Logo stampa
 

Investimenti, dismissioni e M&A

Investimenti

Il nuovo Piano industriale prevede investimenti in crescita, complessivamente pari a circa 3,2 miliardi di euro, con una media di 640 milioni all'anno: un volume significativamente superiore (+40%) rispetto alla media dell'ultimo quinquennio.

In particolare, sono previsti in ulteriore aumento gli impieghi per lo sviluppo organico, a cui saranno destinati in tutto 2,9 miliardi, 400 milioni in più rispetto alla precedente pianificazione, con un impegno finanziario collocato in misura proporzionale alla presenza di Hera sul territorio e alle caratteristiche delle diverse filiere.

Alle attività di M&A e alle gare per i servizi regolati verranno destinati invece i restanti 300 milioni di euro, con una lieve riduzione rispetto al precedente Piano in conseguenza dello slittamento del calendario delle gare gas, in parte compensata dal maggior fabbisogno per investimenti in linee esterne.

L'impegno economico sarà, come di consueto, concentrato principalmente negli asset regolati: il 74% degli investimenti sarà destinato alla filiera reti e alle attività di igiene urbana. Più in generale, il 60% del totale degli investimenti sarà destinato a progetti coerenti con gli obiettivi europei, di cui il 42% a supporto del "Green Deal".

Oltre a importanti benefici attesi in termini di riduzione delle emissioni del Gruppo e ulteriori azioni messe in campo per la carbon neutrality, gli investimenti avranno l'obiettivo di aumentare la resilienza dei business, in particolare del ciclo idrico e della distribuzione gas, al fine di garantire una maggiore continuità di servizio anche a fronte di fenomeni meteorologici estremi, e di favorire l'economia circolare, con interventi per la depurazione e rigenerazione delle acque reflue, la produzione di biometano, la sempre maggiore produzione di plastiche riciclate, lo sviluppo del business del teleriscaldamento e le iniziative di risparmio energetico presso clienti industriali e pubblica amministrazione.

Il restante 18% degli investimenti sarà destinato all'evoluzione tecnologica del Gruppo e del territorio, dallo sviluppo dei sistemi informativi con iniziative per aumentare la cybersicurezza alle attività del telecontrollo, dai nuovi cassonetti "smarty" per la raccolta differenziata dei rifiuti all'installazione di nuovi contatori nei settori idrico, elettrico e gas.

M&A

Il modello di business di Hera è stato sviluppato per essere "aperto" alla crescita esterna con una governance inclusiva che permette l'allargamento della compagine sociale, per accogliere nuovi soci in cambio dell'apporto delle loro attività di business. La diversificazione dell'azionariato, unica nel settore multiutility, agevola questo tipo di espansione.

La storia di Hera dimostra l'efficacia del modello di espansione che ha permesso al Gruppo di quintuplicare le proprie dimensioni in 18 anni, fin dalla costituzione, con il contributo significativo proprio dell'M&A (40% della crescita realizzato con l'M&A).

 
Merger and Acquisitions


La strategia di espansione per M&A costituisce una importante fonte di creazione di valore. Poiché sono operazioni effettuate con multipli non diluitivi, gli azionisti possono contare sull'estrazione di sinergie (che consentono la creazione di valore) da fusione che sfruttano le economie di scala e le attività di cross selling. Questa strategia ha garantito in passato una media di aumento dell'MOL delle società fuse pari al +25% in meno di 5 anni.

 
Plan to 2022

    La strategia di crescita esterna per M&A distingue le operazioni su aziende target "Mono-business" e aziende "Multi-utility".

    Nel primo caso, tra le aziende Mono-business ricadono principalmente aziende impegnate in attività libere (trattamento rifiuti e vendita di energia) e solitamente possedute da imprenditori privati, che si concludono come operazioni di acquisizione "cash". Come scope geografico, benché il mercato sia di carattere nazionale e non locale, Hera concentra i territori di potenziale espansione sulle aree lungo la costa Adriatica per le attività di vendita delle Commodity. Nel mercato dei trattamenti dei rifiuti l'ambito è invece nazionale in quanto risulta strategica la vicinanza degli impianti al cliente (per ridurre l'incidenza dei costi logistici dell'attività). Hera è infatti il leader nazionale del settore per quantità di impianti e di volumi gestiti.

    Nel caso delle aziende Multi-utility la proprietà è principalmente detenuta da enti pubblici (Comuni), con attività localizzate territorialmente che spesso riguardano servizi gestiti in concessione (Acqua, raccolta rifiuti, distribuzione di gas ed elettricità). Lo scope geografico sono i territori contigui a quelli di riferimento, ovvero la parte nord-est del paese (Regione Emilia-Romagna, Marche e Triveneto) poiché la velocità e la dimensione delle sinergie estraibili dalle fusioni sono agevolate dalla contiguità territoriale. Queste possono configurarsi come operazioni di integrazione con l'azienda "partner" in cui i soci generalmente prediligono far parte dell'azionariato del Gruppo. Le operazioni sono generalmente realizzate con scambi azionari con le controparti.

    Hera continuerà a focalizzarsi su operazioni di M&A, selezionando investimenti che prospettino sinergie e che siano complementari rispetto all'attuale portafoglio di attività: attenzione particolare verrà riservata alla selezione dei target (multi-utility, oltre ad aziende impegnate nella vendita di energia e nel trattamento di rifiuti) in aree del territorio nazionale ritenute strategiche per ciascuna attività.

    Le previsioni del nuovo piano al 2024, si basano sull'analisi del mercato e sul track record del Gruppo. L'obiettivo al 2024 è di crescere per M&A con un contributo all'Ebitda per +80m€.

    Le modalità di raggiungimento del target dipenderanno dalle opportunità offerte dal mercato che è ancora altamente frammentato con un numero eccessivo di piccole-medie imprese di dimensioni sub-ottimali che stentano a rimanere in modo efficace e efficiente sul mercato.

    La ampia varietà di opzioni riguarda tutti i settori di attività del Gruppo ovvero multi-utility, vendita di energia o trattamento rifiuti.

     
    Settori frammentati in Italia (Potenziali target)
    Multiutility>500 società
    Trattamento rifiuti>200 società
    Fornitura energia>200 società

     

    M&A il track record di Hera

     
    SocietàBusiness/AttivitàComunicati/Presentazioni% Capitale Sociale
    EstEnergy (Joint Venture con Ascopiave)Vendita gas ed energia elettrica19/12/201952%
    Pistoia AmbienteServizi ambientali30/07/2019100%
    Cosea AmbienteAttività ambientali09/05/2019100%
    CMV ServiziDistribuzione gas26/02/2019100%
    CMV Energia e ImpiantiVendita gas ed energia elettrica26/02/2019100%
    SangroserviziVendita gas ed energia elettrica20/03/2018100%
    Megas.netDistribuzione gas07/03/2018100%
    Blu RantonVendita gas ed energia elettrica08/02/2018100%
    TesecoAttività ambientali30/01/2017100%
    AliplastAttività ambientali11/01/2017100%
    Gran SassoVendita gas ed energia elettrica06/10/2016100%
    Julia servizi piùVendita gas ed energia elettrica08/04/2016100%
    Geo NovaAttività ambientali29/12/2015100%
    Waste RecyclingAttività ambientali23/12/2015100%
    Alento gasVendita gas26/01/2015100%
    EcoenergyServizi Ambientali27/11/2014100%
    Amga UdineMulti utility25/06/2014100%
    Fucino gasVendita gas13/01/2014100%
    Est Reti ElettricheDistribuzione Elettrica12/12/2013100%
    Isontina Reti GasDistribuzione gas30/09/2013100%
    AcegasApsMulti-utility25/07/2012
    Analyst presentation
    100%
    SadoriVendita gas14/04/201150%
    EnomondoImpianto a biomasse11/01/201140%
    AimagMulti-utility12/10/200925%
    Tamarete EnergiaCentrale a gas a ciclo combinato17/12/200832%
    Megas TradeVendita gas ed energia elettrica28/07/2008100%
    SATMulti-utility16/10/2007
    23/07/2007
    08/08/2006
    19/10/2006
    100%
    Marche MultiserviziMulti-utility23/07/200741,8%
    AspesMulti-utility28/06/2007
    27/07/2006
    49,8%
    Rete di distribuzione elettrica Enel in provincia di ModenaDistribuzione Elettrica27/06/2006
    13/03/2006
    100%
    Geat Distribuzione GasDistribuzione Gas29/06/2006100%
    Meta SpAMulti-utility24/06/2005
    Analyst Presentation
    100%
    Ecologia AmbienteTermovalorizzazione06/07/2004
    Analyst Presentation
    100%
    SETCentrale a gas a ciclo combinato15/12/200439,0%
    Calenia EnergiaCentrale a gas a ciclo combinato28/09/200415,0%
    Agea SpAMulti-utility07/10/2003
    27/07/2004
    Analyst Presentation
    100%

     

    La strategia di focalizzazione sui core business (Idrico, Ambiente, Energia) e di razionalizzazione della struttura societaria ha portato ad una politica di dismissioni/razionalizzazioni significativa.

    Le dismissioni/razionalizzazioni sono sottese alle seguenti strategie:

    • Efficientamento/finanziamento dello sviluppo
    • Focalizzazione/organizzazione

    Le numerose operazioni di razionalizzazione organizzativa hanno risposto all’esigenza di realizzare una più efficiente struttura di governance in grado di apportare notevoli risparmi di costi.

     
    Investimenti e dismissioni

    Disinvestimenti: track record

    AnnoCessione di partecipazioni/
    Liquidazioni
    Fusioni/
    scissioni
    Acquisizione partecipazioni/
    Costituzioni di società
    ConferimentiTrasformazioniTotale
    201971170025
    20182550012
    201782100020
    20165440215
    20159890228
    20145782-22
    201312411--27
    2012922-114
    2011922-114
    20103343 13
    2009111284 35
    20086171 15
    20076263 17
    200624373 37
    2005233182 46
    2004144290 47
    2003264110 41


    Pagina aggiornata al 13 gennaio 2021

     
     
    Insieme per costruire il futuro
     
    Insieme per costruire il futuro
     
     
    REINVENTING THE CITY
     
    REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
     
     
    Sostenibilità e Valore condiviso
     
    Sostenibilità e Valore condiviso