Logo stampa
 

Valorizzare le differenze

Gestire le diversità significa valorizzare il contributo, unico, di ciascun dipendente. La diversità di genere, di cultura, di origine, sono ormai universalmente riconosciute come un valore e vanno quindi gestite al meglio, senza dimenticare che oggi la gestione della diversità deve invece andare di pari passo con la ricerca dell'uguaglianza, perché nel sentirsi uguali e inclusi si generano sul lavoro comportamenti cooperativi e si promuove una convivenza organizzativa favorevole a una migliore condivisione della cultura aziendale.

Tante le attività già messe in campo possiamo ricordare:

 
 
  • Progetto GenerazioniHera è stata tra le prime aziende in Italia ad avviare al proprio interno un progetto di ricerca dedicato alla valorizzazione generazionale, ”GenerAzioni”, che ha visto la collaborazione dell’Università di Bologna e che ha avuto come obiettivo principale quello di promuovere il dialogo intergenerazionale indagando le opinioni dei lavoratori rispetto alle diverse fasce di età. I risultati della ricerca hanno permesso di individuare quattro ambiti di intervento prioritari per i quali è stato definito un piano d’azione che sarà attuato a partire dal 2013: dialogo intergenerazionale, opportunità di sviluppo, conciliazione vita-lavoro, monitoraggio del livello di attenzione alla diversità generazionale.

  • Mamma e Papà al lavoroPer migliorare l'informazione tra i lavoratori e lavoratrici sui congedi di maternità, paternità e parentali è stato realizzato, con il coordinamento sindacale del Gruppo, anche l'opuscolo "Mamma&Papà al lavoro. Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempi di lavoro e di cura dei figli". (pubblicato nel 2010).

    Il Gruppo ha promosso la messa a disposizione, sui diversi territori, di posti presso asili nido vicino alle sedi aziendali. Un progetto innovativo, nato per venire incontro alle esigenze dei dipendenti con figli favorendo la conciliazione dei tempi di vita privata e lavoro. In tal modo si cerca di agevolare il più possibile il connubio tra i ruoli di genitore e di lavoratrice/lavoratore. I bambini infatti sono accolti in questi moderni asili per la durata della giornata lavorativa dei genitori, cosicché questi ultimi possano lavorare in tranquillità con la consapevolezza che i propri figli trascorrono le giornate in buone mani: un'altra manifestazione di vicinanza Concreta da parte dell'azienda ai suoi dipendenti.

  • Politiche del Buon RientroIl progetto “Politiche del buon rientro” presentato nell’ottobre 2011 per il bando ex art. 9 legge 53/2000 “Misure per conciliare tempi di vita e tempi di lavoro”, ha ottenuto, a dicembre 2012, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, il finanziamento parziale, pari a 257 mila euro, conseguito in ragione del carattere innovativo e socialmente rilevante delle misure proposte. Il progetto mira a sviluppare azioni di conciliazione vita-lavoro e strumenti di supporto e sostegno a chi utilizza congedi di maternità e parentali o per legge 104/1992. Tra queste azioni e strumenti sono presenti, in particolare, iniziative di formazione specifica, convenzioni con asili nido privati e azioni di sensibilizzazione tese al cambiamento culturale in azienda rispetto al tema conciliazione. Le iniziative specifiche sono partite lo scorso 19 marzo.  Il progetto è stato definito verificando le esigenze dei lavoratori, attraverso due focus group, indirizzati alle madri, ai padri e ai beneficiari della legge 104, e con questionari erogati a tutti i dipendenti nei territori in cui non è presente un asilo nido aziendale.

  • Da obbligo a risorsaProgetto nato nel 2008, in collaborazione con la Fondazione Asphi, per valorizzare competenze e potenzialità delle persone disabili in azienda e per migliorare il loro lavoro e la loro soddisfazione.

  • Assistenza DomiciliareHera, nell’ambito di un progetto ad ampio spettro dedicato al welfare dei propri lavoratori, ha sottoscritto con la Provincia di Bologna un accordo di collaborazione volto alla ricerca e individuazione di personale qualificato per l’assistenza domiciliare.

    L’accordo promuove un modello innovativo di collaborazione e sostegno condiviso fra pubblico e privato volto a favorire l’incrocio di domanda e offerta di lavoro nel settore della cura domiciliare.

    Grazie all’accordo, i dipendenti del Gruppo Hera residenti o con sede di lavoro nella provincia di Bologna, possono usufruire della banca dati della Provincia per la ricerca di personale qualificato ed esperto nell’assistenza domiciliare (ad esempio per un proprio familiare anziano o disabile).

 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull'economia circolare
 
REINVENTING THE CITY Rigenerare le risorse per passare a una società basata sull’economia circolare
 
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
Sostenibilità e Valore condiviso
 
 
Risultati economici 2018
 
Risultati economici 2018