Logo stampa
 
TUTTI I COMUNICATI
Condividi
21/10/2009

Assemblea degli azionisti: approvati l'aumento di capitale riservato a fronte del conferimento reti gas e un'importante operazione di riassetto societario

L'Assemblea degli azionisti del Gruppo Hera, riunitasi oggi a Bologna in sede ordinaria e straordinaria, ha deliberato alcune importanti operazioni che contribuiranno al raggiungimento degli obiettivi del Piano Industriale recentemente comunicato al mercato finanziario.

È stato infatti approvato l'aumento di capitale per 82.276.052 di azioni ordinarie, che passano così da 1.032,7 a 1.115,0 milioni, a fronte del conferimento di reti di distribuzione Gas (del valore peritale di 122,4 milioni di Euro) e di reti di Teleriscaldamento (del valore peritale di 21,6 milioni di Euro), corrispondente ad un valore complessivo di 144,0 milioni di euro, da parte di alcuni dei soci pubblici di Hera S.p.A.

La data di efficacia dell'operazione è prevista al 1 dicembre 2009.

L'Assemblea ha inoltre approvato l'operazione di riassetto societario, che prevede il superamento della forma societaria delle 7 attuali Società operative territoriali con l'integrazione delle relative attività nella Capogruppo e di quelle relative alle attività commerciali in Hera Comm, la società di vendita del Gruppo Hera. L'operazione darà luogo alla costituzione di Strutture operative territoriali, mantenendo in questo modo l'attuale livello di presidio del territorio, che sarà inoltre garantito dalla costituzione di un Comitato per il Territorio per ognuna di queste.

Questo nuovo modello societario comporterà numerosi benefici in termini di sinergie e semplificazioni in ambito societario, amministrativo e fiscale tra S.p.a. e controllate, dando luogo ad uno snellimento delle attività intercompany.

L'Assemblea ha deliberato anche l'innalzamento dal 2% al 5% del limite di possesso azionario per i privati, anche in analogia a quanto già in atto presso le società consimili.

Sono stati inoltre nominati due consiglieri di Amministrazione in sostituzione dei dimissionari Luciano Sita e Nicodemo Montanari: il primo è stato sostituito dall'avvocato Paolo Trombetti, già Vicepresidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane e il secondo da Daniele Montroni, Presidente di Con.Ami, terzo azionista del Gruppo.

Infine è stato approvato il progetto di fusione per incorporazione in Hera di Pri.ge.a.s S.r.l., società di distribuzione gas nell'Appennino modenese, già detenuta integralmente dal Gruppo.

Al termine dell'Assemblea il Presidente Tomaso Tommasi di Vignano ha sottolineato come "L'aumento di capitale, a servizio del conferimento di reti Gas nel territorio di riferimento, sia un'operazione che rafforza il Gruppo sia in termini patrimoniali, che di assetto industriale, preservando al contempo valore per gli azionisti."

"Il riassetto societario con l'integrazione delle sette società territoriali nella Holding - ha aggiunto l'Amministratore Delegato Maurizio Chiarini - è un'operazione di razionalizzazione che si inserisce in un processo teso a favorire maggiore integrazione e maggiore qualità, riduzione dei costi e sinergie industriali, salvaguardando la "governance" territoriale, che resta per Hera un punto imprescindibile."

 
Online dal 21-10-2009 alle 12:56
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera