Logo stampa
 
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Giuseppe Gagliano
Direttore
Hera S.p.A.
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Viale Carlo Berti Pichat 2/4 40127 Bologna
Vedi mappa
+39 051 287111
Calendario
 
<
>
Agosto 2019
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  •  
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  •  
COMUNICATI STAMPA
Condividi
18/07/2013

A Ravenna parte il primo HeraLab

Si è riunito ieri, mercoledì 17 luglio, a Ravenna il primo consiglio di HeraLab. Acronimo di Local Advisory Board, consiglio consultivo locale, ma anche abbreviazione di laboratorio per il territorio. HeraLab è un progetto innovativo per il coinvolgimento degli stakeholder locali, all’avanguardia in Italia, che Hera promuove in ognuna delle aree gestite. Si tratta di uno spazio sia di ascolto dei bisogni e delle aspettative dei diversi interlocutori, ma anche di elaborazione e raccolta di proposte per lo sviluppo sostenibile del territorio, e nasce per rispondere in modo mirato alle aspettative dei diversi interlocutori del Gruppo Hera, affrontando quindi anche temi critici e di grande interesse per i singoli territori.

Il primo appuntamento a Ravenna è stato caratterizzato da un’ampia partecipazione e da un primo confronto su temi di rilievo (acqua e tariffe, raccolta differenziata dei rifiuti, attenzione verso le ‘utenze deboli’, efficienza energetica ed energie rinnovabili, comprensione delle bollette, rapporto con il territorio). I componenti di HeraLab hanno mostrato grande interesse e molta attenzione, e la forte volontà di contribuire in maniera costruttiva a questo nuovo strumento di interazione fra Hera e la comunità locale a beneficio del territorio.

I 12 componenti del primo HeraLab
L’HeraLab di Ravenna è in assoluto il primo a essere sperimentato in tutto il territorio Hera. Sono in tutto 12 i componenti del Lab, nominati dal Consiglio d’Amministrazione Hera in rappresentanza di diverse categorie di portatori d’interesse locali.

Per l’ambito “Ambiente e generazioni future” sono stati coinvolti Claudio Mattarozzi (Presidente Circolo Matelda - Legambiente), Piera Nobili (Architetto, Libero professionista) e Antonio Lazzari (Presidente Coop. Impronte); per l’ambito “Comunità locale” Don Claudio Ciccillo (Parroco S. Michele) ed Elena Fabbri (Presidente corso di laurea in Scienze Ambientali - Università di Bologna, sede di Ravenna); per l’ambito “Clienti” Antonello Piazza (Vice Segretario provinciale Confartigianato) e Maurizio Rustignoli (Presidente Cooperativa Stabilimenti Balneari di Ravenna); per l’ambito “Pubblica amministrazione” Alessandra Bagnara (Vice Comandante Polizia Comunale e Presidente del Centro antiviolenza “Linea Rosa” di Ravenna) e Giovanni Casadei Monti(Direttore Eurosportello CCIAA Ravenna); per l’ambito “Azionisti”Filippo Donati (Consigliere Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Presidente Asshotel  Nazionale e Vice Presidente Asshotel Regionale); per l’ambito “Fornitori” Lucie Domeniconi (Direttore Fondazione Cervia Ambiente) ed Elena Zannoni (Vice Presidente Legacoop). Partecipano all’HeraLab anche i componenti del Comitato per il territorio Hera Area di Ravenna: Filippo Brandolini, Presidente, Tiziano Mazzoni, Direttore Area Territoriale di Ravenna, Guido Guerrieri, Margherita Morelli, Flavio Fuzzi, Enzo Bosi, Giovanni Grandu,   

Un consiglio rappresentativo del territorio
I criteri utilizzati da Hera per la scelta dei componenti del Lab sono stati due: la capacità di contribuire al raggiungimento della missione del LAB e la rappresentatività delle diverse categorie di stakeholder di Hera, con l’obiettivo di istituire un consiglio che sia rappresentativo in modo equilibrato del maggior numero possibile di categorie. La nomina è personale, non è, quindi, cedibile né trasferibile e dura tre anni, la durata oggi prevista per ciascun LAB, che si riunirà periodicamente fra le 4 e le 6 volte l’anno.

Gettone di presenza a favore di iniziative di sostenibilità
La nomina a membro del LAB è a titolo gratuito. Hera tuttavia erogherà, a titolo di gettone di presenza, 100 euro per ogni partecipante e per ciascun incontro del LAB. I gettoni di presenza costituiranno un fondo che potrà essere destinato annualmente ad iniziative/progetti di sostenibilità promossi da enti pubblici o non profit locali individuati dal LAB o ad incrementare il numero di alberi da collocare nei comuni aderenti alla campagna Hera “Regala un albero alla tua città” (www.alberi.gruppohera.it/).

Il funzionamento di HeraLab
Il funzionamento dell’HeraLab di Ravenna e di tutti quelli che nel corso dei prossimi mesi saranno attivati negli altri territori, è disciplinato da un apposito regolamento. Il Lab avrà il compito di formulare annualmente una proposta di interventi di coinvolgimento degli stakeholder e di iniziative, da realizzare anche in collaborazione con altri soggetti, per promuovere e migliorare la sostenibilità dei servizi forniti da Hera. Le proposte saranno formalizzate in un Piano di iniziative locali che dovrà essere valutato e approvato da Hera prima della sua attuazione, assicurando un’adeguata informazione sui criteri utilizzati per la valutazione, sia nei confronti dei LAB sia verso l’esterno. Ai LAB parteciperà l’Area manager  Hera dell’area territoriale di Ravenna, con il compito di coordinare i lavori e di svolgere il ruolo di anello di congiunzione tra Hera, i LAB e i territori. L’informazione verso l’esterno in merito al progetto HeraLAB sarà garantita da una sezione dedicata del sito web di Hera e già disponibile all’indirizzo www.heralab.gruppohera.it.

Un kit di strumenti utili in dotazione a HeraLab
Nel corso della prima riunione di ieri, ai componenti del Lab di Ravenna è stato fornito un kit di strumenti utili a conoscere meglio la realtà di Hera e le iniziative di sostenibilità intraprese dal Gruppo, così come una documentazione sui progetti e gli strumenti di coinvolgimento degli stakeholder che sono stati sperimentati e utilizzati in Italia e nel mondo. Una vera e propria “cassetta per gli attrezzi” in dotazione da cui trarre idee per un piano di iniziative da proporre nei prossimi mesi a Hera a beneficio del territorio di Ravenna.

Mazzoni: un canale diretto per confrontarsi sui servizi e le attività di Hera
“Siamo i primi a sperimentare questo progetto, impegnativo ma che ci consentirà di verificare l’efficacia e la qualità dei servizi erogati - sottolinea Tiziano Mazzoni, Direttore Area territoriale Hera di Ravenna -, dando ai rappresentanti del territorio un canale diretto per esprimere opinioni e richieste, aiutandoci a migliorarli ulteriormente. HeraLab si aggiunge alle già numerose iniziative di coinvolgimento dei nostri stakeholder che promuoviamo da tempo”.

Chiarini: forte impegno per il dialogo con il territorio
“HeraLab è una sfida straordinaria per noi, un processo di ascolto e di dialogo tra l’azienda e le comunità servite – spiega Maurizio Chiarini, Amministratore Delegato Hera – per creare maggiore conoscenza e condivisione delle scelte aziendali e per continuare a migliorare la sostenibilità del territorio attraverso una valutazione costante e strutturata delle esigenze dei nostri stakeholder”.

 Profilo componenti HeraLab Ravenna
“Ambiente e generazioni future”
· Claudio Mattarozzi: Presidente Circolo Matelda - Legambiente, ha una lunga esperienza su tematiche di carattere ambientale e attivo su vari progetti di educazione ambientale e di lotta agli scarichi abusivi.
· Piera Nobili: Architetto, progettista, contitolare dello Studio “Othe” di Ravenna e Presidente di CERPA Italia (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell’Accessibilità), impegnata nella promozione della cultura dell’inclusione sociale, contrastando la discriminazione e la marginalizzazione di qualsiasi individuo.
· Antonio Lazzari: Presidente Coop. Impronte, cooperativa operante nel settore della  sostenibilità ambientale.

“Comunità locale”
· Don Claudio Ciccillo: parroco  della Chiesa di S. Michele di Ravenna, impegnato nel sociale (Vice Presidente del CEIS, attivista dell’Associazione “Libera” contro le mafie) e nell’organizzazione di eventi anche di carattere ambientale.
· Elena Fabbri: Preside Facoltà della Facoltà di Scienze Ambientali Università di Bologna, sede di Ravenna, è responsabile del laboratorio di Fisiologia e Biochimica ambientale del Centro di Ricerca per le Scienze Ambientali (CIRSA) e coordinatrice del Dottorato di Ricerca in Scienze Ambientali.

“Clienti”
· Antonello Piazza: Vice Segretario provinciale di Confartigianato.
· Maurizio Rustignoli: Presidente  Cooperativa Stabilimenti Balneari  di Ravenna.

“Pubblica amministrazione”
· Alessandra Bagnara: Vice Comandante Polizia Comunale e Presidente del Centro antiviolenza “Linea Rosa” di Ravenna.
· Giovanni Casadei Monti: Direttore Eurosportello CCIAA Ravenna.

“Azionisti”
· Filippo Donati: Consigliere Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna (e Presidente Asshotel  Nazionale e Vice Presidente Asshotel Regionale e componente della Presidenza provinciale della Confesercenti di Ravenna.

“Fornitori”
· Lucie Domeniconi: Direttore della Fondazione Cervia Ambiente. Collabora, tramite la Cooperativa Atlantide, nella gestione di progetti di comunicazione e di educazione ambientale e alla sostenibilità.
· Elena Zannoni: Vice Presidente di Legacoop Ravenna e presidente del consiglio comunale di Lugo.

 
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente