Testata Raee per il sociale

Corpo Raee per il sociale

Con il progetto RAEE in carcere, Hera in collaborazione con Techne, le amministrazioni locali, i Comuni di Forlì-Cesena, Bologna e Ferrara, i consorzi RAEE Ecolight ed Ecodom, agenzie di formazione professionale e cooperative sociali, contribuisce all’inclusione socio-lavorativa di persone in esecuzione penale o reduci dal carcere.

Dal 2013, 44 detenuti sono impiegati nei 3 laboratori dello smontaggio RAEE, grandi e piccoli elettrodomestici, che provengono dai centri di raccolta differenziata del Gruppo Hera. Dall’inizio del progetto ben 17 detenuti sono stati assunti, con un contratto a tempo indeterminato in aziende del territorio specializzate nel settore del recupero.

 

I numeri del progetto
Grazie a questo progetto, abbiamo coinvolto
105 ex detenuti dall'avvio dell'iniziativa;
35 ex detenuti sono stati assunti o accompagnati
all’inserimento lavorativo in imprese del
territorio e sono state trattate 5.169 ton
di apparecchiature elettriche ed elettroniche.
L'impegno di Hera per il sociale si sviluppa anche attraverso una serie di altri progetti
volti all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate e al recupero di materiali:
Carteria Manolibera
Dal 2011, questo progetto realizzato in collaborazione
con la Casa Circondariale di Forlì e con l'istituto di
formazione Techne 
ha permesso di realizzare
al'interno del penitenziario una cartiera artigianale di
qualità che produce manufatti in carta di alto pregio
artistico ed ecologico. I prodotti, vengono poi
commercializzati da Legatoria Berti che si occupa del
marketing partecipando anche ad eventi di settore
rivolti ai wedding planner. Nel 2018 i detenuti
impiegati nel laboratorio erano quattro, oggi si sta
valutando un progetto di formazione finanziato per
portare a bordo altre cinque persone.
RAEEbilitando
Il laboratorio “RAEEbilitando” coinvolge giovani diversamente
abili nel disassemblaggio di RAEE non pericolosi costituiti da piccoli
elettrodomestici. È attivo a Bologna grazie alla collaborazione fra
la concorrente, l’Opera Pia dell’Immacolata e la Tred Carpi S.r.l..
Dopo un periodo di sospensione dell’attività, dovuta all’adeguamento
dei locali ove opera il laboratorio ed alla revisione delle attività
organizzative e gestionali, il progetto prevede di riprendere nel corso
del 2020 dopo il completamento dell’iter autorizzativo avviato dall’OPIMM.
In ragione di ciò i ragazzi disabili e le persone in situazioni svantaggiate
impegnate nel laboratorio di Bologna potranno riprendere il lavoro di
disassemblaggio di RAEE, non pericolosi, di piccole dimensioni. Al momento
dell’interruzione dell’attività erano impegnate 7 persone oltre a 3 in periodo
di formazione. I materiali da disassemblare proverranno interamente
dalla raccolta di piccoli RAEE eseguita con le attrezzature realizzate da Hera
nell’ambito del Progetto LIFE IDENTIS WEEE (contenitori bordeaux
distribuiti presso i più grandi centri commerciali di Bologna e Provincia).
Si prevede che il Progetto “RAEEbilitando” possa disassemblare circa
20 tonnellate/anno di RAEE avviando a recupero le principali materie
di cui sono composti (rame, alluminio, plastiche, vetro, ecc).
Recupero scarpe e materiali tessili
Nel 2010 con il progetto Le tue scarpe al centro nato
su iniziative dal centro per l'Educazione alla
sostenibilità ambientale,
abbiamo riavviato al
recupero la gomma presente nella suola di scarpe e
infradito raccolte presso le stazioni ecologiche.
Nel 2018 è stata avviata un'attività di raccolta dei
rifiuti tessili
nell'ambito delle iniziative con contenuti
solidaristici.

Seleziona il tuo comune

HeraAssetPublisherFilterComuneSelector

Scopri i servizi nel tuo comune

Pre-Footer Insieme