Logo stampa
 
HomeGruppoCorporate governanceSistema di governance

Sistema di governance

La mission della Governance Hera

La MISSION della Governance Hera è quella di creare valore condiviso per tutti gli stakeholder. Il governo societario è pertanto orientato a comprendere e valutare gli stimoli provenienti da un contesto economico e sociale sempre più complesso, affinché continui la crescita e si rafforzi sempre più quel legame con il territorio che ha caratterizzato il Gruppo a partire dalla sua fondazione. Il dialogo costante e la conoscenza specifica delle realtà di riferimento hanno portato allo sviluppo di "un modo di fare impresa" aperto e trasparente. Questa caratteristica distintiva è stata implementata nel corso degli anni grazie all' istituzione di organi societari che si integrano tra loro e, in accordo con le disposizioni del Codice di Autodisciplina e del Codice Etico, permettono di soddisfare al meglio le aspettative di tutti coloro che con Hera si relazionano.

Assemblea

L’assemblea degli azionisti è l’organo deliberativo della società. All’assemblea ordinaria spettano compiti quali: approvazione del bilancio, elezione del consiglio di amministrazione e determinazione dei compensi, esame degli argomenti proposti dagli amministratori. L’assemblea straordinaria decide sulle modifiche all’atto costitutivo e su operazioni quali aumenti di capitale o progetti di fusione. L’assemblea rappresenta le istanze della proprietà, ossia degli azionisti della società stessa.

Consiglio di amministrazione

E’ investito di ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria della società con facoltà di compiere tutti gli atti necessari al raggiungimento degli scopi sociali.

Tra le sue competenze:

  • Nomina o revoca del Presidente, del vice-Presidente, dell’AD, dei direttori generali
  • Determinazione dei poteri delegati al Presidente, all’AD, ai direttori generali e al Comitato Esecutivo
  • Approvazioni di piani pluriennali e di business plan
  • Acquisto o vendita di aziende o di rami di azienda

Il mandato dell’attuale C.d.A. avrà termine alla data dell'Assemblea di approvazione del Bilancio 2016.

Collegio sindacale

Il Collegio Sindacale è l'organo che vigila sulla corretta amministrazione, valutando l'adeguatezza dell'assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dagli amministratori e la cui composizione è regolata dall'art. 26 dello Statuto.

Comitato controllo e rischi

In accordo al Principio 8 del Codice di Autodisciplina, il Comitato per il Controllo Interno ha il compito di vigilare sulla funzionalità del sistema di controllo interno, sull’efficienza delle operazioni aziendali, sull’affidabilità dell’informazione finanziaria, sul rispetto delle leggi e dei regolamenti e la salvaguardia del patrimonio aziendale. Ha inoltre il compito di mantenere i rapporti con le parti correlate e di esprimere pareri, anche vincolanti, in caso di operazioni con importo rilevante.  Tale organo, composto da quattro amministratori non esecutivi ed indipendenti, ha funzioni consultive e propositive.

Comitato etico

Per garantire la diffusione e l'attuazione del Codice Etico, l'8 ottobre 2007 il C.d.A. ha istituito il Comitato Etico.

Il Comitato ha il compito di valutare la conformità della condotta aziendale ai principi del Codice Etico, documento condiviso da tutti i lavoratori del Gruppo, e di istruire indagini nel caso sopraggiungano segnalazioni di infrazioni.

Tale organo è formato da tre membri, tra cui due consiglieri del C.d.A. e un dirigente esperto in materia di Responsabilità Sociale d'Impresa e degli argomenti oggetto del D.Lgs. 231/01.

Comitato esecutivo

L’art 23.3 dello Statuto dispone che il C.d.A. possa nominare, stabilendone i poteri, un Comitato esecutivo.
Tale organo ha il compito di esprimere un parere anticipato, rispetto alla presentazione al C.d.A., in merito a temi particolarmente rilevanti:

  • Definizione annuale del Piano Industriale del Gruppo
  • Definizione del Budget
  • Progetto di Bilancio d'esercizio
  • Proposte di nomina dei Dirigenti di primo livello

Il Comitato ha inoltre un ruolo decisionale su materie aventi implicazioni economico-finanziarie di importi superiori rispetto ai limiti previsti per il Presidente e per l’Amministratore Delegato, ma che non risultano strategicamente rilevanti se paragonati alle grandezze economico-finanziarie del Gruppo.

Comitato remunerazione

Il Comitato per la Remunerazione ha il compito di formulare proposte al Consiglio di Amministrazione per la remunerazione del presidente, del vice presidente, dell’amministratore delegato e dei direttori generali, nonché sulla base delle indicazioni fornite dall’amministratore delegato, per l’adozione di criteri generali di remunerazione dei dirigenti.

Il Comitato, inoltre, valuta periodicamente l’adeguatezza, la coerenza complessiva e la concreta applicazione della politica generale adottata per la remunerazione degli amministratori esecutivi e dei direttori generali.

Nello svolgimento delle sue funzioni, il Comitato per la Remunerazione ha la possibilità di accedere alle informazioni e alle funzioni aziendali necessarie per lo svolgimento dei suoi compiti.

Si precisa che almeno uno dei componenti del Comitato possiede esperienza in materia contabile e finanziaria, ritenuta adeguata dal Consiglio di Amministrazione al momento della nomina.

Societa’ di revisione

L'Assemblea dei Soci ha conferito l'incarico per la revisione del bilancio d'esercizio, del bilancio consolidato e per lo svolgimento di tutte le attività previste dal D.Lgs. 58/98 e successive modifiche, alla società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A.

L'incarico, la cui responsabilità è affidata al dott. Edoardo Orlandoni, ha una durata complessiva di nove esercizi e scadrà alla data di approvazione del bilancio d'esercizio al 31.12.2014.

 

Lobbying policy

Il dialogo politico e le relazioni di lobbying con le istituzioni sono curati da Hera in maniera istituzionale attraverso UTILITALIA realtà che riunisce i peers di settore rappresentandoli presso le Istituzioni nazionali ed europee.

Ha tra i suoi interlocutori le Autorità nazionali, le Commissioni parlamentari e i Ministeri competenti, con i quali collabora in occasione di proposte di legge e di provvedimenti inerenti i servizi di pubblica utilità a rilevanza economica. Rappresenta inoltre i servizi idrici, ambientali ed energetici in Europa, attraverso le Organizzazioni di settore cui partecipa. Dialoga e collabora, infine, con le Università, le Fondazioni, gli Enti e i Centri di ricerca sulle tematiche dei servizi pubblici locali e partecipa ai comitati tecnici nominati con decreto ministeriale, ad associazioni nazionali ed internazionali, a fondi, gruppi di lavoro e istituti di ricerca e comitati scientifici.

 

Il sistema di governance del Gruppo HeraSocietà di revisione Comitato remunerazione Comitato esecutivo Comitato etico Comitato controllo interno Collegio sindacale Cda

 

Pagina aggiornata al 12 aprile 2017

 
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente
 
Risultati economici 2017 - Il commento del Presidente del Gruppo Hera
 
 
BS 2017: il Valore condiviso
 
Valore condiviso al centro del bilancio di sostenibilità 2017
 
 
Lo sviluppo sostenibile
 
Un'Hera che scorre da 15 anni