96,2%
lavoratori a tempo indeterminato
4,2
milioni di euro
utilizzati dai lavoratori con Hextra, il piano di welfare con un'adesione del 98,5% dei dipendenti
30%
della retribuzione variabile
di dirigenti e quadri è collegato a obiettivi di sostenibilità, 17% alla creazione di valore condiviso

Remunerazione e incentivi

Il Gruppo Hera definisce e applica una politica sulle remunerazioni volta ad attrarre, motivare e trattenere le risorse in possesso delle qualità professionali richieste per perseguire gli obiettivi del Gruppo.

La politica è definita in maniera tale da allineare gli interessi dei diversi stakeholder, perseguendo l’obiettivo prioritario della creazione di valore nel medio-lungo periodo e di incrementare il valore condiviso generato, attraverso il consolidamento del legame tra retribuzione e performance, individuali e di Gruppo.

Tutti i lavoratori del Gruppo sono inquadrati in contratti collettivi nazionali di lavoro.

Con riferimento a tutti i contratti di lavoro che regolano i rapporti di lavoro di tutti i lavoratori del Gruppo, la tabella mostra le differenze tra le retribuzioni lorde mensili (al netto del rateo di tredicesima e quattordicesima e del premio di risultato) e quelle previste dal contratto di lavoro. Il confronto tra lo stipendio minimo previsto da tutti i contratti collettivi nazionali di lavoro applicati in azienda e quelli minimi effettivi riscontrati in azienda è stato effettuato considerando il livello minimo di inquadramento nelle tre categorie di lavoratori.

Rapporto tra retribuzioni mensili minime contrattuali e retribuzioni mensili Hera (2018)
Euro Stipendio mensile minimo contrattuale Stipendio mensile minimo Hera Stipendio mensile medio Hera
Quadri 3.028 3.130 4.787
Impiegati 1.488 1.611 2.840
Operai 1.229 1.284 2.357

I dati si riferiscono alle seguenti società: Hera Spa, Acantho, Fea, Hera Comm, Hera Luce, Hera Trading, Herambiente, Herambiente Servizi industriali, HERAtech, Inrete Distribuzione Energia, Uniflotte, AcegasApsAmga, AcegasApsAmga Servizi Energetici, Hestambiente, Marche Multiservizi e Waste Recycling dove lavorano il 93% dei dipendenti del Gruppo.

Lo stipendio medio applicato è superiore al minimo contrattuale in tutte e tre le qualifiche: +58% per i quadri; +91% per gli impiegati; +92% per gli operai. Anche il salario minimo applicato è superiore del 3% per i quadri, dell’8% per gli impiegati e del 4% per gli operai rispetto al minimo previsto dal contratto di lavoro nazionale.

Tali differenze sono direttamente correlate al livello anagrafico medio della popolazione aziendale e all’anzianità aziendale e sono collegate alle politiche orientate a favorire la crescita professionale interna.

Rapporto tra retribuzioni mensili dirigenziali minime contrattuali e retribuzioni mensili Hera (contratto Utilitalia)
Euro 2018
Minimo contrattuale mensile 5.077
Minimo Gruppo Hera mensile 5.385
Stipendio medio mensile Gruppo Hera 9.826
Retribuzione media mensile di mercato per dirigenti 10.524

La tabella mostra per la categoria dei dirigenti le differenze tra stipendi medi lordi mensili di Hera (al netto del rateo di tredicesima e della remunerazione variabile) e quelli previsti dal contratto nazionale di lavoro. Il contratto di riferimento per questa qualifica è quello di Utilitalia. Lo stipendio minimo applicato da Hera risulta superiore del 6% rispetto al contratto di Utilitalia mentre lo stipendio medio dei dirigenti di Hera è superiore del 93% rispetto a quello previsto dal minimo contrattuale, mentre lo stipendio Lo stipendio medio dei dirigenti di Hera risulta, però, inferiore del 7% rispetto alla media di mercato degli stipendi dirigenziali, così come rendicontato in Hay Compensation Report-Total Cash Italia 2017.

Anche per questa qualifica le differenze tra stipendi applicati e riferimenti contrattuali sono l’effetto oltre che dell’applicazione di precedenti istituti economici, anche del livello di anzianità anagrafica (mediamente attestata a 52,2 anni) e di permanenza all’interno del Gruppo (mediamente attestata a 17,9 anni) per la categoria di dirigenti.

Retribuzioni mensili medie per genere (2018)
Euro Uomini Donne
Dirigenti 10.174 8.534
Quadri 4.833 4.695
Impiegati 2.920 2.715
Operai 2.358 2.305

I dati si riferiscono alle seguenti società: Hera Spa, Acantho, Fea, Hera Comm, Hera Luce, Hera Trading, Herambiente, Herambiente Servizi industriali, HERAtech, Inrete Distribuzione Energia, Uniflotte, AcegasApsAmga, AcegasApsAmga Servizi Energetici, Hestambiente, Marche Multiservizi e Waste Recycling dove lavorano il 90% dei dipendenti del Gruppo.

Significativo il differenziale salariale tra uomini e donne all’interno dei dirigenti (1.640 euro): incide però su questo dato il numero di direttori donne (5 su 37). Differenziale molto più contenuto per quadri, impiegati e operai. Il differenziale tra impiegati e impiegate è motivato dal fatto che il 66% degli impiegati direttivi sono uomini. Relativamente a quadri, impiegati e operai, il rapporto tra la retribuzione delle donne rispetto a quella degli uomini è pari rispettivamente al 97%, 93% e 98% ed è superiore alla media nazionale dei settori energetico-idrico-ambientale pari al 92% nel 2014 (Fonte: Eurostat 2014, ultimo dato disponibile). Il differenziale è ovviamente influenzato dal livello di anzianità aziendale oltre che, per la qualifica operai i impiegati, dal livello di inquadramento.

Il sistema di politiche retributive del Gruppo si fonda sulla capacità di riconoscere il più adeguato pacchetto retributivo in funzione di performance individuali conseguite, competenze agite, posizione organizzativa occupata e confronto specifico sul mercato. Ogni differenziale retributivo tra le persone può essere riconducibile esclusivamente a questi fattori e non è in alcun modo condizionato, salvo quanto previsto dai CCNL applicati, da altri elementi (età, genere, cultura,…).

Il rapporto retribuzione media per genere nelle principali utility italiane

Nel 2018 Utilitalia ha pubblicato il suo primo rapporto di sostenibilità che riassume le performance ambientali di 127 aziende utility italiane analizzando anche il rapporto tra retribuzione media delle lavoratrici donne sulla retribuzione media lorda dei lavoratori uomini per diverse categoria di inquadramento aziendale. Hera risulta avere un differenziale salariale tra uomini e donne migliore rispetto alla media.

Nel 2018 il rapporto nel Gruppo Hera tra la remunerazione totale annua (esclusi premi di risultato e retribuzione variabile) della persona con compenso maggiore e la mediana dei lavoratori è pari a 10,4. La remunerazione della persona con compenso maggiore non è variata rispetto all’anno precedente

Premio di risultato lordo pro capite
Euro 2016 2017 2018
Quadri 2.054 2.015 2.137
Impiegati 1.780 1.743 1.851
Operai 1.642 1.602 1.699
Media ponderata sui lavoratori 1.747 1.706 1.812

I dati si riferiscono alle società: Hera SpA, Fea, Hera Comm, Hera Luce, Hera Trading, Herambiente, Herambiente Servizi Industriali, HERAtech, Hestambiente , Inrete distribuzione energia, Uniflotte, AcegasApsAmga, e Marche Multiservizi

Il premio di risultato dei dipendenti quadri, impiegati e operai è definito all’interno del contratto collettivo integrativo di Gruppo ed è basato su redditività, produttività, sostenibilità e indicatori specifici di settore.

A partire dal 2018, cosi come previsto dalla normativa vigente, il dipendente ha la possibilità, su base volontaria, di convertire il premio di risultato in denaro con servizi di welfare aziendale per un valore massimo del 50% del premio annuo, con rilevanti vantaggi fiscali per il lavoratore.

 

Il sistema di incentivazione collegato alla retribuzione variabile di breve