nuovo ente di certificazione. Nel 2018 è stata indetta una gara europea al termine della quale Bureau Veritas Italia è risultato aggiudicatario dei servizi di certificazione su tutti gli schemi in essere a fine 2017 per il triennio 2018-2020, per tutte le principali società del Gruppo Hera.

Nel 2018 sono state avviate le attività con il nuovo ente per il rinnovo e il mantenimento dei vari schemi certificativi. Tutte le attività certificative sono state concluse positivamente con il mantenimento delle certificazioni del sistema di gestione integrato qualità, sicurezza e ambiente ed energia di Hera Spa e delle sue controllate dirette tra cui Inrete Distribuzione Energia, Uniflotte, Acantho ed HERAtech, oltre che dei Gruppi Herambiente, AcegasApsAmga ed Hera Comm.

Nel 2018 Herambiente, proseguendo nel percorso verso un’economia circolare, ha ottenuto la nuova certificazione del biometano prodotto e raffinato presso l’impianto di Sant’Agata Bolognese (BO). Questa certificazione, prevista dal DM del 23 gennaio 2012 e conforme alla norma UNI/TS 11567 “Sistema di certificazione nazionale della sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi” è indispensabile per poter immettere in rete il biometano come biocarburante. Attesta che lungo l’intera filiera di produzione del biometano i criteri di sostenibilità sono stati soddisfatti ai fini della tracciabilità e del bilancio di massa.

Per quanto riguarda AcegasApsAmga e le sue società controllate, nel 2018 è stata condotta una progressiva integrazione dei sistemi di gestione di Hera Luce e AcegasApsAmga Servizi Energetici che verrà completata nel 2019 con l’assegnazione a Bureau Veritas di tutti i servizi di certificazione (9001-14001-18001-SA 8000-50001-11352 e F-Gas) anche per queste società.

Marche Multiservizi ha proseguito nel percorso di crescita del proprio sistema di gestione integrato, confermando nel 2018 tutte le certificazioni qualità, sicurezza, ambiente ed energia con l’attuale Ente DNV-GL, ed estendendo inoltre il campo di applicazione dei certificati al servizio di illuminazione pubblica e impianti semaforici, acquisito in corso d’anno. Da segnalare l’aggiornamento della certificazione ISO 9001 alla nuova revisione della norma (ISO 9001:2015) e l’ottenimento della certificazione UNI CEI 11352:2014 Gestione dell’energia per società che forniscono servizi energetici (ESCO).

Nel 2018 è stato anche completato il primo riesame di Gruppo nel quale per la prima volta sono stati rappresentati al Vertice del Gruppo i risultati dei vari sistemi di gestione sulle principali tematiche ambientali e di sicurezza. Questo riesame ha fornito al Vertice aziendale gli elementi per individuare nuove opportunità di sinergia circa le tematiche di sistema per raggiungere obiettivi sempre più sfidanti in termini di standardizzazione e semplificazione.

Coerentemente sono stati anche avviati incontri periodici di allineamento tra le strutture aziendali che si occupano dei sistemi di gestione ambientali, di sicurezza, di qualità e dell’energia. Questi incontri, in un ottica di collaborazione e confronto, favoriscono lo scambio di informazioni e il raggiungimento degli obiettivi di standardizzazione e allineamento tra le società del Gruppo.

L’impegno di Hera per la certificazione qualità, sicurezza, ambiente e la responsabilità sociale

I sistemi di gestione della qualità stabiliscono i requisiti che in un’organizzazione sono necessari a migliorare i processi aziendali per la maggiore soddisfazione del cliente finale, che è il beneficiario finale dei servizi erogati da Hera. L’elevata diffusione nelle aziende del Gruppo dei sistemi di gestione certificati è illustrata dalla tabella seguente.

Certificazione Hera AcegasApsAmga Marche Multiservizi Gruppo
Numero società % di lavoratori Numero società % di lavoratori Numero società % di lavoratori Numero società % di lavoratori
Iso 9001 15 99% 6 100% 2 100% 23 99%
Iso 14001 14 87% 5 100% 1 91% 19 91%
Ohsas 18001 12 82% 5 100% 1 91% 17 87%
Iso 50001 3 55% 4 100% 1 91% 8 68%
Sa 8000 1 45% 3 94% 0 0% 4 52%

Nel corso del 2018 Hera ha intrapreso un percorso che riguarda l’intero sistema delle certificazioni di Gruppo. All’interno di questo contesto, è stata valutata la possibilità di ottenere la nuova certificazione UNI ISO 37001 per la prevenzione alla corruzione per Hera Spa, è stato analizzato il passaggio dalla OHSAS 18001 alla ISO 45001 ed è stata infine valutata una possibile semplificazione delle certificazioni stesse.

Lo standard internazionale SA8000, ad esempio, è ormai diventato un patrimonio aziendale consolidato, radicato a ogni livello nelle diverse prassi quotidiane dell’attività stessa di Hera. Una certificazione di questo tipo per il Gruppo presenta inoltre alcuni aspetti di sovrapposizione con altre certificazioni come la OHSAS 18001 per quanto riguarda salute e sicurezza. Per Hera Spa e AcegasApsAmga Spa è stata quindi assunta la decisione di archiviare l’adempimento di una formalità più che superata dagli standard e dalle performance che l’azienda pone autonomamente in essere, come sottolineato anche dagli enti certificatori che hanno più volte rimarcato l’efficace sistema di controllo sui fornitori, l’attenta gestione dei rilievi e un elevato presidio del sistema di gestione. La SA8000 verrà mantenuta invece per Hera Luce Srl e AcegasApsAmga Servizi Energetici Spa, nella consapevolezza della sua importanza ai fini della partecipazione alle gare.

Il radicamento dei principi sanciti dalla SA8000, dunque, non è in discussione e continua la sua applicazione in tutte le società del Gruppo attraverso il Codice etico aziendale i cui principi garantiscono già una copertura più ampia della stessa SA8000.

In tale contesto, si collocano due aspetti particolarmente degni di nota:

  • si proseguirà nel percorso volto a definire una Politica unica per tutte le società del Gruppo che comprenderà i princìpi della responsabilità sociale non soltanto nei confronti dei lavoratori, ma di tutti i portatori di interesse;
  • le competenze del “Comitato etico e di Sostenibilità” sono state ampliate al fine proprio di promuovere e monitorare l’impegno del Gruppo sulla sostenibilità, in coerenza con l’approccio che prevede la sua integrazione nelle attività di business e con particolare riferimento agli obiettivi di creazione di valore condiviso.

La continuità nel cambiamento viene garantita sia nella catena di fornitura, ove l’attenzione sulle condizioni di lavoro verrà mantenuta, essendo le attività di controllo di tali aspetti ormai codificate nelle procedure aziendali, e sia nelle condizioni di lavoro del personale: proseguirà senza variazioni l’indagine di clima interno e i temi affrontati dal Social Performance Team rientreranno nei diversi canali di dialogo e confronto già attivi (ad esempio gli incontri con le organizzazioni sindacali e il tavolo della sicurezza con gli RSPP e gli RLS).

La continuità viene garantita anche per quanto riguarda le segnalazioni inerenti le condizioni di lavoro e gli aspetti di sostenibilità che potranno essere indirizzate al “Comitato etico e di Sostenibilità”.

Valore economico per gli stakeholder