Logo stampa
HomeGruppoAttività e serviziAmbienteSulle tracce dei rifiutiL'economia circolare e gli obiettivi europei

L'economia circolare e gli obiettivi europei

Nel 2015 la Commissione europea ha adottato un pacchetto di misure per la transizione verso un’economia circolare che prevede 3 obiettivi relativi ai rifiuti urbani.

Con l’8,6% di rifiuti in discarica il territorio servito da Hera è in anticipo di quasi 15 anni rispetto all’obiettivo e si posiziona ai livelli dei Paesi europei più virtuosi. L’Italia registra invece un ricorso alla discarica elevato e superiore alla media europea pari al 28%.

Per i rifiuti da imballaggio l’obiettivo europeo è di raggiungere un tasso di riciclo del 65% entro il 2025. Un ulteriore obiettivo è fissato per il 2030: 75%. Hera è prossima all’obiettivo del 2025 e lo ha già superato nel territorio dell’Emilia-Romagna (67% nel 2015) grazie a quantità di raccolta differenziata superiori alla media nazionale e agli alti tassi di riciclo, in particolare per la carta (per la quale l’obiettivo è superato).

L’obiettivo sul tasso di riciclo complessivo dei rifiuti urbani è fissato al 50% nel 2020. Ulteriori obiettivi sono fissati per il 2025 (60%) e 2030 (65%). I risultati di Hera sono vicini all’obiettivo e superiori alla media nazionale. Obiettivo 2020 raggiunto per tutti i materiali ad eccezione di plastica e organico per il quale però si registra un incremento rispetto all’anno precedente.

 
Economia circolare e gli obiettivi europei: il posizionamento di Hera