Logo stampa
 

Emergenza Covid: tutela dei lavoratori

Per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus il Gruppo Hera ha attivato procedure straordinarie sin dall’emissione del D.L. n. 6 del 23 febbraio 2020, che ha di fatto segnato l’inizio dell’emergenza.

È stato infatti immediatamente convocato il Comitato di Crisi, peraltro ancora operativo, che ha identificato precise norme igienico-comportamentali per i lavoratori del Gruppo, ha avviato una comunicazione tempestiva attraverso una serie di comunicati interni e ha aperto uno specifico canale di ascolto a cui indirizzare quesiti relativi alla nuova infezione.

Attraverso un largo ricorso allo smart working, esteso anche a colleghi non ancora abilitati, e al potenziamento del lavoro digitale agile, è stato garantito il distanziamento sociale e sono state ridotte le occasioni di contatto.  Per il personale operativo, che ha assicurato la continuità del servizio per tutto il tempo dell’emergenza, è stata attivata la “partenza da casa”, modalità che prevede l’utilizzo di un automezzo di servizio non condiviso e, solo quando strettamente necessario, la formazione della squadra operativa direttamente in cantiere. La composizione dei team operativi è stata pensata in maniera stabile, per limitare e circoscrivere i contatti tra soggetti diversi e l’accesso alle sedi aziendali è stato consentito solo in casi specifici e contingentati.

Per il personale operativo che si è dovuto recare al lavoro nelle sedi del Gruppo sono state messe in campo misure di revisione logistica degli spazi e degli uffici, in modo da garantire le adeguate distanze tra gli operatori (in genere è stato previsto un solo operatore per ufficio e un sistema di turnazione che ha di molto alleggerito l’operatività in presenza).

Al fine di garantire la continuità dei servizi essenziali per i cittadini nel rispetto dei criteri di sicurezza, affidabilità ed efficienza, nei mesi di marzo e aprile sono stati riorganizzati tutti i programmi di conduzione e manutenzione di reti e impianti, circoscrivendoli a quelli indifferibili. I contatti fisici sono stati limitati ai soli casi di attività improcrastinabile ed essenziale per la continuità del servizio. A tutto il personale sono stati forniti i dispositivi di protezione individuale adeguati all’emergenza sanitaria (mascherine di protezione delle vie respiratorie, guanti e tute monouso). Durante il periodo più critico, inoltre, gli sportelli commerciali sono stati attivati in modalità digitale e smart per garantire la continuità dei servizi al Cliente attraverso i canali telefonici e WEB. Con l’allentamento delle misure restrittive gli sportelli sono stati poi gradualmente riaperti, in ottemperanza alle disposizioni di protezione della salute di lavoratori e clienti.

Da inizio emergenza, sono state previste attività aggiuntive (rispetto a quelle standard) di pulizia e sanificazione di tutti i locali aziendali. Per garantire la giusta distanza di sicurezza sono stati riprogettati gli spazi di locali comuni e mense, con riferimento a queste ultime è stata inoltre definita una modalità di accesso scaglionato.  Nei pressi di entrate, uscite, nei corridoi e nei punti di passaggio delle sedi di Gruppo sono stati posizionati distributori di gel disinfettanti, mentre sono stati forniti kit di dispositivi per la protezione e la sanificazione delle mani agli operatori che svolgono la propria attività sul campo. Tutte le misure di sanificazione straordinaria sono ancora in essere presso tutte le sedi del Gruppo.

Sin dai primi giorni di marzo 2020 è stato inoltre istituito il Comitato per l’applicazione e la verifica delle misure di contrasto al virus, con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali. Nelle settimane immediatamente seguenti, il Gruppo Hera ha sviluppato un proprio protocollo aziendale di regolamentazione delle misure di contrasto alla diffusione del virus (in coerenza con il Protocollo nazionale sottoscritto dalle parti sociali alla presenza del Governo), tale documento è stato presentato ai Rappresentanti dei Lavoratori per la sicurezza (RLS), alle organizzazioni sindacali Nazionali e dalle stesse sottoscritto.

A valle della elaborazione di tale protocollo sono state e sono tutt’ora monitorate le misure adottate e le successive implementazioni attraverso l’utilizzo di apposite check list di controllo supervisionate dai responsabili nei luoghi di lavoro dei diversi territori.

In coerenza con le indicazioni delle autorità sanitarie e a tutela e protezione dei dipendenti, è stata definita una specifica procedura per la gestione dei lavoratori con particolari fragilità, quali i portatori di patologie attuali o pregresse suscettibili di conseguenze particolarmente gravi in caso di contagio. Questa procedura è stata sviluppata con la collaborazione dei medici competenti e nel pieno rispetto della privacy.

L’azienda si è anche fatta carico della stipula di una copertura assicurativa covid-19, che fornisce a tutti i dipendenti una indennità da degenza, convalescenza in seguito a ricovero in terapia intensiva e assistenza post ricovero. Quest’ultima prevede, ad esempio, l’invio di un medico generico, il trasporto in autoambulanza e il trasporto dal pronto soccorso al domicilio, trasferimento e rientro dall'istituto di cura specialistico, il ricorso a una baby-sitter, l’accompagnamento del figlio minore a scuola, la consegna della spesa a domicilio.

Le misure introdotte da Hera sin dall’inizio della pandemia hanno permesso di limitare la diffusione del virus fra i nostri collaboratori: il tasso di incidenza (n° casi ogni 1000 persone) del Gruppo risulta infatti inferiore di circa il 40% rispetto al valore riscontrato fra la popolazione generale del Nord Italia. Inoltre, i numerosi controlli effettuati dalle autorità competenti nei luoghi di lavoro del Gruppo hanno sempre avuto un riscontro positivo.

Poiché l’emergenza è ancora in fase di evoluzione, le misure generali di tutela e quelle specifiche adottate dall’azienda sono oggetto di continua verifica e monitoraggio e vengono costantemente adattate o modificate per garantire la continuità del servizio e la salute di lavoratori, fornitori e clienti.

 
 
Insieme per costruire il futuro
 
Insieme per costruire il futuro
 
 
Insieme per fare la differenza!
 
Insieme per fare la differenza!
 
 
REINVENTING THE CITY
 
Sustainability and Shared value