Logo stampa
 
TUTTI I COMUNICATI
Condividi
29/08/2008

Hera S.p.A.: approvato dal C.d.A. l'andamento del primo semestre 2008

Si è svolto oggi a Bologna il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Hera, che ha approvato all'unanimità i risultati economici consolidati al 30 giugno 2008, redatti sulla base dei criteri IAS.
I risultati evidenziano una crescita significativa in tutte le aree di business e beneficiano oltre che di maggiori livelli di efficienza, di un significativo sviluppo dei mercati e di due operazioni straordinarie operative dal 1° gennaio 2008: l'incorporazione di Sat Sassuolo, società multiservizi operante nei settori della distribuzione gas, acqua e servizi di igiene ambientale, e l'allargamento del perimetro al territorio di Urbino con la nascita di Marche Multiservizi, di cui Hera detiene il 41,9 % e che rappresenta la realtà più significativa di quella Regione.

I ricavi del Gruppo nel primo semestre 2008 crescono del +30,3%, passando a 1.752,4 milioni di Euro da 1.344,9 milioni di Euro del primo semestre 2007, nonostante un andamento climatico con temperature invernali medie ancora superiori rispetto agli andamenti storici.
In particolare, si evidenzia che questo importante incremento, pari a 407,5 milioni di Euro, è da mettere in relazione all'incremento dei ricavi dell'Area Elettrica per oltre il 60% e per oltre il 25% all'aumento dell'Area Gas ed è stato influenzato dallo sviluppo delle attività di mercato e dall'andamento dei prezzi del petrolio.

Il Margine Operativo Lordo passa a 257,6 milioni di Euro da 210,7 milioni di Euro del primo semestre 2007, con un aumento del 22,2%. Tale risultato, in forte crescita rispetto all'analogo periodo dello scorso anno, deve essere ricondotto al contributo di tutte le aree di business, alla creazione di efficienza, ai margini derivanti dall'aumento della capacità impiantistica e al contributo derivante dall'allargamento del perimetro del Gruppo.

Il Risultato Operativo passa a 142,7 milioni di Euro da 113,8 milioni di Euro, con una variazione percentuale in crescita del 25,4%, rispetto all'analogo periodo del 2007.

L'Utile Netto registra una crescita del 12,7%, attestandosi a 49,6 milioni di Euro da 44 milioni del primo semestre 2007.

Il Capitale investito del Gruppo nei primi 6 mesi dell'anno si è incrementato, passando da 2.962,6 a 3.029,1 milioni di Euro, in relazione principalmente all'integrazione della società SAT di Sassuolo e agli investimenti di sviluppo delle infrastrutture effettuati sul territorio.
Gli investimenti del Gruppo effettuati nei primi sei mesi del 2008 ammontano a 185 milioni di Euro, in gran parte destinati all'Area Ambiente per interventi sugli Impianti di Termovalorizzazione e all'Area Ciclo Idrico per estensioni di reti e impianti; a tali investimenti si aggiungono 3,1 milioni di Euro per partecipazioni finanziarie, da porre in relazione principalmente con l'accresciuta partecipazione in Galsi (10,4%).

La PFN è sostanzialmente stabile e si attesta a 1.479,7 milioni di Euro, rispetto ai 1.424,1 del 31 dicembre 2007: la modesta crescita è legata all'incremento del giro d'affari e all'importante piano di investimenti realizzato.
Gli oneri finanziari e le imposte recepiscono gli effetti straordinari della c.d. moratoria fiscale per totali Euro 11,2 milioni.

Per quanto concerne la composizione del Margine Operativo Lordo del Gruppo, aumenta di oltre 4 punti percentuali, rispetto all'analogo periodo dello scorso anno, il peso dell' Area Gas che ha contribuito per il 26,9%, beneficiando di un andamento climatico più normale rispetto al 2007 e dello sviluppo delle attività di mercato. L'Area Ambiente continua ad essere quella con la maggiore incidenza sul Mol, contribuendo per il 33,1%, l'Area Ciclo Idrico per il 23,9%, l'Area Energia Elettrica per il 9,3% e l'Area Altre Attività per il 6,7%.

Nel Settore Energia, per l'Area Gas sono stati venduti nei primi sei mesi del 2008 1.478,2 milioni di metri cubi di gas, contro i 1.249,3 milioni di metri cubi del 2007, con un aumento del 18,3%, mentre i volumi distribuiti passano a 1.360,7 milioni di metri cubi dai 1.118,1 dello scorso anno, con un aumento del 21,7%. Questi positivi risultati sono da mettere in relazione, oltre che con il già richiamato andamento climatico, anche con il contributo derivante da SAT Sassuolo, che incide per la sola quota di distribuzione, e da Marche Multiservizi, nonché con le attività di approvvigionamento e trading.

L'Area Energia Elettrica continua il suo percorso di crescita sia in termini di giro d'affari che di marginalità, soprattutto grazie alle proposte commerciali competitive offerte alla clientela e al rafforzamento dell'attività di trading, che hanno più che compensato la riduzione tariffaria imposta dall'Autorità AEEG nelle attività di distribuzione. Da evidenziare che la capacità commerciale è stata significativamente incrementata a seguito dell'avvio degli impianti di produzione elettrica di Teverola e Sparanise, avviati nel corso del 2007, a cui si aggiungerà entro la fine dell'anno l'impianto cogenerativo di Imola (Bo), con una capacità installata di 80 megawatt.
Al 30 giugno 2008 sono stati fatturati oltre 2,4 Tw/h di energia elettrica, contro 2 Tw/h dello scorso anno. Tale risultato è da mettere in relazione ai maggiori volumi di vendita alla clientela business conseguenti alla politica commerciale. Il Gruppo conta oggi oltre 280.000 punti di fornitura.

Nel Ciclo Idrico Integrato si segnala un aumento del volume d'affari, legato principalmente all'estensione del perimetro alle aree di Sassuolo e Urbino e all'adeguamento tariffario definito per il 2008, che hanno più che compensato la contrazione registrata nei consumi.
Nell'Area Ambiente il Gruppo Hera continua ad essere la più rilevante realtà integrata del settore e al 30 giugno 2008 sono stati smaltiti oltre 2,4 milioni di tonnellate di rifiuti. L'impegno nella gestione di tale attività ha anche portato ad aumentare al 43% il riciclo dei rifiuti urbani (da 36% nel corrispondente periodo del 2007). Nel semestre sono inoltre stati ultimati ed avviati due nuovi Impianti di Termovalorizzazione (Ferrara e Forlì) e sono attualmente in fase di costruzione due nuove unità (Modena e Rimini).

Nelle Altre Attività, che includono prevalentemente il Teleriscaldamento e l'Illuminazione Pubblica, Gestione calore e microgenerazione, si evidenzia un risultato in aumento rispetto al primo semestre del 2007.

"I risultati conseguiti in questi primi sei mesi - ha commentato l'Amministratore Delegato Maurizio Chiarini - mostrano un ulteriore e deciso miglioramento rispetto allo scorso anno, cui hanno contribuito tutte le aree di business; ciò conferma la solidità del Gruppo, che dalla sua costituzione ad oggi si afferma come uno degli operatori più dinamici del settore."

"Le ottime performance di questo primo semestre 2008 - ha continuato il Presidente Tomaso Tommasi di Vignano - saranno uno stimolo ulteriore alle sfide che ci aspettano nei prossimi mesi, anche con riguardo alle attese relative alle opportunità di crescita esterna."

La relazione semestrale consolidata del Gruppo Hera al 30 giugno 2008 è stata redatta in osservanza ai criteri IAS come previsto per le società quotate dall'art. 81 bis del Regolamento Emittenti n. 11971/1999, modificato dalla delibera Consob n. 14990 del 14 aprile 2005. I dati sono di conseguenza in conformità al principio contabile internazionale n. 34 concernente l'informativa finanziaria infrannuale. Il Gruppo Hera adotta i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs), a partire dai risultati semestrali dell'esercizio 2005.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Giovanni Barberis, dichiara, ai sensi dell'articolo 154-bis, 2°comma del Testo Unico della Finanza, che l'informativa contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

 
Online dal 29-08-2008 alle 13:32
 
Insieme per costruire il futuro
 
Insieme per costruire il futuro
 
 
REINVENTING THE CITY
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso