Logo stampa
 
Calendario
 
<
>
Novembre 2020
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
IN PRIMO PIANO
Condividi
31/07/2020

Meno 29% nelle emissioni per il clima, Hera rilancia sull'efficienza energetica

valoreallenergia_870


La sfida dell’efficienza energetica diventa essenziale e il Gruppo Hera, da sempre attivo su questo fronte, rilancia il proprio impegno per contribuire al fondamentale abbattimento delle emissioni climalteranti e promuovere un modello di sviluppo sostenibile e inclusivo. Tanti i risultati già raggiunti dalla multiutility, che dal 2007 ha risparmiato oltre un milione di tonnellate di petrolio equivalenti (tep), pari ai consumi annui di 668 mila famiglie, e guarda avanti con nuovi sfidanti target. Tutto questo, e molto altro ancora, è raccontato nella nuova edizione di Valore all’energia, report tematico di sostenibilità dedicato all’efficienza energetica, già disponibile online e presto anche presso gli sportelli clienti di Hera.


Target 2030: abbattere del 29%, rispetto al 2019, le emissioni totali di CO ₂

In linea con il percorso di allineamento alle raccomandazioni della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (Tcfd) avviato quest’anno, il Gruppo Hera ha analizzato le emissioni totali prodotte dal Gruppo, dai suoi fornitori e dai suoi clienti, che nel 2019 sono state pari a 14,2 milioni di tonnellate di CO ₂. L’11% di queste (1,6 milioni di tonnellate) fa riferimento a emissioni prodotte direttamente dalla multiutility, mentre il restante 89% - pari a 12,6 milioni di tonnellate di CO ₂ – è in capo a clienti e fornitori. Ecco perché Hera continua ad attivare azioni specifiche rivolte ai clienti residenziali e business, aiutando i propri stakeholder a monitorare e ridurre i consumi energetici.
L’obiettivo è ambizioso: abbattere entro il 2030 le emissioni complessive del 29% rispetto al 2019. Come? Proseguendo nella strada intrapresa e continuando a innovare, senza mai smettere di dare l’esempio.

Ridotti del 5,1% i consumi energetici all’interno delle società del Gruppo Hera: già superato l’obiettivo al 2020

Hera continua infatti a incrementare l’efficienza energetica delle sue attività, al punto da poter vantare otto società del Gruppo certificate Iso 50001. Degli 870 interventi di efficienza energetica che dal 2007 al 2021 la multiutility ha messo in campo o pianificato, in particolare, ben 573 sono destinati al miglioramento delle performance aziendali, coinvolgendo non soltanto la produzione energetica ma anche il settore idrico, quello ambientale, l’illuminazione pubblica e la gestione delle sedi del Gruppo. Grazie a questo impegno, Hera ha ridotto del 5,1% i propri consumi rispetto al 2013, raggiungendo in anticipo l’obiettivo fissato al 2020, pari al consumo annuo di 6 mila famiglie. E non finisce qui, perché il target di Gruppo al 2023 prevede di portare il risparmio energetico sul 2013 fino al 6,5%.

Nel bolognese, realizzati 114 interventi di efficientamento energetico, anche con aziende del territorio

Ottime le performance sul territorio bolognese: attraverso 114 interventi di efficientamento, infatti, la multiutility ha conseguito un risparmio annuo di circa 29.250 tonnellate di petrolio equivalenti, che entro il 2021 raggiungeranno il monte complessivo di 80.514 tep. Tra le azioni più significative si ricordano la realizzazione di un impianto all’avanguardia per la produzione di biometano dai rifiuti organici a Sant’Agata Bolognese, ma anche il rifacimento della Centrale di cogenerazione di Bologna e l'intervento di efficientamento energetico negli edifici della Bonfiglioli Riduttori.

 
 
Insieme per costruire il futuro
 
Insieme per costruire il futuro
 
 
Insieme facciamo la differenza!
 
Insieme facciamo la differenza!
 
 
REINVENTING THE CITY
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare