Logo stampa
 
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Giuseppe Gagliano
Direttore
Hera S.p.A.
Direzione Centrale Relazioni Esterne
Viale Carlo Berti Pichat 2/4 40127 Bologna
Vedi mappa
+39 051 287111
Calendario
 
<
>
Gennaio 2020
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  •  
  •  
COMUNICATI STAMPA
Condividi
14/12/2004

Raccolte differenziate: dati aggiornati a novembre 2004 nel territorio servito da Hera Ravenna

La media percentuale di raccolta differenziata di Hera Ravenna è pari al 40,74%. Questo è quanto emerge dai dati consuntivi a novembre 2004 sull'andamento delle raccolte differenziate, elaborati su tutti i dodici comuni (277.760 abitanti, distribuiti su un territorio di 1.263 kmq) in base ai criteri stabiliti dalla delibera regionale n. 1620/01.
Nei primi undici mesi dell'anno, nei Comuni serviti da Hera Ravenna (Ravenna, Lugo, Cervia, Russi, Alfonsine, Bagnara, Bagnacavallo, Cotignola, Fusignano, Conselice, Massa Lombarda e Sant'Agata sul Santerno) sono state raccolte in modo differenziato 84.369 tonnellate, su un totale di rifiuti raccolti pari a 207.068 tonnellate.

Si evidenzia che da gennaio a novembre di quest'anno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso la produzione complessiva di rifiuti solidi urbani è aumentata di 8.311 tonnellate, pari al 4,18%, essendo passati da 198.756 tonnellate nel 2003 a 207.068 tonnellate nel 2004.

L'azienda nel 2004 ha inoltre attuato diversi progetti per lo sviluppo delle raccolte differenziate. E' stata completata l'estensione della raccolta dei rifiuti organici in alcuni quartieri di Ravenna e di Cervia, che ha comportato la posa di ulteriori 550 contenitori stradali; sono stati realizzati recentemente nel ravennate 32 nuovi ecopunti che accolgono i contenitori per la carta, il vetro e la plastica e nella Prima Circoscrizione è stato adeguato il colore dei contenitori di carta e plastica alle direttive della Legge Regionale 12/7/94 n.27 (blu per la carta e giallo per la plastica). Nel corso dell'anno sono state aperte cinque nuove stazioni ecologiche a Fusignano, Massa Lombarda, Roncalceci e Sant'Alberto e a Ravenna Sud in via Don Carlo Sala, mentre sono in fase di progettazione quelle di Bagnara di Romagna, Lugo/Cotignola, Pisignano e Ravenna Ovest.

A questo proposito si evidenzia che nei Comuni di Fusignano e di Massa Lombarda, nei quali le nuove stazioni ecologiche sono state attivate nella scorsa primavera, la percentuale di raccolta differenziata nei primi undici mesi del 2004 rispetto allo stesso periodo del 2003 è passata rispettivamente dal 32,44% al 51,96% e dal 31,98% al 49,07%.

Si evidenzia inoltre che nella stazione ecologica di S. Alberto, dall'8 ottobre, giorno di apertura, al 30 novembre (di fatto 23 giorni di apertura), si sono recati 362 cittadini che hanno conferito in maniera differenziata complessivamente oltre 43 mila chilogrammi di rifiuti (con una media di 16 conferimenti al giorno), a conferma di una elevata sensibilità ambientale dei cittadini di quella Circoscrizione.

L'attività di recupero materia e di riciclaggio, sviluppata in particolare attraverso la raccolta differenziata, è integrata da quella di recupero energetico. Nei primi undici mesi del 2004 i rifiuti avviati all'impianto di produzione di combustibile da rifiuto sono stati pari a 114.960 tonnellate, di cui 79.935 sono solidi urbani. Complessivamente sono state prodotte 34.787 tonnellate di Cdr (Combustibile da rifiuto), che trattate nell'impianto di termovalorizzazione con recupero energetico hanno consentito di produrre 28.740.961 kwh.

 
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente