Logo stampa
 

Cosa influenza il costo dell'acqua?

Il costo dell’acqua dipende dalle caratteristiche territoriali, come ad esempio la facilità di accesso ed estrazione dell’acqua, la qualità dell’acqua estratta e quindi la complessità delle attività di potabilizzazione e lo stato di impianti e reti, di pubblica proprietà.

La spesa media per il servizio idrico integrato può essere diversa nei vari territori, in alcuni casi in modo rilevante, e ciò dipende dalla diversa struttura di costi delle varie realtà territoriali, dovuta anche alla necessità di approvvigionamenti di acqua da fornitori terzi e dalla struttura tariffaria deliberata dall’Autorità competente, che può incidere di più o di meno sull’uso domestico.

I principali fattori che influenzano il costo dell’acqua sono:

  • la qualità dell’acqua all’origine: migliore è la qualità dell’acqua all’origine e meno costosi saranno i trattamenti di potabilizzazione da effettuare;
  • la vicinanza della fonte di prelievo utilizzata rispetto ai punti di consumo: più vicina è la fonte di prelievo utilizzata e minori saranno i costi di trasporto dell’acqua per i minor consumi di energia elettrica;
  • la concentrazione dell’utenza: maggiore è la presenza di clienti, a parità di lunghezza della rete e minori saranno i costi dato che sarà possibile distribuire i costi fissi su un numero maggiore di utenze;
  • gli investimenti fatti: in particolare quelli relativi all’adeguamento delle reti fognarie e degli impianti di depurazione alle normative ambientali come quelle previste dal Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006. Questa normativa prevede obblighi più stringenti sulla qualità dell’acqua restituita all’ambiente dopo il collettamento in fognatura e dopo il processo di depurazione.