Logo stampa
 

Dossier 6 - Efficienza energeticaDossierDossier 1 - AcquaDossier 2 - Smart CitiesDossier 3 - RifiutiDossier 4 - GasDossier 5 - TLRDossier 6 - Efficienza EnergeticaDossier 7 - Fognature e depurazioneDossier 8 - Filiere del recuperoDossier 9 - Energie RinnovabiliDossier 10 - AcquedottoDossier 11 - EnergiaDossier 12 - Acqua

Efficienza energetica: l'impegno di Hera

La multiutility è fra le poche realtà italiane nel Rapporto 2013 dell'Agenzia Internazionale per l'Energia sulle migliori esperienze mondiali di risparmio energetico

 
Uomini al lavoro su un traliccio elettrico
Uomini al lavoro su un traliccio elettrico

L’efficienza energetica: una parola d’ordine per Hera
Il Gruppo Hera, solo nel 2012, ha dato vita a oltre 20 progetti di efficienza energetica, che nell’arco della loro vita saranno in grado di generare un risparmio complessivo di oltre 150 mila tonnellate di petrolio equivalente (Tep), pari a 800 milioni di KWh. Più o meno il consumo di 70 mila famiglie per 5 anni. E’ anche grazie a questi numeri che la multiutility è stata uno dei tre operatori italiani (l’unica utility locale) a entrare nel Rapporto 2013 dell’Agenzia Energetica Internazionale (IEA) sull’efficienza energetica.
Hera si conferma così uno dei soggetti più attivi del paese nel portare avanti, nei propri impianti o presso industrie ed enti, progetti in grado di ridurre il consumo energetico, riconoscendo ai partner stessi parte dei benefici economici. Tali benefici derivano dall’acquisizione dei certificati bianchi, cioè i titoli di efficienza energetica. Istituiti con decreto ministeriale nel 2004, sono emessi dall'Authority per premiare i soggetti che realizzano progetti per il risparmio energetico. In sostanza, sono un incentivo economico: un premio extra a chi, tra produttori e installatori di tecnologie di efficienza energetica, ha scelto di ridurre il proprio impatto sull'ambiente.

Dal 2005 i progetti Hera hanno abbattuto 800 mila ton. di CO2
Il prestigioso Rapportoraccoglie su scala mondiale le migliori iniziative di risparmio energetico sviluppati da distributori e venditori di energia(ad es. Endesa, British Gas, Florida Pubblic Utility, Pacific Gas and Electric Company). Il Gruppo Hera vi è citato anche per essersi distinto, in un arco temporale ormai pluriennale, per l’efficacia della sua azione nel settore. Dal 2005 (anno di attivazione del sistema dei certificati bianchi) a oggi, infatti, l’impegno del Gruppo Hera ha portato all’approvazione da parte dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas di oltre 50 progetti di miglioramento dell’efficienza energetica che, unitamente ad altre iniziative, hanno generato un risparmio di 280 mila tonnellate di petrolio equivalenti, corrispondenti a una riduzione di oltre 800 mila tonnellate di CO2.

Impianti idrici, riscaldamenti condominiali, illuminazione pubblica
L’impegno della multiutility, anche attraverso le sue controllate HeraComm, Hera Luce ed Hera Energie, si concretizza su più fronti: dagli interventi su propri impianti per migliorare l’efficienza energetica (ad esempio, l’installazione di apparecchiature più efficienti nel pompaggio dell’acqua potabile o lo sviluppo di nuove centrali di teleriscaldamento) agli interventi per il risparmio energetico nei condomini (attraverso Hera Energie) o nell’illuminazione pubblica (attraverso Hera Luce).

Una partnership innovativa per cedere alle aziende i benefici dei certificati bianchi
Di particolare rilievo è l’attività di partnership con realtà esterne (aziende private, enti pubblici, ecc.), che vengono affiancate in progetti di energy saving. In questo caso, lo strumento con cui si realizza la partnership è un innovativo protocollo d’intesa che sviluppa importanti innovazioni come la condivisione dei benefici ottenibili dai sistemi di incentivazione. Sulla base del documento, Hera progetta assieme al partner l’intervento di risparmio energetico (fra i tanti esempi, la cogenerazione abbinata al recupero del calore dei fumi nell’industria ceramica, il recupero del calore nei sistemi di essiccazione o l’ottimizzazione della combustione in forni di cottura, termovalorizzatori ecc.). La multiutility presenta poi all’ente competente il progetto. Una volta approvato, Hera utilizza i certificati bianchi spettanti dall’intervento e riconosce direttamente al partner la quota del beneficio economico derivante dalla valorizzazione del certificato bianco.
I principali settori in cui ha operato il Gruppo Hera sono il chimico, il tessile, l’alimentare, la macellazione, il siderurgico oltre alla ceramica.
Anche grazie a questa forma di collaborazione con soggetti terzi, non comune nel settore, i certificati bianchi acquisiti da Hera sono passati dai 167 mila del 2010 ai 215 mila del 2012 (+29%). Maggiori informazioni sui progetti di efficienza energetica del Gruppo Hera si possono trovare all’indirizzo:
http://www.gruppohera.it/gruppo/attivita_servizi/business_energia/efficienza_energetica/

Gli obiettivi del 2013
Anche per l’anno in corso sta proseguendo con intensità l’attività di progettazione e realizzazione degli interventi. Nei giorni scorsi sono stati approvati altri quattro progetti, per un risparmio complessivo di 63 mila Tep, corrispondenti ad una riduzione di emissioni di CO2 pari a 190 mila tonnellate nell’arco dei 5 anni di vita utile. Uno riguarda l’impianto Hera di depurazione acque reflue urbane di Santa Giustina a Rimini, dove è stato rinnovato il sistema di depurazione ossidativo con una tecnologia innovativa. Gli altri sono stati realizzati presso industrie di Modena, Bologna e Rovigo, in cui sono stati ridotti i consumi di combustibile fossile utilizzando fonti rinnovabili termiche e impiegando sistemi più efficienti di combustione.
Sono inoltre in corso interventi nei sistemi di depurazione acque e di compressione dell’aria nonché nel miglioramento dell’efficienza dei sistemi di pompaggio di diversi acquedotti e degli impianti di illuminazione pubblica.

L’impegno Hera sullo sviluppo “green”
In coerenza con il piano industriale, l’impegno sui progetti di efficienza energetica crescerà ancora nel corso dei prossimi anni. Sono oltre 20 i progetti programmati e riguardano sia interventi di efficienza energetica che l’utilizzo di fonti rinnovabili o sistemi ad alto rendimento.
Questi interventi si inseriscono nel più ampio impegno del Gruppo Hera sulla sostenibilità, che, sempre sul fronte energetico, ha visto salire la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili dai 240 GWh del 2008 agli oltre 420 GWh del 2012.