8.120
lavoratori
l'indotto occupazionale generato da Hera nel 2017
62,4
milioni di euro
investimenti in innovazione e digitalizzazione e 22 progetti in smart city, economia circolare e utility 4.0
68%
di suolo riutilizzato
nelle progettazioni realizzate nel 2018

Nell’esercizio 2018, gli investimenti del Gruppo ammontano a 431,8 milioni di euro, con il beneficio di 30,8 milioni di contributi in conto capitale, di cui 12,5 milioni per gli investimenti FoNI, come previsto dal metodo tariffario per il servizio idrico integrato.

Al lordo dei contributi in conto capitale, gli investimenti complessivi del Gruppo sono pari a 462,6 milioni di euro. Gli investimenti netti sono in crescita di 35,6 milioni di euro, passando dai 396,2 milioni di euro del 2017 ai 431,8 milioni di euro del 2018.

Gli investimenti operativi del Gruppo sono pari a 462,3 milioni di euro, in crescita del 5,1% rispetto all’anno precedente e sono riferiti principalmente a interventi su impianti, reti e infrastrutture. A questi si aggiungono gli adeguamenti normativi che riguardano soprattutto la distribuzione gas per la sostituzione massiva dei contatori e l’ambito depurativo e fognario.

Investimenti
milioni di euro 2017 2018
Area gas 101,5 115,4
Area energia elettrica 23,6 23,0
Area ciclo idrico integrato 156,6 157,9
Area ambiente 67,2 78,1
Area altri servizi 18,7 18,8
Struttura centrale 72,4 69,1
Totale investimenti operativi 440,0 462,3
Investimenti finanziari 0,5 0,3
Totale investimenti lordi 440,5 462,6
Contributi conto Capitale 44,3 30,8
di cui per FoNI (Fondo Nuovi Investimenti) 8,2 12,5
Totale investimenti netti 396,2 431,8

 

milioni di euro Hera AcegasApsAmga Marche Multiservizi
2017 2018 2017 2018 2017 2018
Area gas 67,8 74,4 31,8 37,5 1,9 3,5
Area energia elettrica 15,8 15,8 7,8 7,2 0,0  0,0
Area ciclo idrico integrato 95,9 110,7 50,0 30,0 10,7 17,1
Area ambiente 60,6 69,1 4,2 4,7 2,3 4,3
Area altri servizi 12,7 10,0 4,7 6,7 1,4 2,0
Struttura centrale 67,0 63,0 4,0 3,8 1,4 2,3
Totale investimenti operativi 319,8 343,1 102,5 90,0 17,7 29,2
Investimenti finanziari 0,5 0,2 0,0 0,1 0,0  0,0
Totale investimenti lordi 320,3 343,3 102,5 90,1 17,7 29,2

Nel 2018, gli investimenti netti nell’area gas sono pari a 115,4 milioni di euro, in crescita di 14,0 milioni di euro rispetto all’anno precedente. Nella distribuzione del gas, si registra un incremento di 12,0 milioni di euro che deriva da maggiori manutenzioni straordinarie su reti e impianti e dai lavori per la protezione catodica della rete in acciaio nel comune di Trieste in cui sono state completate le attività su 37km di rete, portando il livello di adeguamento oltre il 95%, in linea con le disposizioni di Arera. La richiesta di nuovi allacciamenti risulta in crescita rispetto all’anno precedente.

Gli investimenti sono aumentati anche nella gestione calore con le attività delle società Hera Servizi Energia e AcegasApsAmga Servizi Energetici, mentre registrano una diminuzione nel servizio di teleriscaldamento per effetto dei consistenti lavori effettuati l’anno precedente sull’impianto Barca di Bologna, risultando complessivamente in crescita di 1,9 milioni di euro rispetto al 2017. I nuovi allacciamenti del teleriscaldamento sono in aumento rispetto all’anno precedente.

Nell’area energia elettrica gli investimenti 2018 ammontano a 23,0 milioni di euro, sostanzialmente in linea rispetto ai 23,6 milioni di euro dell’anno precedente. Gli interventi realizzati riguardano prevalentemente la manutenzione straordinaria di impianti e reti di distribuzione nei territori di Modena, Imola, Trieste e Gorizia. Rispetto all’esercizio precedente, si registrano minori interventi di estensione rete e maggiori manutenzioni straordinarie su impianti e reti, mentre le richieste di nuovi allacciamenti sono in diminuzione rispetto all’anno precedente.

Gli investimenti del ciclo idrico integrato sono riferiti principalmente a estensioni, bonifiche e potenziamenti di reti e impianti, oltre agli adeguamenti normativi che riguardano soprattutto l’ambito depurativo e fognario. Gli investimenti sono stati realizzati per 81,5 milioni di euro nell’acquedotto, per 49,5 milioni di euro nella fognatura e per 26,9 milioni di euro nella depurazione.

Gli investimenti netti nell’area ambiente riguardano gli interventi di manutenzione e potenziamento degli impianti e ammontano a 78,1 milioni di euro, in crescita di 10,9 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente.

La filiera compostaggi/digestori presenta un sensibile incremento degli investimenti per 9,8 milioni di euro, prevalentemente dovuto agli interventi sul compostaggio di Sant’Agata Bolognese per le attività legate alla realizzazione dell’impianto di biometano, oltre ad altri interventi fra cui l’adeguamento dell’impianto di trattamento meccanico biologico di Tre Monti. Gli investimenti sulle discariche aumentano per 0,9 milioni di euro per effetto combinato delle riduzioni dovute ai minori investimenti sul sito di Tre Monti e dell’ultimazione nel 2017 del 9° settore della discarica di Ravenna, compensate dagli interventi 2018 su Cordenons e sugli impianti della società Marche Multiservizi, di maggior valore complessivo. La filiera termovalorizzatori risulta in linea con l’anno precedente per una sostanziale compensazione fra i minori investimenti 2018 sull’impianto di Pozzilli e gli interventi di manutenzione straordinaria sugli impianti di Bologna, Padova, Ferrara, Forlì e Trieste. L’incremento degli investimenti nella filiera Impianti rifiuti speciali è dovuto agli interventi manutentivi sugli impianti di Ravenna. La filiera isole ecologiche e attrezzature di raccolta registra maggiori investimenti per 1,0 milioni di euro principalmente nel territorio della società Hera Spa, mentre il decremento nella filiera degli impianti di selezione e recupero per 1,8 milioni di euro è imputabile principalmente ai minori investimenti del Gruppo Aliplast, dovuti ai consistenti interventi effettuati l’anno precedente sulla linea Pet della società Alimpet Srl, non interamente compensati dai maggiori investimenti realizzati nella stessa filiera dalla società Waste Recycling Spa.

Gli investimenti nell’area altri servizi sono pari a 18,8 milioni di euro e risultano in linea rispetto l’anno precedente.

Nelle telecomunicazioni sono stati realizzati 10,0 milioni di euro di investimenti in rete e in servizi telecontrollo e Internet data center, in aumento di 0,8 milioni di euro rispetto al 2017, mentre nel servizio di illuminazione pubblica, gli investimenti per 8,7 milioni di euro sono relativi agli interventi di manutenzione, riqualificazione e ammodernamento degli impianti di illuminazione dei territori gestiti, con un decremento di 0,8 milioni di euro per effetto degli interventi eseguiti l’anno precedente nei comuni di Modena, Udine e Cesena, non interamente compensati dagli investimenti sui territori di Spinea e Aviano e, nel comune di Pesaro, da parte della società Marche Multiservizi.

Nella struttura centrale, gli investimenti riguardano gli interventi sugli immobili nelle sedi aziendali, sui sistemi informativi, sul parco automezzi, oltre a laboratori e strutture di telecontrollo. Complessivamente, gli investimenti di struttura diminuiscono di 3,4 milioni di euro rispetto all’anno precedente.