Logo stampa

Il RAB di Ferrara

Termovalorizzatore

Il RAB di Ferrara è costituito attualmente da quattro membri eletti dai cittadini dei quartieri interessati, dal presidente della Circoscrizione in cui è ubicato l'impianto e da due rappresentanti di Hera. Il progetto prevede che il RAB si incontri periodicamente con referenti dell’azienda ed esperti (delle amministrazioni locali, degli organismi di controllo, di università), per essere informati sullo stato di avanzamento dei lavori e su tutte le principali implicazioni che essi possono comportare in termini di tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini, all’interno di un contesto di regole e di modalità di relazione condiviso insieme a priori.

Il modello progettato ha introdotto molti elementi di innovazione nelle relazioni tra Hera e la comunità locale rispetto alla presenza e all’impatto ambientale del termovalorizzatore:

l’accesso libero dei cittadini del RAB al termovalorizzatore, per verificarne il funzionamento e per prendere visione dei documenti principali (analisi emissioni in atmosfera, registro rifiuti, ecc.):

un’intensa attività di raccolta dati e documentazioni: nei cinque anni e mezzo di attività (da maggio 2005 a dicembre 2011) il RAB si è riunito circa 130 volte, ovvero quasi due volte al mese;

l’organizzazione di incontri pubblici, con il ricorso a tecnici e specialisti con i quali illustrare e discutere i temi individuati. Si è posta particolare attenzione agli aspetti sanitari legati ai rifiuti e alla raccolta differenziata: su quest’ultimo tema il RAB è stato a più riprese protagonista di incontri nelle varie frazioni adiacenti l’impianto;

il controllo sul rispetto degli impegni presi quali compensazioni locali, cioè la realizzazione di una nuova bretella stradale, la diffusione del teleriscaldamento (connesso al recupero di calore dal termovalorizzatore) e la realizzazione di un nuovo bosco nell’area tra l’impianto e il vicino abitato di Porotto: sei ettari con piante autoctone e appartenenti al quadro fitoclimatico di riferimento.

Dal 13 ottobre 2006 è attivo il sito www.rab-fe.org, all'interno del quale sono disponibili materiali di documentazione, la newsletter del RAB e informazioni aggiornate sulle iniziative in programma.

 
 
  • Nel 2010 è continuata l’attività di verifica periodica dei dati sul funzionamento e sulle emissioni in atmosfera del termovalorizzatore secondo la modalità definita dal RAB insieme ai tecnici di Hera responsabili dell’impianto. È prevista la rendicontazione a cadenza trimestrale dei rifiuti smaltiti (con evidenza della tipologia e provenienza degli stessi) e delle emissioni in atmosfera rilevate (confrontate con i limiti di legge e quelli stabiliti dall’A.I.A.). I report dopo essere presentati al Comitato sono pubblicati sul sito del RAB www.rab-fe.org.


    Nel 2010 il RAB ha programmato diversi incontri di approfondimento, tra i temi più significativi trattati, si possono rilevare l'obiettivo e primi risultati del progetto Moniter (Monitoraggio Inceneritori nel territorio dell’Emilia-Romagna) con i tecnici di Arpa e Regione Emilia-Romagna; lo stato dell’arte dei monitoraggi ambientali nell’area intorno al termovalorizzatore con la partecipazione dei tecnici di Arpa, CNR, Ausl e Provincia di Ferrara; la raccolta differenziata nel comune di Ferrara: risultati 209 e progetti di sviluppo 2010.
    Le attività del RAB hanno trovato un’importante diffusione nella pubblicazione dei numeri 8 e 9 del periodico del RAB “Vediamoci Chiaro”, distribuito alla comunità locale in 5.000 copie.
    Il RAB ha organizzato una serata pubblica sull’impianto di teleriscaldamento a Ferrara assieme a Hera e Comune di Ferrara. I cittadini del RAB hanno partecipato alle serate informative sulla raccolta differenziata organizzate da Hera portando una testimonianza delle attività svolte.

R.A.B. - Vediamoci chiaro

Grazie al progetto che ha promosso la costituzione e lo sviluppo del RAB di Ferrara, il Gruppo Hera è stato premiato nel 2006 con il Sodalitas Social Award nella categoria “processi interni di responsabilità sociale”.

 


Pagina aggiornata al 29 luglio 2013

 
 
Un bilancio di sostenibilità a valore condiviso 2016
 
Un bilancio di sostenibilità a valore condiviso 2016
 
 
Creatività e innovazione
 
Creatività e innovazione: la via italiana verso un'economia circolare
 
 
Teleriscaldamento
 
Teleriscaldamento