Logo stampa
 
TUTTI I COMUNICATI
Condividi
02/07/2019

Risultati definitivi dell'offerta di acquisto avente ad oggetto alcuni prestiti obbligazionari

Facendo seguito al comunicato stampa del 19 giugno 2019, si comunica che in data 1 luglio 2019 BNP Paribas S.A. ha annunciato i risultati definitivi dell’offerta di acquisto per cassa promossa dalla medesima in qualità di offerente (l’“Offerente”) in data 19 giugno 2019 ai sensi di accordi sottoscritti con Hera S.p.A. (la “Società”), rivolta esclusivamente ad investitori qualificati avente ad oggetto (i) i titoli rappresentativi del prestito obbligazionario denominato “€500,000,000 3.25 per cent. Notes due 4 October 2021” (Codice ISIN: XS0976307040) (i “Titoli 2021”) e (ii) i titoli rappresentativi del prestito obbligazionario denominato “€500,000,000 2.375 per cent. Notes due 4 July 2024” (Codice ISIN: XS1084043451) (i “Titoli 2024” e, congiuntamente ai Titoli 2021, i “Titoli Esistenti”), fino ad un ammontare in linea capitale da determinarsi discrezionalmente da parte dell’Offerente fino ad Euro 250.000.000, ammontare soggetto a incremento o decremento a discrezione dell’Offerente medesimo (l’“Offerta di Acquisto”).

I Titoli Esistenti validamente portati in adesione dell’Offerta di Acquisto sono complessivamente pari ad Euro 210.604.000, ripartiti come segue: Euro 39.994.000 in linea capitale di Titoli 2021 e Euro 170.610.000 in linea capitale di Titoli 2024.

L’Offerente ha comunicato di accettare tutti i Titoli Esistenti validamente portati in adesione dell’Offerta di Acquisto, pari ad Euro 210.604.000.

In data 1 luglio 2019 sono stati regolati i pagamenti dovuti ai sensi dell’Offerta di Acquisto.

 
Online dal 02-07-2019 alle 11:04
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera