Logo stampa
 

Dossier 8 - Filiere del recuperoDossierDossier 1 - AcquaDossier 2 - Smart CitiesDossier 3 - RifiutiDossier 4 - GasDossier 5 - TLRDossier 6 - Efficienza EnergeticaDossier 7 - Fognature e depurazioneDossier 8 - Filiere del recuperoDossier 9 - Energie RinnovabiliDossier 10 - AcquedottoDossier 11 - EnergiaDossier 12 - Acqua

Sulle tracce dei rifiuti... con Hera

Nel 2012 il 93,5% di quanto differenziato sul territorio è stato avviato effettivamente a recupero. Nel report annuale il percorso dei rifiuti dal cassonetto alla “nuova vita”

 
Contenitori Hera per la raccolta differenziata
Contenitori Hera per la raccolta differenziata

Differenziare i rifiuti non è più solo un dovere, ma è ormai diventato uno stile di vita responsabile e sostenibile seguito da un numero di persone sempre più elevato. Per mostrare, nella piena trasparenza, il viaggio dei rifiuti lungo la filiera, Hera dal 2008 realizza il report annuale “Sulle tracce dei Rifiuti”, con cui informa i cittadini sia sulle quantità effettivamente recuperate, sia sulla destinazione dei rifiuti raccolti in modo differenziato.

Solo il 6,5% viene scartato. Raccolta differenziata a 53,7%
Nel 2012 il 93,5% di quanto raccolto in maniera differenziata su tutto il territorio gestito da Hera in Emilia-Romagna è stato recuperato. Il report evidenzia inoltre che la quantità di rifiuti scartata dagli impianti durante il processo di recupero (perché, ad esempio, non idonea ad essere riciclata o inquinata da corpi estranei) è di appena il 6,5%. Tutto il resto è reimmesso nel ciclo produttivo.
I dati contenuti nel report sono verificati dal prestigioso istituto indipendente DNV Business Assurance. L’analisi è unica nel suo genere in Italia, andando nella direzione indicata dall’Unione Europea che punta l’attenzione sulla quantità di materiale effettivamente recuperato e non più solamente sulla percentuale di raccolta differenziata.
Per quanto riguarda i risultati in termini di raccolta differenziata, nel primo semestre 2013 le cifre sono cresciute di 3,5 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, raggiungendo quota 53,7%. Un dato che prosegue il positivo trend medio di crescita costante negli ultimi 4 anni, pari a 2,5 punti percentuali all’anno.

 

Le percentuali recuperate per ogni tipo di materiale
Nel 2012 è migliorato il recupero della raccolta della carta, passato dal 92,4% al 95,7% (58,7 kg/abitante). Tra i materiali con la percentuale di recupero maggiore si segnalano, oltre alla carta, il ferro (100%, 2,4 kg/abitante), i rifiuti verdi (97,3%, 63,9 kg/abitante), il vetro (94,7%, 30,6 kg/abitante), i metalli intesi come imballaggi in alluminio, acciaio e banda stagnata (92,8%, 1,4 kg/abitante), la plastica (84,9%, 24,8 kg/abitante).
Tutti i dati contenuti nell’opuscolo sono anche disponibili nella sezione interattiva dedicata a questo tema e navigabile sul sito web www.gruppohera.it/sulletraccedeirifiuti. Il report è in distribuzione anche presso le stazioni ecologiche, gli Urp dei principali Comuni e gli sportelli clienti del Gruppo.

 

Il Rifiutologo: la differenziata in un clic
Per sapere come fare al meglio la raccolta differenziata, Hera ha messo a punto un’apposita sezione on line sul sito del Gruppo (www.ilrifiutologo.it) e ha realizzato l‘app del Rifiutologo per smartphone e tablet. Basta un clic, dunque, per avere un assistente personale e sapere sempre come separare correttamente i rifiuti.  Con l’app, inoltre, è anche possibile, a Bologna e Modena, segnalare rifiuti abbandonati o strade poco pulite semplicemente scattando una fotografia con il proprio telefono.