Logo stampa

Le ricerche

Il Gruppo Hera riconosce tra i suoi principi di funzionamento quello dell’innovazione e del miglioramento continuo, ponendosi l’obiettivo di introdurre ai diversi livelli organizzativi tutti gli aspetti dell’innovazione “utile e possibile”: tecnologica, organizzativa, gestionale e di processo.

A questo fine e per promuovere contestualmente opportunità di crescita e formazione per i giovani, Hera sviluppa progetti e collaborazioni con università ed enti di ricerca.

 
 
  • Nel corso del 2014 Nomisma ha condotto una ricerca per indagare come Hera ha influito sullo sviluppo dei propri fornitori nel periodo 2011-2013. L’indagine, condotta su un campione di 593 imprese, di cui 354 fornitrici di Hera finalizzato a valutare in modo comparato le principali dinamiche dei due segmenti e indagare quindi il ruolo di Hera.

    Nomisma ha potuto riscontrare che:

    • Hera ha avuto un ruolo stabilizzante nelle attività dei propri fornitori, in particolare per il 65% dei fornitori di piccola-media dimensione;
    • 1 impresa fornitrice su tre ha dichiarato che grazie alla fornitura con Hera ha acquisito nuovi spazi di mercato;
    • 1 impresa fornitrice su 4 ha dichiarato di avere introdotto innovazioni di processo/prodotto o certificazioni in conseguenza delle fornitura con Hera;
    • il 22% delle imprese fornitrici ha aumentato l’occupazione grazie alla fornitura con Hera;
    • le condizioni di accesso al credito sono rimaste stabili per 3 aziende su 4.
  • Nel 2014 Nomisma ha condotto un’indagine con l’obiettivo di verificare in quale misura la crescita delle comunità locali e del tessuto imprenditoriale siano influenzate dalle utilities fornitrici di servizi energetici, ambientali e di telecomunicazione. Nell’ambito dell’indagine state intervistate 104 imprese di cui 50 clienti del Gruppo Hera nei territori di Modena, Bologna e Forlì-Cesena.

    I risultati evidenziano chiaramente l’esistenza del contributo dei servizi forniti dalle utilities sulla competitività delle imprese, maggiormente evidente per i servizi energetici. Per quanto riguarda questi ultimi risulta che le imprese clienti di Hera Comm:

    • evidenziano un contributo maggiore alla competitività per tutti i 4 fattori rispetto al campione e rispetto alle imprese dell’Emilia-Romagna non clienti: garanzia della fornitura, riduzione del costo dell’energia, trasferimento di know-how e partnership;
    • riconoscono al fornitore dell’energia un supporto sensibilmente più elevato rispetto alla media per tutti i ruoli indicati: ricerca di nuove modalità di acquisto, promozione di partnership nella realizzazione degli impianti, l’apporto di know-how e la promozione di partnership per altre iniziative di efficienza energetica.

    Per quanto riguarda i servizi ambientali, i risultati hanno evidenziato che c’è la consapevolezza da parte delle imprese che un gestore unico per tutti i servizi ambientali sia un elemento strategico e competitivo. Il 60% delle imprese ritiene anche strategico che il gestore sia localizzato nel territorio di riferimento. Inoltre:

    • 3 imprese su 4 ritengono che la gestione dei rifiuti industriali abbia contribuito a migliorare la competitività dell’impresa in termini di affidabilità del servizio e per più della metà delle imprese in termini di garanzia della certificazione della destinazione;
    • tra le imprese clienti di Herambiente, 1 su 3 dichiara che il fornitore dei servizi ambientali ha contribuito allo sviluppo di nuove opportunità legate allo smaltimento e al recupero di materia (1 su 5 per il totale campione).

    Per quanto riguarda i servizi di telecomunicazione, i risultati hanno evidenziato che:

    • il 66,7% delle imprese dell’Emilia-Romagna clienti di Acantho ritiene competitivo il proprio territorio in termini di infrastrutturazione telematica in misura maggiore delle imprese non clienti;
    • i servizi che hanno inciso maggiormente sulla competitività dell’impresa sono quello di trasmissione dati tra più sedi (81%), internet (76%) e i servizi di datacenter (75%). Per le imprese clienti di Acantho il contributo di tali fattori è ancora più evidente con particolare riferimento al servizio di datacenter (100%) e a quello di trasmissione dati tra più sedi (100%).
  • A fine 2010 il Dipartimento di Scienze Economiche dell’Università di Bologna ha conferito un assegno di ricerca, finanziato da Hera, nell’ambito del progetto dal titolo “Corporate social responsibility e competizione di mercato”. Il progetto ha avuto l’obiettivo di applicare strumenti analitici economici allo studio delle imprese che adottano politiche di responsabilità sociale. La prima parte della ricerca si è concentrata sullo sviluppo di modelli economici teorici di analisi del fenomeno, con pubblicazione di due articoli su riviste scientifiche. La ricerca è proseguita nel 2013 con una verifica empirica della relazione tra competitività e responsabilità sociale. Lo studio empirico ha analizzato le performance economiche di 122 aziende italiane e 808 aziende europee per un periodo di 8 anni. La ricerca ha sviluppato modelli economici teorici di analisi del fenomeno e li ha poi verificati empiricamente. L’analisi di regressione ha individuato per le aziende una relazione positiva significativa tra impegno in Responsabilità Sociale d’Impresa e indicatori economici quali EBITDA, EBIT, EBITDA per dipendente e EBIT per dipendente. Inoltre, il confronto tra le performance economiche delle aziende impegnate e le altre, ha evidenziato che investire in sostenibilità paga sia in termini di maggiore redditività che in termini di tassi di crescita.

  • Hera ha collaborato con l'Università "Magna Graecia" di Catanzaro nello svolgimento di un progetto di ricerca concernente il ruolo delle nuove tecnologie nella comunicazione della responsabilità sociale e ambientale d'impresa.

    Esaminando i casi di tre aziende (Hera, Telecom Italia ed Eni) che hanno adottato con successo campagne di comunicazione relative alla CSR, la ricerca ha studiato come le aziende utilizzano tecnologie interattive, sito web e canali di comunicazione tradizionali in modo integrato evidenziando il contributo di web e social media nel rendere gli argomenti CSR più pervasivi, accattivanti e interattivi.

    I risultati della ricerca sono stati presentati alla Conferenza annuale "International Scientific Events - Economy & Business", che si è tenuta in Bulgaria a settembre 2014 e pubblicati sul "Journal of International Scientific Publications: Economy & Business".

  • La Direzione Corporate Social Responsibility supporta con regolarità lo studio e l’approfondimento di temi attinenti la responsabilità sociale d’impresa attraverso la collaborazione a tesi di laurea. Nell’ambito di convenzioni specifiche con le strutture universitarie interessate si mettono a disposizione dei laureandi i materiali e le esperienze condotte nel Gruppo: gli esperti interni partecipano ai lavori assumendo solitamente il ruolo di correlatore. Tra le tesi seguite si segnalano:

    • Università degli Studi di Bologna - Ingegneria Gestionale - A.A. 2015/2016 - Relatore: Chiar.mo Prof. Alessandro Grandi - Pianificazione e controllo strategico mediante Balanced Scorecard: il caso del Gruppo Hera (candidata Sofia Zirpoli)
    • Università di Pavia - Economia e Legislazione d'Impresa - A.A. 2014/2015 - Relatrice: Prof.ssa Michela Magliacani - SBSC e incentivazione manageriale: il caso del Gruppo Hera (candidata Giulia Rapelli)
    • Università degli Studi di Bologna - School of Economics, management and statistics - A.A. 2014/2015 - Relatrice: Rebecca Levy Orelli - Evaluating the reporting system for Integrated Reporting: the case of Hera (candidata Francesca Olivieri)
    • Università Cattolica del Sacro Cuore Milano – Economia - A.A 2013/2014 – Relatore: Prof. Francesco Lenoci - Rapporto di sostenibilità: le linee guida del GRI tra teoria e prassi (candidata Adriana Alessi)
    • Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" - Scienze Economiche - A.A 2013/2014 – Relatrice: Prof.ssa Gloria Fiorani - Strumenti finanziari innovativi per la Green Economy. I Green Bonds. Il caso Hera S.p.A. (candidato Francesco Gianfagna)
    • London School of Economics - MSc Environmental Policy and Regulation - 2014 - Demystifying the use of Sustainability Reports: The What, Who, How and Why In A Case Study of Italian Utilities' Sustainability Reports (candidata Marina Pardini)
    • Università degli Studi di Bologna – Ingegneria gestionale - A.A 2013/2014 – Relatrice: Prof.ssa Chiara Bonoli - Dematerializzazione e risparmio energetico in Hera S.p.A.:  analisi LCA e titoli di efficienza energetica (candidata Claudia Calabrese)
    • Università degli Studi di Bologna – Economia Industria e Istituzioni Finanziarie - AA 2012/2013 – Relatore: Prof. Luca Lambertini - Fonti energetiche classiche e rinnovabili: prospettive macroeconomiche globali (candidato Alberto Gallon)
    • Università degli Studi di Bologna –  Ingegneria Energetica – AA 2012/2013 – Relatore: prof. Cesare Saccani - Analisi e gestione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (candidato Michele Gambuti)
    • Università degli Studi di Bologna –  Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio - AA 2012/2013 –Relatore: Prof.ssa Alessandra Bonoli - Elaborazione di un indicatore multi criteria di virtuosità nella gestione dei rifiuti, destinato agli Enti Locali (candidato Francesco Lalli)
    • Università di Bologna - Facoltà di Economia - A.A. 2012/2013 - Relatore Prof. Matteo Santi - La Balanced Scorecard. Il caso Gruppo Hera (candidato Alessio Morri)
    • Università Cattolica del Sacro Cuore - Milano - A.A. 2012/2013 - Relatore Prof. Mario Molteni - La CSR governance del FTSE Italia All-share (candidato Cristiano Mastrantoni)
    • Università di Bologna - Facoltà di Scienze Politiche - A.A. 2011/2012 - La valorizzazione dei disabili in azienda: dall'inserimento lavorativo all'integrazione. Il caso del progetto "Da obbligo a risorsa" del Gruppo Hera (candidata Cristina Mirti)
    • Università di Pavia - A.A. 2010/2011 - Relatore Prof. Andrea Fumagalli - La gestione responsabile del capitale umano: asset strategico e leva comunicazionale per imprese più competitive (candidata Laura Zanotta)
    • Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria - A.A. 2009/2010 - Relatore Prof.ssa Ing. Alessandra Bonoli - Le politiche di Mobility Management all'interno del Gruppo Hera (candidato Enrico Doria)
    • Politecnico di Milano - A.A. 2009/2010 - Relatore Prof. Paolo Maccarrone - La formalizzazione della CSR: obiettivi e strumenti (candidate Chiara Motta e Mariachiara Suman)
    • Università di Bologna - Facoltà di Economia - A.A. 2009/2010 - Relatore Prof. Valerio Melandri - Cause related marketing: analisi delle evidenze empiriche nelle imprese appartenenti al CSR Manager Network (candidata Valentina Moschini)
    • Università di Bologna - Facoltà di Economia - A.A. 2008/2009 - Relatore Prof. Massimo Canali - Residential Advisory Board e partecipazione: il caso della centrale turbogas a ciclo combinato di Imola (candidata Alice Bassi)
    • Università di Bologna - Facoltà di Economia - A.A. 2008/2009 - Relatore Prof. Antonio Matacena - CSR e Bilancio di Sostenibilità: un caso (candidata Elisa Angelini)
    • Università di Modena e Reggio Emilia - Facoltà di Lettere e Filosofia - A.A. 2007/08 - Relatore Prof.ssa Marina Vignola - Il bilancio sociale come strumento di comunicazione della responsabilità sociale d’impresa: il caso Hera (candidata Elena Brunelli)
    • Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria - A.A. 2007/2008 - Relatore Prof. Ing. Federico Lupi - I sistemi di raccolta e trasporto dei rifiuti nella provincia di Bologna (candidata Laura Marini)
    • Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria - A.A. 2007/2008 - Relatore Prof.ssa Ing. Alessandra Bonoli - Risparmio energetico: dalle azioni di mobility management ai Titoli di Efficienza Energetica. Il caso Hera (candidata Elodia Mozzoni)
    • Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria - A.A. 2007/2008 - Relatore Prof.ssa Ing. Alessandra Bonoli - Analisi LCA dell’acqua destinata al consumo umano per l’individuazione del risparmio energetico: il progetto Hera2O di Hera s.p.a. (candidato Alessandro Nogarino)
    • Università di Bologna - Facoltà di Economia e Commercio - A.A. 2007/2008 - Relatore Prof. Michele La Rosa - Responsabilità sociale d’impresa e bilancio di sostenibilità. Quadro interpretativo e analisi di caso comparata (candidata Alessia Pescari)
    • Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria - A.A. 2006/07 - Relatore Prof.ssa Ing. Alessandra Bonoli - Sostenibilità ambientale. L’esempio di Hera Bologna per l’applicazione di buone pratiche nella gestione dei movimenti casa lavoro dei dipendenti e stima della riduzione dei principali inquinanti dal 2003 ad oggi. (candidato Francesco Jaffei)
    • Università LUISS - Facoltà di Economia - Relatore Prof. Giovanni Liberatore - La Balanced Scorecard come sistema di management strategico. Il caso del Gruppo Hera. (candidato Domenico Palestini)
    • Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria - A.A. 2005/2006 - Relatore Prof. Andrea Zanoni - La Balanced Scorecard come strumento di gestione strategica per una impresa socialmente responsabile. Il caso di Hera S.p.A. (candidato Italo Di Giuseppe)
    • Politecnico di Milano - Facoltà di Ingegneria - Relatore Prof. Paolo Maccarrone - I modelli per la gestione della responsabilità sociale d’impresa: analisi empirica delle soluzioni adottate dalle grandi aziende for profit (candidati Matteo Pistoletti e Giorgio Tosi)
    • Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria - A.A. 2004/2005 - Relatore Prof.ssa Ing. Alessandra Bonoli - Analisi della Corporate Social Responsibility e dei sistemi di gestione della Responsabilità Sociale con mappatura degli stakeholder. Studio del Bilancio di Sostenibilità e sviluppo della vista territoriale presso Hera Bologna S.r.l. (candidata Barbara D’Addezio)


Pagina aggiornata al 19 luglio 2017

 
 
Un bilancio di sostenibilità a valore condiviso 2016
 
Un bilancio di sostenibilità a valore condiviso 2016
 
 
Creatività e innovazione
 
Creatività e innovazione: la via italiana verso un'economia circolare
 
 
Teleriscaldamento
 
Teleriscaldamento