Logo stampa
 
TUTTI I COMUNICATI
Condividi
12/05/2011

Il CdA Hera approva i risultati del primo trimestre 2011

Risultati trimestrali 2011
 


Il margine operativo lordo registra una crescita pari a 39,2 milioni di euro (+21,2%). Utile netto post-minorities a 66,8 milioni

Hihglight finanziari

  • Ricavi a 1.126,2 milioni (+6,9%)
  • Margine operativo lordo (MOL) a 224,3 milioni (+21,2%)
  • Risultato operativo a 151,3 milioni (+28,6%)
  • Utile netto post-minorities a 66,8 milioni (+40,1%)
  • Posizione finanziaria netta a 1.846,4 milioni, in calo per il terzo trimestre consecutivo

Highlight operativi

  • Significativa espansione commerciale nell'area energia elettrica, fino a 430.000 clienti
  • Mantenimento di una politica flessibile di approvvigionamento risorse energetiche
  • Crescita dei volumi nell'area ambiente (+1,9%) e contrazione, per ragioni climatiche, delle vendite gas e acqua
  • Avvio operativo della joint venture Enomondo nel settore ambiente

Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Hera ha approvato oggi all'unanimità i risultati economici consolidati dei primi tre mesi dell'anno, che confermano un buon andamento in tutte le aree di attività.

Ricavi
I ricavi del Gruppo al 31 marzo 2011 sono saliti a 1.126,2 milioni, con un aumento del 6,9% rispetto ai 1.053,2 dell'analogo periodo 2010, in virtù principalmente dell'espansione nei mercati liberalizzati (gas ed energia elettrica).

Margine operativo lordo (MOL)
Il MOL sale a 224,3 milioni (+21,2% rispetto ai 185,1 del primo trimestre 2010), mettendo a segno la crescita assoluta più elevata dalla nascita di Hera in questo periodo dell'anno. Tale ottimo risultato, oltre che dalla già menzionata performance commerciale, si deve anche alla flessibile politica di approvvigionamento delle risorse energetiche e alle efficienze operative conseguite.

Risultato operativo e utile netto
Il risultato operativo si attesta a 151,3 milioni (+28,6%), mentre l'utile ante-imposte sale a 123,1 milioni (+34,4%).
In crescita anche l'utile netto consolidato, fissato a 74,5 milioni (+41,6%).
L'utile netto post-minorities cresce così a 66,8 milioni (+40,1% rispetto ai 47,7 milioni del primo trimestre 2010).

Investimenti e posizione finanziaria netta
Nei primi tre mesi del 2011 gli investimenti lordi del Gruppo ammontano a 59,8 milioni, in linea con quanto previsto dal piano industriale dopo la fase di completamento dei grandi impianti.
La posizione finanziaria netta si conferma in calo per il terzo trimestre consecutivo a 1.846,4 milioni, grazie a una generazione di cassa che ha assorbito l'aumento stagionale del capitale circolante e ha ulteriormente migliorato gli indici di solidità patrimoniale.

Area ambiente
L'area ambiente, settore in cui il Gruppo si mantiene la più rilevante realtà integrata nazionale per volume di rifiuti smaltiti e numero di impianti di proprietà, registra un'ulteriore crescita.
Il MOL cresce a 58,0 milioni (+11,1%), grazie principalmente all'espansione della quota di mercato sui rifiuti industriali, resa possibile dal potenziamento della capacità impiantistica di trattamento rifiuti. Al risultato ha contribuito anche il pieno funzionamento del nuovo termovalorizzatore di Rimini.
L'aumento dei volumi (+1,9% fra rifiuti industriali e urbani), unito all'accresciuto livello tecnologico del parco impiantistico (frutto degli investimenti degli ultimi anni), ha consentito di incrementare ulteriormente l'energia rinnovabile ricavata dalla gestione del ciclo rifiuti, passata dai 130 GWh del primo trimestre 2010 ai 172 GWh del primo trimestre 2011.
Da segnalare, all'interno dell'area ambiente, il positivo contributo portato dall'entrata in operatività della joint venture realizzata con Caviro nell'ambito della società Enomondo, per la produzione di energia rinnovabile da biomasse.
Il contributo dell'area ambiente al MOL di Gruppo è pari al 25,9%.

Area ciclo idrico
Nonostante la decrescita dei volumi (-4,1%), anche il MOL del ciclo idrico evidenzia un miglioramento. Si attesta, infatti, a 33,4 milioni, con una crescita del 5,4% dovuta prevalentemente alle sinergie realizzate.
Il contributo dell'area ciclo idrico integrato al MOL di Gruppo è pari al 14,9%.

Area gas
Sensibile crescita per l'area gas, con un MOL che sale a 99,1 milioni (+21,0%). Le condizioni di approvvigionamento della materia prima e l'aumento della base clienti hanno infatti più che compensato la riduzione dei volumi venduti e distribuiti causata dalla stagione invernale più mite rispetto allo scorso anno.
Il contributo dell'area gas al MOL di Gruppo è pari al 44,2%.

Area energia elettrica
L'area energia elettrica mette a segno un sostanziale raddoppio del MOL, salito a 28,5 milioni (+99,4%). L'ottima performance è ascrivibile all'aumento dei volumi venduti, frutto del positivo incremento della penetrazione commerciale, che ha portato la base clienti a oltre 430 mila unità e all'acquisizione del servizio di salvaguardia in 6 regioni italiane.
Il contributo dell'area energia elettrica al MOL di Gruppo è pari al 12,7%.

Dichiarazione del Presidente Tommasi
"I primi tre mesi del 2011 denotano un andamento molto positivo per tutte le aree di attività, a ulteriore conferma della capacità di crescita organica che il Gruppo ha sempre espresso", spiega Tomaso Tommasi di Vignano, Presidente Hera. "Il trend conseguito conferma la validità delle strategie definite dal piano industriale e ci conforta rispetto al raggiungimento degli obiettivi pianificati nel documento. In vista del previsto mutamento dello scenario competitivo anche nella distribuzione gas e nella gestione dei servizi di igiene urbana ritengo sia di particolare significato la capacità espressa dal Gruppo di recuperare efficienza, mantenendo adeguati livelli di investimento e servizio".

Dichiarazione dell'Amministratore Delegato Chiarini
"Il Gruppo Hera continua a dimostrarsi una realtà capace di coniugare crescita e buoni fondamentali economico-finanziari", afferma Maurizio Chiarini, Amministratore Delegato Hera. "In particolare è da valutare in modo positivo l'ulteriore riduzione della posizione finanziaria netta, in calo, per il terzo trimestre consecutivo, a 1.846 milioni. Questo percorso virtuoso, confrontato con la continua crescita del MOL ci rende confidenti sul raggiungimento di un rapporto PFN/MOL allineato con gli obiettivi dichiarati".

Possesso azionario e indipendenza dei consiglieri
In seguito al rinnovo degli organi sociali di Hera S.p.A., avvenuto nel corso dell'Assemblea Ordinaria dei Soci del 29 aprile 2011, si rende noto che, tra i consiglieri ed i sindaci nominati, i seguenti hanno dichiarato di possedere azioni Hera S.p.A.:

Consiglieri 
Tomaso Tommasi di Vignanon. 20.000 detenute indirettamente
Maurizio Chiarinin. 15.000 detenute indirettamente
Mara Bernardinin. 17.400
Luigi Castagnan. 54.000 delle quali n. 1.950 detenute indirettamente
Piergiuseppe Dolcinin. 2.750
Valeriano Fantinin. 5.000
Nicodemo Montanarin. 43.500 delle quali n. 30.000 detenute indirettamente
Bruno Tanin. 35.000

 

Sindaci 
Sergio Santin. 20.000


Si rende noto, altresì, che il Consiglio di Amministrazione ha espresso la propria valutazione in merito all'indipendenza degli amministratori, ritenendo indipendenti gli amministratori non esecutivi.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Luca Moroni, dichiara, ai sensi dell'articolo 154-bis, 2°comma del Testo Unico della Finanza, che l'informativa contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

Il resoconto trimestrale di gestione e la relativa documentazione sono a disposizione del pubblico presso Borsa Italiana S.p.A. e sul sito internet www.gruppohera.it, a decorrere dal 12 maggio 2011.

Si allegano i prospetti contabili , estratti dal Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2011, non soggetti a revisione contabile.

 
Conto Economico (mln €)31/03/2010Inc. %31/03/2011Inc. %Var. Ass.Var. %
Ricavi1.053,2100,0%1.126,2100,0%+73,0+6,9%
Var.rim.prod.finiti e lav.in corso3,70,4%0,60,1%(3,1)(83,9%)
Altri ricavi operativi41,74,0%41,63,7%(0,1)(0,2%)
Materie prime e materiali(643,9)(61,1%)(656,0)(58,2%)+12,1+1,9%
Costi per servizi(192,6)(18,3%)(198,4)(17,6%)+5,8+3,0%
Altre spese operative(9,2)(0,9%)(7,5)(0,7%)(1,7)(18,5%)
Costi del personale(92,1)(8,7%)(94,0)(8,3%)+1,9+2,1%
Costi capitalizzati24,32,3%11,71,0%(12,6)(51,9%)
Margine operativo lordo185,117,6%224,319,9%+39,2+21,2%
Amm.ti & Acc.ti(67,4)(6,4%)(73,0)(6,5%)+5,6+8,3%
Utile operativo117,611,2%151,313,4%+33,7+28,6%
Gestione finanziaria(26,0)(2,5%)(28,2)(2,5%)+2,2+8,4%
Utile prima delle imposte91,68,7%123,110,9%+31,5+34,4%
Imposte del periodo(39,0)(3,7%)(48,6)(4,3%)+9,6+24,6%
Utile netto del periodo52,65,0%74,56,6%+21,9+41,6%
Attribuibile:      
Azionisti della controllante47,74,5%66,85,9%+19,1+40,1%
Azionisti di minoranza4,90,5%7,70,7%+2,8+57,2%
I dati 2010 sono stati riclassificati per l'applicazione dei principi IFRIC 12

 

Posizione Finanziaria Netta (mln €)31/12/2010Inc. %31/03/2011Inc. %Var. Ass.Var. %
Disponibilità liquide538,2 537,0 (1,2)(0,2%)
Altri crediti finanziari correnti44,3 36,9 (7,4)(16,7%)
Indebitamento finanziario corrente (150,7) (121,8) +28,9(19,2%)
Indebitamento finanziario corrente netto431,8(23,2%)452,1(24,5%)+20,3+4,7%
Crediti finanziari non correnti10,3 10,5 +0,2+1,9%
Indebitamento finanziario non corrente(2.302,3) (2.309,0) (6,7)+0,3%
Indebitamento finanziario non corrente netto(2.292,0)123,2%(2.298,5)124,5%(6,5)+0,3%
Indebitamento finanziario netto(1.860,2)100,0%(1.846,4)100,0%+13,8(0,7%)
 
Online dal 12-05-2011 alle 13:24
 
Insieme per costruire il futuro
 
Insieme per costruire il futuro
 
 
REINVENTING THE CITY
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso