Logo stampa
 
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Giuseppe Gagliano
Direttore
Hera S.p.A.
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Viale Carlo Berti Pichat 2/4 40127 Bologna
Vedi mappa
+39 051 287111
Calendario
 
<
>
Agosto 2020
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
COMUNICATI STAMPA
Condividi
02/12/2019

Di nuovo disponibile per cittadini e attività l'isola ecologica interrata di Piazza Andrea Costa

IEI Piazza Costa

Da domani sarà possibile riutilizzare l’isola ecologica interrata di Piazza Costa. Una soluzione originale e a minore impatto visivo che ha sostituito in pieno centro i cassonetti al servizio del “salotto buono” della città.
La sospensione dell’utilizzo dell’isola risale al 2015 con la delimitazione del cantiere per il rifacimento del Mercato Coperto ora giunto a conclusione

Come funziona l’isola ecologica interrata
L’isola ecologica interrata di Piazza Costa è esattamente uguale a quella di Piazza G. Garibaldi e contiene contenitori dedicati alla raccolta di organico, plastica, carta/cartone, vetro e riifuto residuo (indifferenziato).
Il funzionamento è semplice: si possono gettare in qualsiasi momento del giorno i propri rifiuti (correttamente differenziati e gli imballaggi di carta e plastica opportunamente ridotti di volume) inserendoli nelle bocche di carico apribili sia attraverso un pulsante elettrico, sia manualmente mediante maniglia.
Un tutor di Hera  sarà a disposizione degli utenti nei prossimi 3 giorni per spiegare il funzionamento dell’isola ecologica interrata e fornire informazioni su come conferire correttamente i rifiuti

L’andamento delle Isole Ecologiche interrate di Ravenna: dal 2017 al 2019 raccolti 339mila kg di rifiuti
Il centro di Ravenna in questi 4 anni è stato servito dall’isola ecologica interrata di Piazza A. Garibaldi, dove sono stati conferiti 339mila kg di rifiuti, registrando  una percentuale di raccolta differenziata superiore al 64%.

Gli altri rifiuti: RAEE e ingombranti in stazione ecologica
E’ opportuno ricordare che non tutti i rifiuti possono essere conferiti nelle isole ecologiche stradali. I rifiuti classificati come pericolosi, quelli domestici di grosse dimensioni e i  Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) vanno portati nelle stazioni ecologiche. Le 2 stazioni ecologiche di città sono aperte per 45 ore settimanali di cui 3 la domenica mattina.
Resta comunque il servizio di ritiro gratuito a domicilio messo a disposizione da Hera per i rifiuti che per tipologia, dimensione e peso non possono essere facilmente trasportati alle stazioni ecologiche.

Gli sconti previsti in stazione ecologica
Per i conferimenti in stazione ecologica di rifiuti  differenziati (carta, vetro, plastica, metalli, olii e batterie)  viene riconosciuto uno sconto sulla tariffa di igiene ambientale (Tari) pari a 0,15 € al chilogrammo, fino al raggiungimento del 100% della quota variabile.
Ingombranti e RAEE voluminosi (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) sono premiati con uno sconto in bolletta di 4 € per ogni conferimento fino a un massimo di 3 conferimenti l’anno.
Per tutte le informazioni per fare bene la raccolta differenziata e per verificare i servizi presenti sul territorio visita il sito www.gruppohera.it o scarica l’APP Il Rifiutologo.
Per informazioni o per richiedere servizi basta chiamare il servizio clienti Hera 800 999500 (199 199 500 da cellulare a pagamento) attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18 ed il sabato dalle 8 alle 13.

 

 
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente