Logo stampa
 

Investitore privato

Hera desidera comunicare con gli investitori privati in maniera tempestiva e trasparente.

Questa sezione è stata appositamente creata per soddisfare le esigenze informative delle circa 20.000 persone fisiche che, acquistando il titolo Hera, dimostrano la loro fiducia nel raggiungimento degli obiettivi di crescita previsti dal Gruppo.

Lo strumento trimestrale idoneo a fornire a tutti gli investitori un'informazione semplice ma completa relativa agli eventi e ai risultati rilevanti del Gruppo è la Newsletter.

 
 
 
Notizie da Market Insight

Format 2.0 specializzato sui mercati finanziari e sulle società quotate in Borsa. Uno spazio che mette a disposizione degli investitori un'informazione basata sui fondamentali puntuale, precisa e sempre aggiornata.

Market Daily News
Macroscenario di riferimento, notizie del settore, Hera in Borsa, grafici e tabelle
  • 13/09/2019 MACRO SCENARIO DI RIFERIMENTO EUROZONA – A luglio l’indice della produzione industriale è sceso dello 0,4% su base mensile, deludendo le stime degli analisti (-0,1%). La rilevazione di giugno evidenziava un calo dell’1,4% (rivisto leggermente al rialzo dal -1,6% indicato in precedenza). La variazione su base annua è risultata[…]

13/09/2019

MACRO SCENARIO DI RIFERIMENTO

  • EUROZONA – A luglio l’indice della produzione industriale è sceso dello 0,4% su base mensile, deludendo le stime degli analisti (-0,1%). La rilevazione di giugno evidenziava un calo dell’1,4% (rivisto leggermente al rialzo dal -1,6% indicato in precedenza). La variazione su base annua è risultata negativa del 2%, contro un consensus del -1,4 per cento. La rilevazione di giugno riportava un -2,4% (rivisto da -2,6%).
  • GERMANIA – I dati finali di agosto sull’inflazione sono risultati in linea con le rilevazioni preliminari. L’indice dei prezzi al consumo ha riportato una variazione mensile negativa dello 0,2% e un incremento su base annua dell’1,4 per cento. Il dato armonizzato altri Paesi europei ha registrato una flessione mensile dello 0,1%, in linea con il consensus e con il dato preliminare. Andamento analogo per la variazione tendenziale, salita dell’1 per cento.
  • FRANCIA – L’indice dei prezzi al consumo di agosto ha riportato una variazione positiva dello 0,5% su base mensile, in linea con le attese e con la rilevazione preliminare. Anno su anno, invece, il dato è aumentato dell’1%, poco al di sotto del +1,1% del consensus e della stima flash. L’indice armonizzato agli standard Ue ha registrato una crescita dello 0,5% mese su mese, come previsto dagli analisti e in linea con il dato preliminare, mentre è salito dell’1,3% su base annua contro il +1,2% delle attese e della lettura preliminare.
  • USA – (1) L’indice dei prezzi al consumo di agosto ha registrato una variazione positiva dello 0,1% su base mensile, in linea con il consensus e inferiore al dato di luglio (+0,3%). Anno su anno l’incremento è stato dell’1,7%, poco al di sotto delle previsioni e della rilevazione del mese precedente (entrambe +1,8%). Il core rate, ossia l’indice dei prezzi al consumo depurato delle componenti più volatili quali cibo ed energia, ha evidenziato ad agosto un aumento dello 0,3% su base mensile, come a luglio, superando di poco il +0,2% del consensus. Su base annua la crescita è stata del 2,4% (+2,3% le previsioni e +2,2% il dato di luglio); (2) Nella settimana che si è conclusa il 7 settembre le richieste di sussidi di disoccupazione sono state pari a 204 mila unità, inferiori al consensus (215 mila unità) e alle 219 mila unità della settimana precedente (riviste da  217 mila unità prima indicate). Il numero totale di persone richiedenti l’indennità di disoccupazione nella settimana terminata il 31 agosto è stato pari a 1,670 milioni, al di sotto delle stime degli analisti (1,675 milioni) e dei precedenti 1,674 milioni (rivisti da 1,662 milioni).
  • GIAPPONE – (1) Nel mese di agosto i prezzi alla produzione (PPI) presentano una variazione negativa dello 0,3% su base mensile, inferiore rispetto al dato invariato di luglio e poco al di sotto delle attese degli economisti (-0,2%). Anno su anno il dato riporta una flessione dello 0,9%, più accentuata rispetto alla rilevazione di luglio (-0,6%). Gli analisti si attendevano un calo dello 0,8 per cento; (2) Gli ordinativi dei macchinari di base hanno evidenziato, a luglio, un calo del 6,6% su base mensile, dopo la precedente variazione positiva del 13,9 per cento. Gli analisti si attendevano una diminuzione dell’8,1 per cento. Su base annua gli ordinativi hanno registrato una crescita dello 0,3%, contro il -4,3% del consensus e il +12,5% di giugno; (3) L’indice sull’attività del settore terziario ha registrato a luglio un incremento dello 0,1% su base mensile, superiore alle attese (-0,3%) e al -0,1% di giugno.

NOTIZIE DEL SETTORE

  • ENEL – Sono attive tutte le 200 stazioni di ricarica veloce da 50kW installate nell’ambito del progetto europeo per lo sviluppo della mobilità elettrica, EVA+, pari a 400 punti di ricarica disponibili per i clienti finali presso le principali strade a lunga percorrenza di Italia e Austria. Il programma ha visto la collaborazione di Enel in qualità di coordinatore, con le austriache Verbund e SMATRICS e alcuni tra i maggiori marchi automobilistici come Renault, Nissan, BMW Group e Volkswagen Group Italia (con le marche Volkswagen e Audi).

UTILITY IN BORSA (12 settembre 2019)

Il Ftse Italia Servizi Pubblici ha chiuso in progresso del 2,4%, sovraperformando sia il corrispondente indice settoriale europeo di riferimento (+1,6%) sia il Ftse Mib (+0,9%), che chiude in vetta alle borse europee nel giorno della Bce.

L’istituto guidato da Mario Draghi ha infatti annunciato l’avvio, a partire dal prossimo 1° novembre, di un nuovo quantitative easing che comporterà acquisti per 20 miliardi al mese, oltre ad un ribasso di 10 punti base (a -0,5%) del tasso sui depositi.

Per mitigare l’impatto di quest’ultima misura sui bilanci bancari sarà introdotto un sistema a due livelli per la remunerazione delle riserve delle banche presso la stessa Bce, per cui la liquidità in eccesso sarà esentata dal pagamento di tale tasso.

Il pacchetto di misure annunciato sarà necessario per un prolungato periodo di tempo, fino a quando – spiega Draghi – l’inflazione non si riavvicinerà al target del 2%, non ponendo limiti di tempo per il QE e per l’attuale livello dei tassi.

Sull’obbligazionario, risponde positivamente lo spread Btp-Bund, che scende a 139 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,86 per cento.

Le azioni Hera hanno guadagnato l’1,9 per cento.

MERCATI DELL’ENERGIA – Petrolio, gas ed energia elettrica

Principali indici italiani ed europei (performance giornaliere e settimanali)

Indici settoriali dello STOXX Europe 600 vs. Ftse Italia Servizi Pubblici (performance giornaliere)

Hera: quotazioni e volumi giornalieri negli ultimi 12 mesi

Multi-utility italiane (performance giornaliere e settimanali)

Multi-utility europee (performance giornaliere e settimanali)

Utility regolate europee (performance giornaliere e settimanali)

Altre utility europee (performance giornaliere e settimanali)

TABELLE

 
 
Al fine di offrire agli investitori privati un'informazione finanziaria trasparente, oggettiva e in tempo reale Hera mette a loro disposizione, in collaborazione con la testata giornalistica on line leader del settore, un flusso di notizie economicho-finanziarie relative al macro scenario di riferimento e un'analisi della performance giornaliera del proprio titolo.
  • 13/09/2019

    Chiusura di ottava positiva per le principali Borse del Vecchio Continente nella seduta post Bce e in attesa della riunione della Fed della prossima settimana, mentre gli ultimi sviluppi sul fronte commerciale fanno ben sperare. A Milano il Ftse Mib archivia la giornata con un guadagno dello 0,4% in area[…]

  • 13/09/2019

    Di seguito gli appuntamenti macroeconomici in programma per la prossima settimana. Italia: Germania: Eurozona: Regno Unito: Usa: Giappone: Cina:

  • 13/09/2019

    Nella tabella qui di seguito proponiamo l’aggiornamento al 13 settembre delle posizioni short comunicate alla Consob dagli operatori finanziari. Le posizioni vengono rilevate soltanto se superiori allo 0,5 per cento. La tabella mostra, in ordine decrescente, la classifica dei titoli in base alla quota di capitale su cui sono aperte[…]

  • 13/09/2019

    Gli esperti dell’Università del Michigan hanno reso noto il dato preliminare dell’indice sulla fiducia dei consumatori per il mese di settembre, salito a 92 punti dagli 89,8 punti del dato finale di agosto. Gli analisti avevano stimato 90,8 punti.

  • 13/09/2019

    Proseguono gli acquisti sulle piazze europee nella seduta post Bce e in attesa della riunione della Fed della prossima settimana, mentre gli ultimi sviluppo sul fronte commerciale fanno ben sperare. Intorno alle 16:00 il Ftse Mib avanza dello 0,5% in area 22.203 punti. Positivi anche il Dax di Francoforte (+0,5%),[…]

  • 13/09/2019

    Partenza a due velocità a Wall Street, con Dow Jones (+0,2%) e S&P 500 (+0,1%) che si avvicinano sempre più ai propri precedenti record storici mentre il Nasdaq (-0,2%) apre in lieve ribasso. Il sentiment dei mercati è sostenuto dall’ottimismo circa il raggiungimento di un’intesa commerciale tra Washington e Pechino[…]

  • 13/09/2019

    I futures sull’azionario Usa guadagnano lo 0,3-0,4%, preannunciando una partenza positiva a Wall Street con i principali indici americani sempre più vicini ai propri record storici. Il Dow Jones si prepara infatti a superare il proprio precedente massimo intraday in area 27.400 punti, mentre lo S&P 500 è sempre più[…]

  • 13/09/2019

    Ad agosto le vendite al dettaglio degli Stati Uniti hanno registrato una crescita su base mensile dello 0,4%, al di sopra delle stime degli analisti (+0,2%). Il dato di luglio è stato rivisto leggermente al rialzo a +0,8% da +0,7% inizialmente comunicato. Le vendite al dettaglio, escluso il comparto auto,[…]

  • 13/09/2019

    Continuano a viaggiare in territorio positivo le Borse europee all’indomani del meeting della Bce e in attesa della riunione del Fomc della prossima settimana, mentre permane l’ottimismo sul fronte commerciale. Intorno alle 12:05 il Ftse Mib avanza dello 0,4% in area 22.170 punti. Positivi anche il Dax di Francoforte (+0,5%),[…]

  • 13/09/2019

    Nel mese di luglio la bilancia commerciale destagionalizzata dell’Eurozona ha segnato un surplus di 19 miliardi di euro, superiore ai 17,5 miliardi del consensus. La rilevazione di giugno è stata rivista leggermente al ribasso a 17,7 miliardi dai precedenti 17,9 miliardi.

 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera