Logo stampa
 

Investitore privato

Hera desidera comunicare con gli investitori privati in maniera tempestiva e trasparente.

Questa sezione è stata appositamente creata per soddisfare le esigenze informative delle circa 20.000 persone fisiche che, acquistando il titolo Hera, dimostrano la loro fiducia nel raggiungimento degli obiettivi di crescita previsti dal Gruppo.

Lo strumento trimestrale idoneo a fornire a tutti gli investitori un'informazione semplice ma completa relativa agli eventi e ai risultati rilevanti del Gruppo è la Newsletter.

 
 
 
Notizie da Market Insight

Format 2.0 specializzato sui mercati finanziari e sulle società quotate in Borsa. Uno spazio che mette a disposizione degli investitori un'informazione basata sui fondamentali puntuale, precisa e sempre aggiornata.

Market Daily News
Macroscenario di riferimento, notizie del settore, Hera in Borsa, grafici e tabelle
  • 24/01/2020 MACRO SCENARIO DI RIFERIMENTO OIL & GAS – Dai dati settimanali sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti diffusi dall’EIA risulta che lo stock di greggio è diminuito di circa 0,4 milioni di barili, eispetto all’incremento di circa 0,36 milioni di barili attesa dagli analisti e rispetto al +1,6 milioni[…]

24/01/2020

MACRO SCENARIO DI RIFERIMENTO

  • OIL & GAS – Dai dati settimanali sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti diffusi dall’EIA risulta che lo stock di greggio è diminuito di circa 0,4 milioni di barili, eispetto all’incremento di circa 0,36 milioni di barili attesa dagli analisti e rispetto al +1,6 milioni del dato Api. In aumento le scorte di benzina di circa 1,7 milioni di barili rispetto all’incremento di circa 3 milioni atteso dagli analisti (+4,5 milioni il dato Api), mentre quelle di distillati sono calate di circa 1,2 milioni di barili rispetto al +2,2 milioni stimato dal consensus (+3,5 milioni il dato Api).
  • EUROZONA – La lettura preliminare di gennaio dell’indice fiducia dei consumatori, stilato dalla Commissione europea, si è attestato a -8,1 punti, contro il consensus degli analisti pari a -7,8 punti e dopo i -8,1 punti di dicembre.
  • USA – (1) A dicembre il Leading Index del Conference Board statunitense ha registrato un calo mensile dello 0,3% (consensus -0,2%). La rilevazione di novembre è stata rivista al rialzo a +0,1% dal +0,0% inizialmente comunicato; (2) Nella settimana che si è conclusa il 18 gennaio le richieste di sussidi di disoccupazione sono state pari a 211 mila unità, lievemente al di sotto delle 214 mila unità attese dal consensus ma al di sopra delle 205 mila unità della precedente settimana (dato rivisto da 204 mila unità). Il numero totale di persone richiedenti l’indennità di disoccupazione nella settimana terminata l’11 gennaio è stato pari a 1,731 milioni, al di sotto delle stime degli analisti (1,756 milioni). Il dato della precedente settimana è stato rivisto a 1,768 milioni da 1,767 milioni.
  • GIAPPONE – (1) La rilevazione finale del Leading Index si è attestata a 90,8 punti, lievemente al di sotto rispetto ai 90,9 punti della rilevazione preliminare; (2) Nel mese di dicembre, secondo i dati finali della Japan Machine Tool Builders’ Association (Jmtba), gli ordinativi di macchine utensili in Giappone sono calati del 33,5% su base annua (-33,6% dato preliminare di dicembre); (3) A dicembre la bilancia commerciale del Giappone presenta un deficit di 152,5 miliardi di yen, in peggioramento rispetto alla rilevazione di novembre (disavanzo di 85,2 miliardi rivisto da 82,1 miliardi). Il consensus indicava un saldo negativo di 152,6 miliardi; (4) A novembre l’indice di tutte le Attività Industriali (All Industries Activity) ha fatto segnare una crescita dello 0,9% (consensus +0,4%), in netto miglioramento rispetto al mese precedente (-4,8% rivisto al ribasso da -4,3%).

UTILITY IN BORSA (23 gennaio 2020)

Ieri il Ftse Italia Servizi Pubblici ha riportato un +1,2%, sostanzialmente in linea con il corrispondente europeo (+1,1%). Invariato il Ftse Mib.

Chiusura sottotono per le borse del Vecchio Continente, in linea con l’andamento negativo di Wall Street, mentre gli investitori continuano a valutare i possibili rischi per la crescita globale legati al virus cinese. Il tutto dopo la mattinata in rosso delle borse asiatiche, in particolare dei listini cinesi nell’ultima seduta prima delle vacanze per il Capodanno lunare.

La Bce ha lasciato invariati i tassi e avvierà un riesame della strategia di politica monetaria, che includerà la formulazione quantitativa della stabilità dei prezzi, gli strumenti di politica monetaria, l’analisi economica e monetaria e le prassi di comunicazione. Tale review dovrebbe concludersi entro la fine del 2020.

Hera ha chiuso con un progresso del 3,1% a 4,11 euro.

MERCATI DELL’ENERGIA – Petrolio, gas ed energia elettrica

Principali indici italiani ed europei (performance giornaliere e settimanali)

Indici settoriali dello STOXX Europe 600 vs. Ftse Italia Servizi Pubblici (performance giornaliere)

Hera: quotazioni e volumi giornalieri negli ultimi 12 mesi

Multi-utility italiane (performance giornaliere e settimanali)

Multi-utility europee (performance giornaliere e settimanali)

Utility regolate europee (performance giornaliere e settimanali)

Altre utility europee (performance giornaliere e settimanali)

TABELLE

 
 
Al fine di offrire agli investitori privati un'informazione finanziaria trasparente, oggettiva e in tempo reale Hera mette a loro disposizione, in collaborazione con la testata giornalistica on line leader del settore, un flusso di notizie economicho-finanziarie relative al macro scenario di riferimento e un'analisi della performance giornaliera del proprio titolo.
  • 24/01/2020

    Le borse europee riducono i guadagni in scia all’inversione di rotta di Wall Street ma chiudono in territorio positivo, complici i timori per la diffusione del coronavirus cinese dopo la notizia di un nuovo caso, il secondo, negli Usa. A piazza Affari il Ftse Mib archivia gli scambi in rialzo[…]

  • 24/01/2020

    Di seguito gli appuntamenti macroeconomici in programma per la prossima settimana. Italia: Francia: Germania: Eurozona: USA: Cina: Giappone:

  • 24/01/2020

    A gennaio la lettura preliminare di Markit Economics ha evidenziato che l’Indice Pmi Manifatturiero si è attestato a 51,7 punti, al di sotto dei 52,4 punti finali di dicembre e dei 52,5 punti del consensus. L’Indice preliminare Pmi dei Servizi è salito a 53,2 punti, al di sopra del consensus (53 punti)[…]

  • 24/01/2020

    Le borse europee si apprestano a chiudere in rialzo l’ultima seduta della settimana, sostenute in parte da alcuni dati macro sopra le attese e dall’avvio positivo di Wall Street. A piazza Affari il Ftse Mib avanza dell’1,4% riportandosi sopra quota 24 mila punti. Ben intonati anche l’Ibex 35 di Madrid[…]

  • 24/01/2020

    Partenza in rialzo a Wall Street, con gli investitori che mettono momentaneamente da parte i timori legati alla diffusione del virus cinese nel tentativo di evitare il primo declino settimanale del 2020. Dopo pochi minuti di scambi, il Nasdaq guadagna lo 0,4%, il Dow Jones lo 0,25% e lo S&P[…]

  • 24/01/2020

    I futures sull’azionario Usa guadagnano lo 0,2-0,3%, preannunciando una partenza positiva a Wall Street mettendo da parte i timori legati alla diffusione del virus cinese nel tentativo di evitare il primo declino settimanale del 2020. Ieri i principali indici americani hanno chiuso poco mossi, recuperando parzialmente terreno nel finale dopo[…]

  • 24/01/2020

    La multiutility bolognese è stata inserita per la prima volta nel Bloomberg Gender-Equality Index 2020, che prende in esame 325 aziende quotate, di cui 10 italiane, di 42 Paesi del mondo, impegnate per la promozione e creazione di luoghi di lavoro equi ed inclusivi, grazie allo sviluppo di politiche e progetti[…]

  • 24/01/2020

    Borse europee in rialzo nell’ultima seduta della settimana, sostenute anche da alcuni dati macro sopra le attese, mentre i futures di Wall Street viaggiano poco sopra la parità dopo la seduta cauta di ieri. A piazza Affari il Ftse Mib avanza dell’1,1% riavvicinandosi a 24 mila punti, ben intonato come[…]

  • 24/01/2020

    A gennaio (dato preliminare) il PMI Market manifatturiero si è attestato a 49,8 punti, al di sopra delle stime degli analisti (48,8 punti) e del dato di dicembre (47,5 punti). Il Markit Pmi servizi è salito a 52,9 punti dai 50 punti rilevati a dicembre. Il dato si è rivelato[…]

  • 24/01/2020

    A gennaio la lettura preliminare dell’indice Markit PMI manifaturriero si è attestata a 47,8 punti, al di sopra del consensus (46,8 punti) e della rilevazione finale di dicembre (46,3 punti). Il PMI Markit servizi si è attestato invece a 52,2 punti, al di sotto del consensus (52,8 punti) e della[…]

 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera