Logo stampa
15 anni
HomeGruppoResponsabilità socialeValore condiviso e priorità strategiche

Valore condiviso e priorità strategiche

Il nostro approccio al valore condiviso

Nel 2016 è stato avviato un percorso per identificare l’approccio Hera alla Creazione di valore condiviso (Creating Shared Value, CSV) ispirandosi alle indicazioni offerte da Porter e Kramer a partire dal 2011 e tenendo conto della nuova comunicazione UE sulla RSI dello stesso anno. Il percorso ha permesso di individuare una propria definizione di CSV che guiderà l’evoluzione dell’approccio alla CSR e che arricchirà ulteriormente la nostra rendicontazione di sostenibilità con nuove viste e prospettive.

Per Hera la creazione di valore condiviso avvienetramite tutte quelle attività di business che generano margini operativi e che rispondono ai driver dell’agenda globale, ossia quelle ‘‘call to action’’ al cambiamento per gli ambiti di competenza, indicate dalle politiche a livello mondiale, europeo, nazionale e locale.

La relazione tra CSR e CSV secondo Hera

Il nuovo approccio alla CSR di Hera aggiunge la prospettiva della creazione di valore condiviso alla già prevista, fin dalla costituzione del Gruppo, integrazione della sostenibilità nelle strategia e nelle attività di business.

Si traduce quindi in attività e progetti che:

  • migliorano le proprie performance di sostenibilità ambientale e sociale relative prevalentemente ai business gestiti (anche, ma non solo, in relazione alla legge e alla regolazione di settore);
  • generano margini operativi rispondendo ai driver (o priorità) dell’Agenda globale.

Quest’ultimo punto rappresenta quindi un’importante evoluzione dell’approccio «storico» alla CSR del Gruppo Hera che potrà aumentare il valore condiviso generato agendo sulla sovrapposizione tra business e priorità dell’Agenda globale.

 
Valore condiviso opt

Come abbiamo identificato le "call to action"

Nel corso dell'anno è proseguito il percorso avviato nel 2016 finalizzato ad analizzare l’”Agenda globale” e le necessità di cambiamento in essa contenute, che rappresentano delle  “call to action” per un’impresa come Hera. La comprensione e condivisione di questo scenario rappresenta un input fondamentale per arricchire ulteriormente, oggi e in futuro, la rendicontazione dei risultati ottenuti nelle dimensioni della sostenibilità; è al tempo stesso anche un’occasione per orientare la strategia e i processi operativi con l’obiettivo di affrontare il cambiamento e rispondere ai bisogni e alle aspettative del mercato e della società, accrescendo la competitività.

Il percorso si è svolto partendo dall’analisi delle politiche europee, nazionali e locali per arrivare all’individuazione dei Driver (o priorità) di cambiamento e le Aree di impatto di interesse Hera in considerazione degli ambiti di propria competenza.

Nel 2017 abbiamo analizzato 45 politiche a livello globale, europeo, nazionale e locale per individuare le necessità di cambiamento nella direzione della sostenibilità di interesse per Hera.

Da queste analisi abbiamo identificato 9 aree di impatto che abbiamo raggruppato in 3 ambiti che rappresentano le priorità dell'"Agenda globale" nei quali concentrare le nostre risposte.

 

I 10 obiettivi dell'Agenda ONU al 2030 di interesse Hera

L’Agenda Onu al 2030 è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’Onu che si sono impegnati a raggiungere 17 obiettivi individuati entro il 2030.

Tra questi ne abbiamo individuati 10 ai quali abbiamo associato i 59 "Faremo …" (obiettivi per il futuro) riportati nel Bilancio di sostenibilità 2017.

 

Come misuriamo il valore condiviso?

Il Gruppo Hera prosegue la propria rendicontazione, avviata per la prima volta con il bilancio di sostenibilità 2016, del MOL “a valore condiviso”, ovvero della quota di margine operativo lordo che deriva da progetti e attività che rispondono alle “call to action” classificate nei tre Driver CSV: nel 2017 è pari a 328,6 milioni di euro (pari al 33,4% del totale), in incremento del 9,6% rispetto all’anno precedente. Tale risultato è nella traiettoria segnata nel Piano industriale 2017-21 costruito affinché circa il 40% del Margine Operativo Lordo al 2021 derivi da attività di business che rispondono alle priorità dell’agenda globale di sostenibilità.

L’incremento di circa il 10% della quota di MOL “a valore condiviso” si registra a fronte di un incremento del MOL complessivo di Gruppo (pari a 984,6 milioni di euro) del 7,4% rispetto all’anno precedente.

Il contributo prevalente deriva da attività e progetti afferenti all’uso efficiente delle risorse (218,5 milioni di euro), seguiti da quelli relativi all’innovazione e contributo allo sviluppo del territorio (circa 75,8 milioni di euro). L’uso intelligente dell’energia contribuisce nel 2017 per 64,4 milioni di euro. 

 
MOL CSV 2017
 
 

Pagina aggiornata al 24 maggio 2018

 
 
Valore condiviso nel del bilancio di sostenibilità 2017
 
Valore condiviso al centro del bilancio di sostenibilità 2017
 
 
Lo sviluppo sostenibile
 
Lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Hera
 
 
Hera scorre da 15 anni
 
Un'Hera che scorre da 15 anni