Logo stampa
 
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Giuseppe Gagliano
Direttore
Hera S.p.A.
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Viale Carlo Berti Pichat 2/4 40127 Bologna
Vedi mappa
+39 051 287111
Calendario
 
<
>
Febbraio 2020
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  •  
COMUNICATI STAMPA
Condividi
04/02/2020

CiboAmico compie 11 anni: dall'inizio del progetto il Gruppo Hera ha donato oltre 100.000 pasti

Lo spreco alimentare in Italia è stimato per un valore di circa 10 miliardi, in calo rispetto al 2019 ma ancora troppo elevato. Tra le iniziative di lotta allo spreco anche il progetto di recupero dei pasti non consumati nelle mense aziendali della multiutility, che in 11 anni ha consentito di recuperare più di 100.000 pasti, evitando la produzione di quasi 50 tonnellate di rifiuti e consentendo un risparmio economico di oltre 400.000 euro.

Circa 10 miliardi di euro: è questo il controvalore dello spreco alimentare in Italia nel 2020, secondo quanto emerge dall’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market/Swg diffuso in questi giorni in occasione della settima Giornata Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare.

Nonostante un calo di circa il 25% rispetto all’anno precedente, il valore degli sprechi alimentari in Italia è ancora troppo alto.

Anche per questo, dal 2009, il Gruppo Hera porta avanti il progetto CiboAmico con il supporto di Last Minute Market - società spin off dell’Università di Bologna che promuove la lotta allo spreco e la sostenibilità ambientale - per recuperare i pasti preparati, ma non consumati, nelle mense aziendali: attualmente sono 5 le mense della multiutility coinvolte (Bologna, Granarolo dell’Emilia, Imola, Rimini e Ferrara). I pasti recuperati vengono poi donati a enti no profit del territorio che danno ospitalità e assistono quotidianamente persone in difficoltà. Il progetto è pensato nell’ottica della lotta allo spreco alimentare e della transizione verso un’economia circolare, con la garanzia di benefici di tipo sociale, economico e ambientale.

CiboAmico compie 11 anni: il punto sui risultati raggiunti
Dall’inizio del progetto a tutto il 2019 sono stati donati alle onlus del territorio complessivamente più di 100.000 pasti, per un valore economico di oltre 400.000 euro. Ciò ha evitato la produzione di quasi 50 tonnellate di rifiuti (corrispondenti a un centinaio di cassonetti) e l’emissione di quasi 200 tonnellate di CO2. Inoltre, si è scongiurato lo spreco di acqua, energia e consumo di terreno che sono stati necessari a confezionare quei pasti.

Tanti i partner di CiboAmico per garantire risultati sempre più importanti
Indispensabili gli enti no-profit del territorio coinvolti nel progetto: Fraternità Opera di Padre Marella (OPM), Associazione Papa Giovanni XXIII (APG23) a Rimini e Associazione Viale K di Ferrara. Numerose, inoltre, le strutture partner dell’iniziativa presso le quali avviene la consumazione dei pasti recuperati: Pronto Soccorso Sociale di Bologna, Comunità Terapeutica di Cadriano, Capanna di Betlemme di Rimini, Casa della Donne, Casa Mambro e Mensa di via Gaetano Pesci a Ferrara.

Alcuni pratici consigli per ridurre gli sprechi alimentari
Se la raccolta differenziata permette di dare nuova vita ai rifiuti, è importate prima di tutto cercare di ridurli. In occasione della Giornata Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare, ecco alcuni pratici consigli per ridurli o addirittura evitarli a partire dalle proprie abitudini quotidiane:

·       usare la doggy bag, il sacchetto che ci si porta da casa o che si chiede al ristorante per conservare gli avanzi;

·       comprare solo il cibo essenziale, pianificando i pasti della settimana;

·       controllare sempre le date di scadenza al momento dell’acquisto;

·       se possibile, è preferibile acquistare gli alimenti direttamente dal produttore per evitare gli sprechi dovuti alle lunghe filiere;

·       donare i prodotti che non vengono consumati alle associazioni locali che sostengono le strutture caritative.

Altri progetti del Gruppo Hera a valenza sociale
Oltre a CiboAmico, il Gruppo Hera ha sviluppato numerose iniziative volte a promuovere la prevenzione dei rifiuti e attivato specifici progetti di riciclo e recupero di rifiuti tra questi:

·        Cambia il finale : per facilitare il recupero e il riutilizzo di ingombranti e altri oggetti (come mobili o elettrodomestici) sempre in collaborazione con onlus del territorio

·        FarmacoAmico : per raccogliere medicinali non scaduti e creare una rete solidale sul territorio

 
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente