375
milioni di euro
Mol a valore condiviso, 36% del totale (+14% rispetto al 2017)
184
milioni di euro
investimenti a valore condiviso. 40% del totale
71/100
soddisfazione dei clienti
L'indagine annuale conferma la qualità dei servizi del Gruppo

La crescita del Mol “a valore condiviso” nel periodo 2018-22

Il Piano industriale del Gruppo 2018-2022 traguarda un Mol “a valore condiviso” al 2022 che supera i 470 milioni di euro, +43% rispetto al 2017, e che sarà pari al 40% del Mol complessivo del Gruppo.

L’incremento di circa 150 milioni in arco piano rispetto al 2017, pari ai 3/4 dell’incremento della marginalità complessiva di Gruppo al 2022, deriva prevalentemente dal contributo dello sviluppo delle attività nei driver Csv : “uso intelligente dell’energia” (+59 milioni di euro), “uso efficiente delle risorse” (+64 milioni di euro) e “innovazione e contributo allo sviluppo del territorio” (+27 milioni di euro).

La crescita del Mol “a valore condiviso” nel periodo 2018-22

Driver CSV Principali azioni e traguardi
Uso intelligente dell’energia: +59 mln euro ● Ulteriore sviluppo di offerte per i clienti con servizi di efficienza energetica (clienti aderenti a tale offerte: circa il 19% al 2022)

● Ulteriore sviluppo del business di efficienza energetica (cogenerazione industriale, gestione calore, ecc.) per Pubblica amministrazione, aziende e condomini

● Interventi per ridurre in consumi interni di energia (piano di azione ISO 50001: consumi 2022: -6% rispetto al 2013) e progressivo incremento punti luce Led (23% al 2022)

● Incremento della produzione di energia elettrica rinnovabile da biogas / biodigestione anaerobica dei rifiuti organici differenziati con produzione di biometano a regime (+12% al 2022 rispetto al 2017

● Incremento dei clienti “Pacchetto Natura” che garantisce la provenienza rinnovabile dell’energia elettrica acquistata (19% al 2022)

● Incremento del 22% rispetto al 2017 dell’energia geotermica utilizzata per il teleriscaldamento

Uso efficiente delle risorse: +64 mln euro ● Progressivo adeguamento degli agglomerati urbani nel territorio servito in linea con le direttive UE e completa risoluzione delle infrazioni comunitarie nel Triveneto e nelle Marche a garanzia della piena sostenibilità in ambito fognatura e depurazione e come contributo al raggiungimento dello stato “buono” degli ecosistemi acquatici entro il 2025. (rif.: Carta di Bologna) (99% dei cittadini residenti in agglomerati urbani >200 ab.eq. adeguati al 2022)

● Ulteriore incremento del tasso di complessivo riciclo (60% al 2022) e del tasso di riciclo imballaggi (76% al 2022)

● Sviluppo dell’attività di recupero dei rifiuti industrial e dell’attività di Aliplast (riciclo plastica)

Innovazione e contributo allo sviluppo del territorio: +27 mln euro ● Innovazione e digitalizzazione: investimenti in ambito Utility 4.0 al fine di ottimizzare i processi operativi e la gestione e 78% di contatori gas teleletti al 2022

● Innovazione e digitalizzazione: sviluppo attività di Acantho (telecomunicazioni e connettività)

● Innovazione e digitalizzazione: ulteriore sviluppo della digitalizzazione della relazione con i clienti (27% di clienti iscritti ai servizi on line e 41% di clienti con bolletta elettronica al 2022)

● Sviluppo del teleriscaldamento a beneficio della qualità dell’aria nelle città (+8% della volumetria servita al 2022 rispetto al 2018)

● Rinnovamento flotte aziendali (mezzi a minore impatto ambientale: 31% al 2022)

 

 

Gli investimenti “a valore condiviso”